mercoledì 11 aprile 2012

Colomba pasquale

Lo so che Pasqua è passata e che non ne potete più di cibo... E' vero pure che, ora come ora,  vi servirebbero ricette leggere, "dietetiche", disintossicanti, oppure per riciclare avanzi e ingredienti comprati in eccesso...  Abbiate pazienza però, la ricetta della Colomba "ammodomio" ;) la devo salvare, senno chi se la ricorderà più l'anno venturo? :D
Comincio perciò col mostrarvi l'ultima fetta che ho dovuto nascondere per fare la foto in fretta e furia, perché  vi devo confessare che, a 4 giorni dalla cottura, faceva venire proprio l'acquolina... era ancora buonissima, morbida morbida e profumata.


FETTA

Erano giorni e giorni che riflettevo sull'opportunità di fare in casa questo dolce tradizionale... L'idea di confrontarmi con un lievitato "serio" un po' mi intimoriva e contemporaneamente mi stimolava... Così ho studiato ;), ho confrontato tecniche e procedimenti, tralasciando un'idea come questa qui che mi frullava per la testa, finché la mattina di Sabato Santo non ho avuto  più dubbi: vabbé la faccio! :D  
-Troppo tardi- direte voi. -No no, tranquilli che in un giorno  la Colomba sepoffa'- ve lo garantisco io! ^_^
Mi sono ispirata alle ricette di 2 blogger dei quali mi fido ciecamente, così che non ho avuto intoppi; tutto è filato liscio come l'olio, tanto che la mia Colomba, bella e profumatissima, alla mezzanotte di Sabato Santo era pronta. Raffreddata e fotografata a razzo,  ha potuto prendere il volo su FB insieme a quelle di tanti foodblogger e appassionati di cucina. Che emozione e quantasoddisfazione!!!! *_*
La ricetta da cui ho tratto le dosi degli ingredienti e molti suggerimenti utilissimi, è questa. Per il procedimento e qualche modifica "a occhio" invece, mi sono ispirata al Maestro.

Colomba pasquale (con lievito di birra - senza canditi)


La mia prima Colomba




Ingredienti (per uno stampo da 750 gr


Lievitino
60 gr di farina 0 Manitoba Molino Tandoi
30 gr di acqua
4 gr di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di miele d'arancia


Ho preparato il lievitino in un bicchiere di plastica usa e getta, sciogliendo il lievito nell'acqua, mescolando il miele e tanta farina per avere un composto cremoso; ci ho spolverato sopra la farina rimasta senza mescolare. Infine ho coperto con la pellicola e  lasciato lievitare fino al bordo del bicchiere. In circa 15 minuti dovrebbe essere pronto.



Primo Impasto
Lievitino 
260 gr di farina forte Manitoba Tandoi
100 gr di burro bavarese morbido
70 gr di zucchero
2 tuorli d'uovo di grandezza media
130 gr di acqua tiepida


Ho sciolto lo zucchero nell'acqua tiepida; ho messo il lievitino nelle ciotola dell'impastatrice, ho montato la frusta a foglia; ho avviato a velocità 1 e cominciato a inserire alternativamente gli ingredienti: prima uova e farina, poi a poco a poco, l'acqua con lo zucchero.  Ho quindi messo in tre volte il burro,  ribaltando l'impasto nella ciotola stessa, finché non è divenuta una massa liscia. Ho tolto la foglia e montato il gancio aumentando gradatamente la velocità della macchina, lavorando ancora un po' fino all'incordatura. Ho quindi coperto la ciotola con la pellicola e ho lasciato lievitare fino al triplo, tenendo la ciotola nel forno spento a circa 30°.




Emulsione
20 gr di burro
1 cucchiaino di miele d'arancia
buccia grattugiata di 1/2 arancia
semi di una bacca di vaniglia o un cucchiaino di estratto
1 fialetta di fiori d'arancio
cucchiaio colmo più mezzo (circa)  di scaglie di cioccolato bianco
1 cucchiaio  colmo di liquore Strega


Mentre lievitava il primo impasto ho preparato l'emulsione, facendo fondere il burro a calore moderato insieme al miele. Fuori dal fuoco, ho aggiunto la buccia d'arancia grattugiata finissima, gli aromi e il cioccolato bianco, lasciando sciogliere e freddare, prima di mescolarvi il liquore.




Glassa
100 gr di zucchero a velo
1 fialetta di aroma di Mandorla
albume q.b


Con una frusta a mano ho mescolato l'albume con lo zucchero e l'aroma di mandorla e l'ho messo in frigo.




Eccola!!!



Secondo Impasto

primo impasto
60 gr (circa) di farina 0 Manitoba Tandoi
3 gr di sale
20 gr di zucchero
2 tuorli
l'emulsione (preparata precedentemente)


Quando il primo impasto ha triplicato il suo volume, ho avviato nuovamente la macchina con la frusta a gancio per riprendere l'incordatura. Ho sbattuto un tuorlo con lo zucchero e ho cominciato a inserirlo a cucchiaiate, alternandolo a metà della quantità di farina e appena il composto l'ha assorbito, ho continuato nello stesso modo con l'altro tuorlo, in cui avevo sciolto bene il sale, e la farina rimasta. Ho incordato, aumentando progressivamente la velocità della macchina. A questo punto ho aggiunto poco per volta l'emulsione, dopo averla mescolata benissimo con una frusta fino a renderla cremosa. Di tanto in tanto durante l'ultima lavorazione ho fermato l'impastatrice e ribaltato l'impasto nella stessa ciotola. Infine ho aumentato le velocità per portare l'impasto incordato fino al velo. A questo punto l'ho ribaltato sul piano infarinato, l'ho coperto a campana (con una ciotola) e ho lasciato riposare per 30 minuti;  l'ho quindi spezzato in due parti, arrotondato e di nuovo coperto a campana per altri 30 minuti.




