venerdì 25 marzo 2011

Panzerotti (metodo classico)

Come vi avevo promesso circa un mese fa ho proseguito i miei studi di Panzerottologia comparata... Seriamente eh, mica per scherzare! :D


Panzerotto (metodo classivo)

Stavolta è toccato ai Panzerotti preparati col metodo classico, quelli con il lievito per intenderci, fatti con tutti i sacri crismi.


LADRO di Panzerotti


 Ed il rito si è rinnovato secondo il solito copione, sgraffignamento di Panzerotto bollente compreso, da parte del solito ladruncolo che si aggira furtivo in cucina tutte le volte che sente odor di frittura!:)))
Il furto, avvenuto, mentre stavo cercando di fare qualche foto, è stato immortalato al volo, come prova a futura memoria.


Il bottino

Ma veniamo alla ricetta che prevede un semplice impasto lievitato... niente di complicato in verità. Se seguite i miei accorgimenti il risultato sarà da urlo! ;)
 Mi rivolgo in particolare alla  mitica signora Maria L., per la quale nutro una vera e propria venerazione e che so essere un'attenta lettrice di Ammodomio..."li provi e mi faccia sapere che ne pensa. Ci tengo molto al suo parere... Ci conto, eh! :))"

Panzerotti (metodo classico)


FRITTI

Ingredienti:

Per l'impasto

500 gr di farina 00
500 gr di farina 0
450-500 ml di acqua tiepida
25 gr di lievito di birra
2 cucchiai di olio extravergine
3 cucchiaini di sale fino
1 cucchiaino di zucchero
3-4 manciate di semola rimacinata di grano duro (solo per sporcare la spianatoia prima di stendere l'impasto)

Per il ripieno

600 gr di mozzarelle (lasciate sgocciolare dal giorno precedente)
passata di pomodoro q.b. (**)
parmigiano grattugiato q.b. (o pecorino, oppure un mix 50% e 50%)(***)
un pizzico di sale
qualche fogliolina di basilico fresco
pepe macinato al momento (facoltativo)o q.b

olio extravergine per friggere

In un bicchiere di plastica usa e getta mettete lo zucchero, il lievito e 2 cucchiaini di farina presi dal totale e tanta acqua tiepida fino ad arrivare alla metà del bicchiere. Sciogliete bene il lievito mescolando con il cucchiaino, spargetevi sù altri 2-3 cucchiaini di farina, senza mescolare e coprire con un piattino. Dopo 10-15 minuti il "lievitino" avrà radoppiato il suo volume, mettetelo in una ciotola capiente con le 2 farine e cominciate - aggiungendo acqua tiepida a poco a poco - ad impastare. Mettete l'olio, il sale e lavorate il composto fino a che non si staccherà dalla ciotola e sarà elastico.  Prendete l'impasto, poggiatelo tutto sulla mano sinistra e portate verso il centro i bordi ricadenti per farne una palla; metettelo nella ciotola, praticate un taglio a croce e copritelo con la pellicola; tenete  la ciotola nel forno spento a lievitare, al riparo da correnti d'aria. Nel frattempo preparate il ripieno, tagliando la mozzarella a dadini, mescolandovi la passata di pomodoro, il parmigiano, il sale ed il basilico fresco spezzettato a mano. Sarà trascorsa circa una mezz'ora per cui potrete prendere l'impasto e dividerlo in tante palline.


Palline di impasto


 Per fare questa operazione, infilate i pollici nel pezzo di pasta lievitata, schiacciatelo e rigiratelo tra le mani, per formare una pallina che sia vuota all'interno, richiudetela e lasciate lievitare ancora per altri 30 minuti.(*) A questo punto potrete cominciare a stendere la pasta ed a friggere i Panzerotti, oppure mettere le palline in frigo sul ripiano di mezzo, opportunamente coperte con carta forno, messe in una busta di plastica, per procedere alla cottura dopo qualche ora. Basterà riportare l'impasto a temperatura ambiente, stendere l'impasto sul piano infarinato con semola rimacinata, farcire i panzerotti e friggerli - pochi per volta - in olio profondo ben caldo, ma non fumante. Mi raccomando!


MATTERELLO


 Non stendetene e chiudetene più di 3-4 per volta, sennò rischiano di aprirsi in cottura... In ogni caso, per evitare problemi, tutte le volta che sigillate un Panzerotto, inumidite con le dita bagnate d'acqua il bordo e successivamete premete bene per far attaccare l'impasto.


mezza luna




(*) Per la formatura della "palline" altre foto QUI.
(**) E' abitudine diffusa usare i pelati ben sgocciati. Qualcuno li fa restringere  cuocedoli appena appena. C'è chi usa solo pomodoro fresco crudo e condito co sale e olio, oppure cotto.
(***) Uso parmigiano contrariamente alla maggioranza dei baresi che utilizza pecorino o misto.

Spero di essere stata sufficientemente chiara ed avervi detto tutto, altrimenti chiedete pure...

