mercoledì 14 novembre 2012

Kanelbullar Ammodomio

Ultimamente all'Interno Otto il forno non si è acceso spesso e quando lo si è fatto è stato per cuocere qualcosa di semplice e rapido, ma soprattutto non nuovo...insomma, le solite "cose banali" che generalmente non si postano in un blog (quantomeno nei blog di un certo livello).  :D
Eppure, riflettevo, sono quelle che più spesso prepariamo (o almeno che dovremmo preparare) e mangiamo, ma chissà perché ultimamente non riscuotono alcun interesse per chi ama mettersi ai fornelli. Biscotti di frolla, ciambella al cacao, qualche brioche... Dolci destinati al consumo familiare durante la colazione o la merenda dei ragazzi, che poco si prestano per un fine pasto o per fare "bella figura" con parenti, amici o colleghi. Ma la cucina non è solo destinata a stupire, non può essere vista solo come una ricerca continua di novità, gustative e visive, anzi, spesso non è così.





In un blog come il nostro, che non mira certo a fare tendenza, ci piace introdurre preparazioni semplicissime e perciò oggi vi propongo un dolcetto perfetto per la colazione di questi giorni autunnali: una piccola brioche profumata con cannella e cardamomo che ricorda molto i famosi Kanelbullar, giunti alla ribalta nel nostro Paese grazie al colosso dei mobili in scatola di montaggio. Vi assicuro che, seguendo la ricetta, otterrete un dolcetto di molto superiore a quello che avrete avuto occasione di mangiare al negozio svedese, dimostrando che, seppure parliamo di una cosina semplice-semplice, è possibile fra le mura domestiche  elevarla ad un qualcosa di buono e unico....
Ecco quindi cosa occorre e come procedere.


KANELBULLAR AMMODOMIO






Per l'impasto:
650 g di farina forte circa (per me 250g di Manitoba e 400g di farina tipo "0")
200 ml di latte
100 g di zucchero
100 ml di acqua tiepida
12 g di lievito di birra
1 uovo
120 g di burro morbido
1 cucchiaino di sale
2 cucchiaini di cardamomo
vaniglia 
scorza di arancia e di limone.

Per il burro alla canella:

100 g di burro morbido 
50 g di zucchero
3 cucchiaini di cannella

per finire:
Tuorlo d'uovo sbattuto con un goccio di latte
Fondant

Sciogliere il lievito di birra nell'acqua tiepida con un pizzico di zucchero, facendo fermentare per una decina di minuti, quindi impastare con poca farina in modo da ottenere un panetto morbido che si lascerà lievitare per un quarto d'ora circa.
Nel frattempo riscaldare il latte con lo zucchero ed il sale, in modo che si sciolgano e che il tutto diventi tiepido. Unire quindi gli aromi e l'uovo intero.
Iniziare ad impastare sciogliendo il panetto lievitato con il composto di latte ed amalgamando la farina. Quando l'impasto sarà quasi pronto unire il burro morbido e lavorare a lungo l'impasto fino a renderlo soffice ed elastico. Si può procedere anche con la macchina del pane facendo fare due cicli successivi di impasto base. Lasciare lievitare l'impasto per un paio d'ore.

Senza sgonfiarlo, o lavorarlo, rovesciarlo sul piano di lavoro e con piccoli tocchi stenderlo in un rettangolo piuttosto sottile di circa cm 45x55. Su metà del rettangolo spalmare il burro alla cannella che avrete ottenuto mescolando vigorosamente il burro, lo zucchero e la cannella. Ripiegare al di sopra la restante metà dell'impasto e comprimere leggermente in modo da assestare e sigillare il tutto.

A questo punto, con una rotella taglia-pizza, o un coltello ben affilato, tagliare delle fettucce di impasto larghe circa 2-3 cm dal lato corto del rettangolo  (25cm) e arrotolarle su se stesse in modo da ottenere una sorta di torciglione. Partendo da una estremità cominciare ad arrotolare il torciglione di pasta a spirale, formando una sorta di girandola, assicurando l'estremità finale al di sotto della girandola stessa. Con l'impasto dato si otterranno circa 18-20 kanelbullar. 
Farle lievitare per circa 40-45 minuti coperte da pellicola, quindi pennellarle con tuorlo d'uovo sbattuto con un goccio di latte, o panna fresca e cuocerle in forno a 200°C per una decina di minuti.

Appena escono dal forno pennellarle con del fondant caldo, diluito con un po' d'acqua e aromatizzato con della vaniglia e del limone. Gustarle tiepide.











A presto,

Paola










Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright 2010-2012© Interno Otto - All Rights Reserved
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...