Formatura
Trascorsi gli ultimi 30 minuti  ho formato delicatamente due filocini:uno per le ali e l'altro per la testa, il corpo e la coda della Colomba. Li ho messi nello stampo uno sull'altro, formando una croce; ho coperto con pellicola e messo in forno spento, attendendo che l'impasto arrivasse a un dito dal bordo dello stampo e togliendo la pellicola solo negli ultimi 10 minuti di lievitazione.



Per decorare
Glassa ( preparata in precedenza)
zucchero in granella
mandorle
zucchero a velo


Ho montato leggermente la glassa con una frusta, l'ho messa in un sacchetto per alimenti a cui ho successivamente tagliato un angolino dal fondo, per farla ricadere delicatamente sulla Colomba già lievitata. Ho completato col la granella di zucchero, le mandorle e una spolverata di zucchero a velo.




Cottura
Ho infornato in forno statico già caldo, a 180° per circa 40 minuti. Ho fatto la "prova stecchino" (deve uscire asciutto) e ho lasciato raffreddare la Colomba a testa in giù, sospesa su 4 barattoli di uguale altezza, dopo averla infilzata con 4 lunghi spiedini di legno, a formare una X.


Fetta3B


Bene, sperando di aver scritto tutto e di non aver dimenticato alcun passaggio, posso definitivamente archiviare la Pasqua 2012, raccomandandovi di non spaventarvi di fronte a lievitati complessi.. Se ce l'ho fatta io, lo può fare chiunque! ^_^ E la soddisfazione, dove la mettiamo? La mia autostima è lievitata insieme alla Colomba!!!! :DDDD


Buona giornata a tutti,

Ornella

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Copyright 2009-2012© Ornella Ammodomio - All Rights Reserved

27 commenti:

  1. attira molto di più una colomba preparata dopo pasqua! io la prossima la faccio ad agosto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahah... è comunque un impasto buonissimo! ;)

      Elimina
  2. Ciao ho letto con attenzione 2 volte . leggo che in tutta questa ricetta hai usato solo 4g di lievito niente di piu è corretto sono sbaldorita di quanto hai realizzato con cosi poco lievito , complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Mary, è correttissimo! Ho doiminuito la dose come aveva consigliato Morena. Ti dirò che sono svalordita anch'io, ma ti assicuro che cresce benissimo e il lievito non si sente per niente.

      Elimina
    2. Grazie per avermi riposta ...la proverò!

      Elimina
  3. Ornella è una colomba di tutto rispetto ;D

    RispondiElimina
  4. Morena+Adriano=garanzia assoluta per la riuscita delle ricette!E tu altrettanto Grandeeeeee!!
    ah copio eh!!^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona, Fede!!! L'anno prossimo farò l'esperimento col water roux Tang Zhong.;)))

      Elimina
  5. la prossima pasqua proverò anche io, magari mi aiuterai te...ma la devo fare così come la tua...un abbraccio, ciao.

    RispondiElimina
  6. è bellissima! quest'anno ho saltato, sono concentrata sulla mia nuova pasta madre, ma il prossimo anno magari la faccio. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora falla con la ricetta di Adriano. Verrà fantastica!!! :)

      Elimina
  7. Vabbè, domani la faccio....Mi hai convinto!! anche perché quest'anno non l'abbiamo proprio assaggiata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola, è venuta davvero molto buona. Avrei voluto fare anche la glassa di Adriano, ma on avevo la farina di mandorle e quindi ho optato per quella più semplice. Era buonissima ugualmente anche se meno spessa.

      Elimina
  8. Le foto fanno venire l'acquolina...copiata, ma non archiviata ...da fare subito!!!

    RispondiElimina
  9. Fantastica col cioccolato bianco chissà che profumo!

    RispondiElimina
  10. che dirti...meravigliosa e buonissima!
    brava
    bacioni

    RispondiElimina
  11. Ornella cara, pure la colomba dell'ultimo minuto, pure con modifiche ad occhio e pure bella... te possino... :-)

    RispondiElimina
  12. Certo da una ricetta del grande Adriano non ne poteva venire fuori che questo capolavoro;mettiamoci anche le tue manine fatate,ed ecco che esce fuori un super capolavoro,Maestra.
    baci,Lisa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. S++++++++++.. Lisa, che maestra? Adriano è un vero maestro, altroché.:D
      baci

      Elimina
  13. sei bravissima complimenti...vorrei cimentarmi anch'io ed ho visto che vuoi provare il water roux...e l'idea mi solletica....aspetto con ansia la tua così posso copiarti....non sono brava a sperimentare...grazie mille!!!!

    RispondiElimina
  14. Beh, arrivo tardi ma arrivo! Aahah!! Brava Ornellì!!!
    Un bacione
    Morena

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...