Buonissimo w.e. a tutti.
 Ornella



Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 

51 commenti:

  1. hanno un aspetto favoloso!!!

    RispondiElimina
  2. Tentratrice!!! A quest'ora del mattino!!! Adesso mi è venuta voglia di panzerotti e non faccio più i mestieri! :)

    RispondiElimina
  3. Ornellina.... io impazzisco per i panzerotti e il copione si ripete identico anche da noi quando mia mamma li prepara.... noi ci aggiriamo in cucina pronte a sgraffignare un panzerotto bollente....ma che soddisfazioni!!!!!!
    Sei guarita????

    Un abbraccio e a presto
    PAola

    RispondiElimina
  4. che meraviglia !!! prima o poi farò un salto dalle tue parti anche "alla ricerca del panzarotto perduto" ... per ora solo un "bacio con il vento" ... e il commento a più tardi !!! buona giornata anche da "crudy" ...

    RispondiElimina
  5. eh mamma mia che tentazione!!! questo we devo assolutamente rifarli!!!!

    RispondiElimina
  6. vieni a fare un giro sul mio blog
    http://fotoandfoood.blogspot.com/

    RispondiElimina
  7. Ornella, sai quanto non mi piaccia friggere... ma questi li faccio! poi ti dico
    ciao

    PS: hai messo dosi per un esercito... mi toccherà fare di conto per ridurre

    RispondiElimina
  8. caspita che brava! sei diventata esperta! complimenti, mi viene l'acquolina in bocca! annoto subito e replico! :-D

    RispondiElimina
  9. @Mirtilla, anche il saore ;)
    @Lauretta, in un paio d'ore te la cavi e puoi sfamare la truppa! :))
    @Paoletta, è così dovunque allora! ;)) Macché, pensa che oggi al massimo mi tocca un brodino di pollo! :((

    RispondiElimina
  10. @Crudy, non te ne pentirai! :P
    @Valentina, fammi sapere.:)
    @Morè, tu sì che ne capisci! ;)))

    RispondiElimina
  11. @Mary, sììììììììì...
    @giugiu, non manvherò!
    @Fabiola, da noi in 3, mezza dose basta a malapena... ne devo sottrarre un paio per l'assaggio canonico serale del"fidanzato" della creatura! :))
    @Dada, ci ho messo un po' ma ormai sono un'esperta vera! ;))

    RispondiElimina
  12. va bene...facciamo anche questi....
    rimettiti!!!

    RispondiElimina
  13. non so se è solo un mio problema, ma si vede solo la prima foto... comunque mi basta per capire la bontà dei tuoi panzerotti! ciao

    RispondiElimina
  14. Ornella, mai furto fu più giustificato! E come si fa a resistere? E' da un secolo che non ne prepariamo, ma non ci sono mai riusciti così bene, quindi cominciamo dall'inizio, la prima cosa è portarci a casa la tua ricetta, per il resto ci attrezziamo. Evviva il panzerotto classico!
    Baciotti
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  15. @Paola, sìììììììììììììììì..
    @Caia, non me lo dire!! Ci ho impiegato una vita per caricarle tutte!!!! :(((
    Ma gli altri le vedono?

    RispondiElimina
  16. mamma mia, perfetti... super golosiiiiiiiiiii!!!

    RispondiElimina
  17. Ma i panzerotti mi macchiano sempre appena li taglio! Come faccio a non sporcarmi per una volta? Vorrei tanto rifare la tua ricetta!

    RispondiElimina
  18. Insomma Ornella con la primavera non puoi farci questo smacco!!!Che vogliaaaaaaaaaa!!! Baci

    RispondiElimina
  19. Appena li proverò le farò sapere cara Ornella....Intanto quelli senza lievito sono venuti ottimi, direi superbi!!!!E' vero la seguo sempre e più volte nello stesso giorno.
    Alla faccia del blogghetto delle piccole cuoche e delle piccole donne. Tiè !
    Maria Elle

    RispondiElimina
  20. @raffy, perfetti non lo so, ma uoni sicuro! :P
    @ cristi, servono tovaglioli di carta a gò gò :)
    @Pagnottina, ma la primavera è il periodo ideale per friggere... si possono tenere le finesre aperte tranquillamente...

    RispondiElimina
  21. Carissima signora Maria Elle, sapere che lei ci segue, eheheheh.. e prova le nostre ricette, ci ricompensa delle stupidaggini di qualche detrattice invidiosa! ;)))
    Paola ed io, siamo lunsingate dalla sua considerazione.
    La ringrazio infinitamente,
    Ornella

    RispondiElimina
  22. io amo i panzerotti,ne mangerei a volontà,ciao

    RispondiElimina
  23. ci hai fatto venire l'acquolina in bocca! Questi tuoi studi panzerottesti ci piaccono molto :-)

    RispondiElimina
  24. Ecco, questi sono tra le cose che preferisco in assoluto...non riesco davvero a resistere!!!Perfettamente eseguiti!!Un bacione

    RispondiElimina
  25. sono una meraviglia! me li fa mia madre (io mai fatti lo ammetto) e li trovo buonissimi :P

    RispondiElimina
  26. Orne', mi vergogno tanto a farti 'sta domanda ,
    ma che differenza c'è tra panzerotti e calzoni ?
    I primi sono fritti e i secondi no ? Solo questo
    o molto altro ? Sono "una-che-ignora" certe varietà.
    Auguri a te , Ruli

    RispondiElimina
  27. I panzerotti sono uno dei più grandi piaceri della vita!!!!!

