mercoledì 1 dicembre 2010

La merenda dei bimbi e la casetta di biscotto....ma anche no!

Qualche tempo fa, in un altro contesto, avevo avuto modo di notare come Csaba, nelle sue innumerovoli puntate, aveva trattato sempre gli stessi argomenti (cena a due romantica, pic-nic, tè con le amiche...) più e più volte, trascurandone del tutto altri, come quello appunto della festicciola per bambini.
Finalmente Csaba affronta questo evento e lo fa calandolo all’interno delle festività natalizie. Quale momento migliore per invitare i compagni dell’asilo o delle elementari, se non quello delle vacanze di Natale? Mentre le mamme discorrono fra loro, i bimbi giocano e poi si riuniscono intorno alla tavola apparecchiata proprio per loro, per una merenda all’insegna della gioia e della spensieratezza.


DSCF0097



Iniziamo subito passando in cucina, dove Csaba prepara una casetta di pan di zenzero che nell’immaginario infantile assume il valore di un oggetto fantastico e desiderabile. Su questa scelta mi trovo pienamente d’accordo, mi sono sempre piaciute, le ho desiderate tanto da bambina ed ora che sono, ehm....cresciuta, le realizzo di tutti i colori, con grande passione e divertimento.
Ma vediamo come Csaba ci consiglia di procedere. Prima di tutto bisogna procurarsi uno stampo di silicone in cui sono stampate le varie parti della casetta, poi procedere con l’impasto di pan di zenzero. La ricetta le è stata data dallo chef pasticciere Luca Montersino che Csaba arditamente definisce suo collega. Non ci dice le dosi, ma solo gli ingredienti che impasta come una frolla, utilizzando il Kitchen Aid: burro e zuccheri (di canna e bianco) ben montati, poi le spezie, cannella e zenzero, infine poco latte e la farina setacciata con il lievito. Pronto l’impasto, Csaba cerca di impastarlo un poco sul piano di lavoro e poi comincia a riempire le cavità dello stampo.




DSCF0104

Inizia prima posizionando una porzione di pasta piuttosto abbondante su una delle cavità e poi con i polpastrelli cerca di colmare tutto lo spazio . Si aiuta poi con il matterello, per premere e spianare bene, ma si capisce subito che l’impasto è troppo e per toglierlo Csaba utilizza un coltello. Alla fine la pasta deborda oltre lo spessore dello stampo, ma Csaba non se ne preoccupa più di tanto. Per le successive cavità, decide di adottare un’altra tecnica, ossia quella di stendere la pasta con il mattarello sul piano di lavoro e poi di posizionarla nelle cavità.....Peccato però che la pasta la stenda troppo sottilmente e che una volta posizionata nelle cavità queste non risultano essere ben piene. Comunque sia, la scena successiva mostra Csaba che inforna gli stampi riempiti e con lena si appresta a preparare la ghiaccia reale (che lei chiama glassa) con albume e zucchero a velo per poi colorarla di azzurro e rosa. Cotte le parti della casetta arriva il momento del montaggio e Csaba è visibilmente emozionata!!!!
Mette le varie ghiacce in tre tasche di plastica che però non dota di bocchetta, ma taglia direttamente in punta. Mette quindi parecchia ghiaccia bianca sui bordi dei vari pezzi e parte a sistemare le quattro pareti. La ghiaccia è molta e fuoriesce dalle giunture, ma Csaba non pare farci troppo caso.






DSCF0106




Passa poi a decorare le finestre delle pareti utilizzando la ghiaccia azzurra, e qui commette un errore piuttosto grave. Le pareti vanno decorate prima del montaggio, non dopo e questo per due motivi: primo, perchè è molto più facile decorare con le tasche in posizione orizzontale e secondo perchè in verticale il decoro tende inevitabilmente a scolare verso il basso, per le note leggi della gravità. Fatti i decori, Csaba monta il tetto, lo rifinisce con qualche altro decoro e la casetta è pronta. Merry Christmas!!!



DSCF0107


Csaba con un grande cesto fra le mani ci raggiunge in sala per terminare di apparecchiare la tavola. Qui è un tripudio di candele, di luci, di scintillii....Come giustamente ha notato mia figlia, Csaba è vestita da mamma, con un maglione jacquard e dei semplici Jeans.


DSCF0101


Ci assicura che per organizzare al meglio la merenda bisogna apparecchiare la tavola come per gli adulti, con piatti, bicchieri, tazze, posate, da “grandi”. Questo fa sentire importante il bambino e lo abitua fin dalla più tenera età alle buone abitudini. La Signora del bon ton ci tranquillizza sul fatto che non dobbiamo comperare apposta un corredo di piatti adatti all’occasione, ma che basta giocare sui colori. Sarà come dice lei, però sulla tavola ella dispone dei piatti e delle tazze che per dimensione e decoro sono specificatamente realizzate per i più piccini, anche se poi posate e bicchieri sono del tutto “normali”.


DSCF0099




Partendo da colore dominante delle tazzine e dei piatti, Csaba gioca tutto sul colore azzurro-verde mare abbinato ai toni del rosso e del marrone. La tovaglia è di un colore neutro, grigio marrone, su di essa sono poste quattro tovagliette americane in tessuto azzurro-verde mare, con i relativi tovaglioli. I quattro plassé sono delimitati da altrettanti sottopiatti in rattan marrone scuro, su sui sono appoggiati i piatti e le tazzine da caffè con il loro relativo piattino. Le posate sono in acciaio, con manico in legno ed i bicchieri sono dei semplici tumbler in vetro.


