mercoledì 27 luglio 2011

Parmigiana di zucchine

Della Parmigiana ne avevo già parlato quando vi avevo proposto una variazione sul tema un po' particolare...



Quello che però non vi avevo detto è che a casa mia per la Parmigiana, sia essa  di zucchine  piuttosto che di melanzane, si usa friggere infarinando e poi passando nell'uovo sbattuto entrambi gli ortaggi. La versione alla napoletana con le melanzane semplicemente fritte - senza uovo né farina, per intenderci - noi la chiamiamo Parmigiana napoletana espressa, cioè fatta lì per lì, in quattro e quattr'otto! Come se fosse davvero la cosa più semplice del mondo...:D :D :D 
Questo per dire che la Parmigiana a casa mia occupa un posto di  assoluto rilievo, specie d'estate; se gustata fredda, costituisce uno di quei piatti da cui non si può prescindere e figuriamoci se oso prescindere..
Vi spaventa l'idea di friggere e accendere il forno col solleone? Ma nooooooo... Basta organizzarsi cucinando di sera per il giorno dopo, oppure come usa qui da noi,  ci si sveglia all'alba, si preparare tutto prima, per mangiare la Parmigiana al ritorno dal mare. Vi assicuro che non c'è nulla di più buono!!!! Se per caso ne avanzasse un po' ( beh, io la faccio avanzare sempre) mettetela in frigo e il giorno dopo usatela per farcire panini appena sfornati...
 Chevelodicoaffà?  Pane caldo e parmigiana fredda sono 'na goduria immensa!!!!!^___^

Parmigiana di zucchine




Ingredienti:

500-600 ml di sugo di pomodoro già cotto (come questo o meglio ancora se questo QUI
150-200 g di mozzarella oppure sostituirne metà con scamorza affumicata
3-4 zucchine (medie)
3-4 uova (medie)
formaggio grattugiato  q.b.(solo parmigiano o misto a pecorino) 
farina q.b.
olio extravergine per friggere
sale q.b.


 Per prima cosa lasciate sgocciolare bene la mozzarella e mettete sù il sugo di pomodoro che deve cuocere bene e non essere acquoso. Mentre cuoce il sugo, affettate con la mandolina le zucchine tagliandole per il lungo il più sottili possibile (la seconda tacca della mandolina va benone), infarinatele ben bene, scrollando successivamente la farina in eccesso. Mettete a scaldare abbondante olio in una larga padella e nel frattempo in una ciotola sbattete le uova (cominciate con 2 e proseguite con le altre all'occorrenza) senza salarle, mi raccomando, prima della cottura, ma solo dopo averle fritte. Friggete dunque le zucchine infarinate, dopo averle passate velocemente nelle uova sbattute, spolveratele di sale fino e lasciatele asciugare su carta da cucina. Vi accorgerete che saranno croccanti senza essere unte, specie se avrete fritto alla giusta temperatura, intorno ai 200°.
 Un metodo empirico per saggiare la  giusta temperatura dell'olio per la frittura, è quello di metterci un pizzico di farina... se si sente sfrigolare, e l'olio caldo fa le bollicine,  è a temperatura. :)))
 Dopo aver terminato di friggere tutte le zucchine, montate la Parmigiana sporcando di sugo il fondo di una teglia rettangolare, ponetevi un primo strato di zucchine, messe in bell'ordine, una vicina all'altra, coprite con la mozzarella tagliata a dadini piccolissimi, con altro sugo e con formaggio grattugiato. Fate almeno due tre strati (anche più, of course) e terminate con zucchine, sugo e formaggio, senza mozzarella. Infornate a 200° e portate a cottura facendo gratinare la superficie. Lasciatela riposare e non mangiatela subito anche se il profumo vi farà svenire... la Parmigiana, sia essa di zucchine o di melanzane si deve  rassodare ed insaporire. Potete anche lasciarla nel forno spento ad asciugare, tenendo però conto che dovrete spegnere il forno circa una decina di minuti prima di fine cottura.
 Se vi piace servirla in piccole cocottine come quelle che uso io, cuocete prima la parmigiana in un'unica comune teglia di metallo e solo quando sarà ben fredda dividetela nelle cocottine. 
 Buona giornata a tutti,
Ornella


Piesse: Se vi interessano un po' di notizie storiche su questo piatto, pubblicate proprio stamattina, le trovate qui! Anzi, non ve e perdete!!!!






Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Copyright 2009-2011© Ornella Ammodomio - All Rights Reserved


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...