    RispondiElimina
  28. Ohhhh!! Finalmente la ricetta dei panzerotti! Da un paio di giorni la cercavo, in verità non ancora sul WEB ma solo tra i miei libri di cucina (libercoli, dato che nn la riportano :( , in casa me li hanno espressamente richiesti. Quindi GRAZIE carissima per questa preziosa ricetta, e ora che ti ho trovato, TI SEGUO ;))

    RispondiElimina
  29. segno subito la ricettina!! otimmi ;)
    baci buon we

    RispondiElimina
  30. ma ma....manco fossero i panzerotti martinesi!! Eccezionali ornelli! e spiegazione fantastica: quasi quasi...

    RispondiElimina
  31. Ah, che languore....un piatto ricco e squisito!!

    RispondiElimina
  32. Per quanti ne hai mangiati ti sei ammalata ...confessa...dì la verità !!! ;)))

    RispondiElimina
  33. Caspiterina!!! Non ho parole!!! Una ricetta semplice ma un risultato davvero eccellente!
    Donatella

    RispondiElimina
  34. mmmhmm... io a volte sogno girotondi di panzerotti, fritti e danzanti, croccanti, salati, che mi abbracciano in questa vita spagnola così lontana dalla mia Puglia!

    RispondiElimina
  35. Anche io verrei a rubacchiare volentieri...sono meravigliosi!

    RispondiElimina
  36. Ornella ti giuro che ho la salivazione a 1000! sarà anche ora di cena, ma a me i panzerotti fa venire fame ad ogni ora!! :-PP complimenti!!

    RispondiElimina
  37. Meravigliosi! Proverò ben presto. Saranno buonissimi :-P

    RispondiElimina
  38. ciao ornella sono veronica ho una pizzeria d'asporto dove il mio cavallo di battaglia sono i "calzoni"per te panzerotti immagina che ne sforno circa 200 girni normali e x il fine sett.nn si calcolano e tutti rigorosamente fatti a mano!!!!
    devo dirti davvero brava!!!!ti seguo il mio blog è www.noara-nuvoledizucchero.blogspot.com
    e x fine settimana un sito tutto mio www.peccatididolcezze.it
    baci veronica

    RispondiElimina
  39. fantastici.
    io vivo all'estero e l'unico modo di mangiare vera cucina italiana e' cucinare. quindi grazie per questa ricetta che mi riporta alla mente il meraviglioso miscuglio di soffice e croccante dei panzerotti.
    ho un problema: la farina 0 all'estero come sara' chiamata?

    RispondiElimina
  40. @La cuocamatta, non so dove tu sia, ma prova a cercare per la farina 0: t 55 oppure all-purpose.
    Spero di eserti stata utile! :)

    RispondiElimina
  41. Mamma mia, hanno un aspetto stupendo, vorrei provare anch'io ma non sono mai stata brava in cucina. Magari ci provo dai...grazie e buone feste! Sara M.

    RispondiElimina
  42. Cara Ornella,
    ho finalmente provato i tuoi panzerotti...sono eccezionali..sono andati a ruba...l'unico neo è che in cottura mi si sono aperti. La prossima volta li voglio pennellarli con uovo, che ne pensi?
    baci
    anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, ha bagnato i bordi con l'acqua? Qualcuno usa l'uova battuto, ma io no. Se premi bene con le dita umide non si aprono per nessun motivo. Sono contenta che ti siano piaciuti! :)

      Elimina
  43. Si Ornella, ho seguito tutti i tuoi consigli..l'unica differenza è che ho chiuso con i rebbi di forchetta anzichè con le dita umide..provvedo per la prossima volta e ti tengo informata
    grazie di tutto
    baci

    RispondiElimina
  44. Li devi chiudere poco prima di buttarli i pentola e ripassarli co le dita premendoli bene, prima di calarli nell'olio. Vedrai che non si apriranno. :D
    Baci a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ops.ti avevo risposto ma sicuramente qualcosa non è andato...ho seguito i tuoi consigli sull'inumidire i bordi con acqua..ho chiuso poi con i rebbi della forchetta anzichè con le dita ...da riprovare entro breve...grazie mille
      baci
      anna

      Elimina
    2. benissimo!! grazie!! a presto!!
      anna

      Elimina
  45. Questa è una ricetta che ti copierò a breve, ma quanto sono buoni. Seguirò alla lettera. Un abbraccio e grazie tantissimo!!!!!!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...