mercoledì 19 giugno 2013

Basbousa al cocco e allo yogurt|Un dolce da mille e una notte

Chissà perché quando pensiamo ai dolci medio-orientali, siamo convinti che siano troppo complicati  e lunghi da realizzare, o che richiedano ingredienti di non facile reperimento... Niente di tutto questo, anzi, sono di una facilità estrema, tanto che ognuno di noi, anche senza esperienza in merito, può preparare ed offrire dei dolcetti diversi, che profumano d'Oriente...
Essì, l'unica cosa che ci occorre è un po' di acqua di rose, o di acqua di fiori d'arancio, immancabili per aromatizzare qualsiasi pasticcino e per connotarli in maniera ben definita, per il resto nulla di particolare...
Oggi, per dimostrare quanto detto, vi proponiamo il classico ed arcinoto Basbousa, dolce comunissimo in tutto il Medio Oriente caratterizzato da mille ricette e varianti locali, se non addirittura familiari.
 Ne esistono di vari tipi, con yogurt, cocco, ripieno di mandorle, ma tutti sono composti da una base di semolino, zucchero e burro. Nulla quindi di particolare, tanto che sono quasi certa che ognuno di voi abbia già questi tre ingredienti in casa.
Sulla facilità e rapidità di esecuzione posso solo dirvi che quello in foto è stato realizzato dalle maldestre mani di una delle ragazze, notoriamente allergica a tutto ciò che non è di immediata esecuzione... Vi assicuro che è venuto buonissimo, tanto che lei stessa ne è rimasta piacevolmente colpita.
 Quindi andate tranquille: semplice rapido e buono, non si può chiedere di più!
Se poi aggiungete il fascino che questo dolce si porta dietro, direi che lo vedo adattissimo per queste calde notti di Giugno, accompagnato con un buon gelato alla vaniglia.
Riporto di seguito due ricette di Basbousa: una al cocco e l'altra allo yogurt. La prima ricetta mi fu data anni fa da una signora libanese residente in America e l'altra, appena modificata, giusto per alleggerirla  un po', l'ho presa da qui.
Personalmente li ho completati entrambi con granella di pistacchio e acqua di rose, che insieme sono un matrimonio perfetto. Nulla vieta, a chi piace, di usare mandorle, o acqua di fiori di arancio. Sono molto simili fra loro, anche se quello allo yogurt risulta più morbido e ricco.
BASBOUSA  AL COCCO
113 g di burro fuso
3/4 cup di zucchero
1/2 cup di farina
1+ 1/4 cups di semolino fine
1+ 1/2 cups di farina di cocco
3/4 cup di latte circa
1 cucchiaino di lievito
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
per lo sciroppo:
1+1/2 cup di zucchero
1 cucchiaio di succo di limone
4-5 cucchiai di acqua di rose circa
pistacchi o mendorle per rifinire.
Preparare per prima cosa lo sciroppo mettendo in un pentolino lo zucchero, il succo di limone e tanta acqua necessaria a coprire appena lo zucchero stesso. Portare all'ebollizione mescolando di tanto in tanto e facendo poi bollire lo sciroppo per 5-6 minuti. Poco prima di togliere dal fuoco, unire l'acqua di rose. Fare freddare bene lo sciroppo in frigo.
In una ciotola capiente mescolare semolino, farina, farina di cocco, zucchero, lievito: fare un incavo e versarvi il burro fuso, il latte e la vaniglia. Mescolare con un cucchiaio fino ad ottenere un impasto molto morbido. Lasciarlo riposare una mezz'ora in modo da far gonfiare bene il semolino e se fosse un po' troppo asciutto, (dipende dal tipo di semolino e da quanto assobe il cocco), aggiungere un po' di latte. L'impasto deve essere sul tipo di una crema molto densa.
Versare il composto in una teglia imburrata, in modo che lo spessore sia di un paio di centimetri al massimo e cospargere con il pistacchi tritati, premendo appena con la mano per farli aderire bene all'impasto. Si può già pretagliare il Basbousa in losanghe o quadretti, ma volendo si può anche procedere a questa operazione dopo la cottura. Se si realizzano subito i tagli è possibile decorare ogni losanga con una mandorla, o con un pistacchio, interi, al centro.
Cuocere a 180°C per circa 40 min. Il dolce deve essere ben cotto.
Irrorarlo immediatamente con lo sciroppo freddo e lasciare bene assorbire. Servire tiepido o freddo, tagliato a losanghe, o a quadretti. Io ho decorato ogni losanga con dei boccioli di rosa.
Buonissimo appena tiepido, accompagnato con gelato alla vaniglia.
BASBOUSA ALLO YOGURT
400 ml di panna acida
125 ml di yogurt magro
2 cups di zucchero
200 g burro fuso
2 cups di semolino
Per lo sciroppo:
2 cups di zucchero
1 cucchiaio di succo di limone
100 g di burro
pistacchi o mandorle per rifinire
In una ciotola capiente mescolare la panna acida, lo yogurt e lo zucchero fino a che questo non risulti ben  sciolto. Unire quindi il burro fuso e il semolino. Controllare che l'impasto abbia la giusta consistenza (io ho aggiunto un pochino di semolino).
Versare nella teglia e procedere come spiegato nella ricetta precedente. Cuocere a 180°C per circa 40-45 minuti.
Quando il dolce è quasi pronto preparare lo sciroppo  mettendo in un pentolino lo zucchero, il succo di limone e tanta acqua necessaria a coprire appena lo zucchero stesso. Portare all'ebollizione mescolando di tanto in tanto e facendo poi bollire lo sciroppo per 5-6 minuti. Poco prima di togliere dal fuoco unire l'acqua di rose ed il burro.
Versare il liquido bollente sul dolce appena estratto dal forno. Lasciar freddare bene e tagliare a losanghe.
Per una versione più leggera è possibile sostituire la panna acida e lo yogurt con 500 ml di yogurt greco intero.
Personalmente ho decorato ogni losanga con dei boccioli essiccati di rose del Libano, per dare un aspetto più romantico al tutto.
Anche in questo caso ho accompagnato il dolce con un gelato fiordilatte meringato....

A presto,
 Paola









Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...