DSCF0095




Il resto della tavola è occupato da una miriade di piccoli oggetti: alzatina in vetro con delle piccole pigne sopra, orsacchiotto di peluche, stelle e coroncine di campanellini argentati che saranno dei piccoli doni per gli ospiti, candele azzurre (che Csaba accende in diretta),piccoli decori, porta candele dai vari disegni naif.


DSCF0102




A colmare i piccoli spazi vuoti ancora rimasti ci pensa Csaba, con delle piccole caramelle di zucchero a forma di cuore dai delicati colori pastello...Due delle quattro sedie in stile, sono già occupate da due grandi pupazzi di pezza che idealmente già si apprestano alla merenda.
L' ultimo suggerimento di Csaba verte su cosa offrire ai piccoli invitati : acqua, succhi di frutta, tè o cioccolata calda, biscotti di pasta frolla e se vogliamo una torta fatta in casa. Ultimissima cosa sono le canzoncine di Natale che dovranno accompagnare la festa dei nostri piccini....E sulle note di queste ultime, Csaba ci saluta e ci augura (ancora), Merry Christma !!


DSCF0096





Aspetto il vostro parere su questa tavola, soprattutto dalle mamme di bimbi sui cinque sei anni a cui Csaba fa riferimento. Io ormai ho ragazze adolescenti e per quanto siano passati solo dieci anni, già non ricordo più come erano le mie bimbe a quell'età. Pensate che questa tavola sia gestibile durante una festicciola tra piccini? E tutte quelle candele accese, fra consolle e tavola?
A voi la parola!


Paola
PS:Una doverosa premessa QUI e la prima puntata Qui

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.


Dicembre 2010

 E così, tra una cosa e l'altra, siamo arrivati a Dicembre... 
Scegliere tra le vostre proposte è stata un'impresa non da poco, ci avete tutti  inviato ricette molto intriganti e foto straordinarie!
 Come recitava un famoso slogan pubblicitario però, il Natale quando arriva... arriva e quindi la scelta della foto e della ricetta di Dicembre non poteva che richiamare le prossime festività. 
Beh, Stefania, nota nella blogosfera come Araba Felice, ha realizzato un alberello di cioccolato che ci ha colpite al cuore: essenziale, elegante ma soprattutto golosissimo! 
E che dire del suo delizioso e divertentissimo post?  E' la sintesi dell'approccio alla cucina che prediligiamo, una cucina fatta di grande passione, ma anche di tanto  sano divertimento, in cui la tecnica e la manualità coniugate perfettamente, danno vita ad una creazione  che appare "semplice".
Eheheheheh... dite la verità, non vi fa venir voglia di provarci? Se per caso ve lo foste persi, andate subito a leggerlo, ne vale la pena! :DDD
Per il Calendario Ammodomio del 2011 vi diamo appuntamento all'anno prossimo.  Da Gennaio si ricomincia... Ci state, vero?
 Grazie davvero di cuore a tutti,
 Ornella e Simona
p.s.: Stasera ci vediamo tutti all'Interno Otto? Vi aspettiamo... ;)))


ammodomio dicembre 2010



  ALBERELLO DI CIOCCOLATO

cioccolato fondente di buona qualita'
zucchero a velo, per la decorazione

Cominciare temperando il cioccolato, per cui vi rimando al completissimo post del mago del settore, Nanni.
Ammetto che ormai, avendolo fatto molte volte, non uso piu' nemmeno il termometro.
Con il temperaggio il cioccolato manterra' meglio la forma, sara' piu' stabile una volta solidificato di nuovo ed i rami si staccheranno perfettamente dalla carta forno ;-)
Allora, cominciare preparando un piccolo conetto di carta forno e servirsene per creare tante croci di dimensioni diverse, le piu' grandi saranno la base dell'albero, e via andando con dimensioni decrescenti.
Consiglio di fare due/tre croci per ogni dimensione. Le mie croci piu' grandi misurano 12 cm, quelle piccole della cima circa 2cm, poi da 10, da 8, da 6 e cosi' via, ma a voi scegliere le dimensioni che preferite.
Non e' richiesta una particolare precisione, l'abero montato sara' bello lo stesso anche con qualche ramo storto...



Lasciar rapprendere il cioccolato, magari passandolo in frigo se da voi fa caldo come da me.
Quando saranno solidificate, cominciare a montare l'alberello con le prime croci grandi, che vanno sovrapposte una sull'altra in maniera sfalsata usando come colla del cioccolato fuso.
La foto lo spiega meglio di come possa farlo io :-)



Ecco un altro piano incollato:



E come si presenta dopo qualche altro ramo:



A questo punto fermatevi, e mettete l'alberello a solidificare. Anzi se preferite fermatevi ancora prima, sara' piu' semplice poi montare i rami superiori.
Non cercate di assemblarlo tutto in una volta!
Completate con gli ultimi rami e rimettete in frigo.
Prima di utilizzarlo, spolveratelo con poco zucchero a velo per simulare una nevicata.

NOTE:
- messo in una scatola trasparente, e' un delizioso pensierino natalizio.
- e' bellissimo per arricchire un centrotavola, o un tavolo dei dolci.
- personalmente, a Natale li faro' minuscoli, e li usero' come segnaposto.
Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...