venerdì 11 novembre 2011

Cake pops con il classico Pan di Spagna

Eccoci qui, come promesso, pronti ad utilizzare il famoso Pan di Spagna che da mercoledì scorso non aspetta altro che di essere preso ed affettato . 
Perchè abbiamo scelto questa ricetta per utilizzare il nostro impasto di base? Per molti motivi: primo perchè realizzare cake pops è veramente divertente e facile; secondo perchè sono allegri e piacciono a tutti; infine perché sono la dimostrazione lampante come il Pan di Spagna sia veramente una base della pasticceria, tale da intrufolarsi in ogni dolce, anche in quelli in cui non ci si aspetterebbe la sua presenza.

 I cake pops, nell'immaginario collettivo, sono sempre stati considerati dei dolcetti "stranieri" e pertanto vengono spesso preparati con torte piuttosto grasse e pesanti, ad impasto ricco di burro, invece che a base di Pan di Spagna... ma se ci pensiamo bene, i nostri tartufi, quelli che da sempre occhieggiano nelle nostre pasticcerie tradizionali, spesso bistrattati dai più, non sono altro che dei cake pops senza stecco. Proprio lui infatti, lo stecco accattivante e divertente, nobilita un piccolo dolce caduto in disgrazia, anche per la nomea, non del tutto campata in aria, di pasticcino del riciclo: ritagli di Pan di Spagna che in pasticceria si trovano in abbondanza, finiscono sotto forma di tartufi, ricoperti di cioccolato o di cacao.
A me sono sempre piaciuti, sarà perché papà ce li comprava la domenica quando andavamo a trovare nonna ed io e mio fratello ce li mangiavamo per strada nel tratto che separava la pasticceria  dalla sua casa... Che buoni, con quel ciuffetto di panna che li nobilitava quasi a pasticcino!
Ma lasciamo i ricordi e prendiamo in mano il nostro Pan di Spagna e buttiamoci a capofitto nella preparazione dei cake pops.......

Cake pops (a modo mio) 





1 Pan di Spagna di circa 700 g (per prepararlo vedere qui)
250 g di burro morbido
4-5 cucchiai di cacao amaro
150-200 g di zucchero a velo
Qualche cucchiao di Cointreau
Vaniglia- Aroma arancia (o buccia di arancia)

Per finire
cioccolato bianco da copertura
burro di cacao (per me Mycryo)
stecchi bianchi per alimenti


Per prima cosa sbriciolare finemente il pan di Spagna: io ho utilizzato un potente frullatore. Non occorre eliminare la crosticina dato che si unirà del cacao. In un mixer porre il burro morbido e gli aromi e cominciare a lavorarlo, unire quindi lo zucchero a velo e lasciare il mixer in funzione in modo da ottenere un composto soffice e spumoso. Unire quindi il cacao e qualche cucchiao di liquore: la crema di base è pronta ed a questa verrà unito il Pan di Spagna, precedentemente sbriciolato. Azionare quindi il mixer in modo da amalgamere ogni cosa. Unire ancora poco liquore se la massa sembra troppo asciutta. Alla fine si dovrà ottenere un impasto morbido, ma non bagnato. Formarlo in una palla, inserirlo in sacchetto di cellophane e porre tutto in frigo per diverse ore.
Quando la massa sarà fredda, porzionarla in piccole dosi utilizzando una bilancia di precisione. Ogni porzione dovrà essere sui 30-32 g: è importante che la porzione sia pesata al grammo in modo da ottenere dei cake pops tutti uguali. Lavorare le porzioni in modo da ottenere delle sfere il più possibile perfette che verranno poste su un piatto e fatte di nuovo raffreddare.

Preparare il cioccolato facendolo fondere o a bagno maria o nel microonde (max 29°C per il cioccolato bianco). Diluire il cioccolato fuso con del burro di cacao in modo da renderlo più fluido e quindi più adatto a ricoprire le sfere in maniera uniforme, senza creare antiestetiche "onde" o gocce. Sarà necessario ovviamente ripetere l'operazione di copertura con il cioccolato almeno 2 volte.

Una volta ben indurite le sfere modellate, inserire lo stecco, preventivamente immerso nel cioccolato bianco fuso, dalla parte in cui la sfera era poggiata sul piatto, esercitando una pressione ed un movimento rotatorio a vite, in modo da non deformare il cake pop.
A questo punto inserire il cake pop nel cioccolato fuso preparato  e battendo lo stecco sul bordo della ciotola, cercare di far cadere il cioccolato in eccesso. Mano a mano, portare il cake pop in posizione verticale in modo che la goccia di cioccolato si depositi sullo stecco (da cui può poi essere facilmente rimossa). Far asciugare bene il cioccolato e ripetere una seconda volta la stessa operazione.






Una volta pronti i cake pops possono essere lasciati così semplicemente, oppure essere decorati. Io ho scelto una semplice spirale in ghiaccia bianca. Un fiocchetto e sono pronti per rallegrare qualsiasi tavolo dei dolci, dalle feste dei bambini a buffet eleganti.
Con questa dose se ne ottengono circa 35.
Si conservano per due-tre giorni in ambiente fresco ed asciutto. Non conservarli in frigo,per non ritrovarsi poi dei cake pops dalla copertura di cioccolato piena di antiestetiche e quantomai sgradite bollicine di condensa.

Se i cake pops sono destinati ai più piccini e volete evitare il liquore, lo potete sostituire con uno sciroppo di zucchero aromatizzato all'arancia. Tenete comunque conto che la dose di liquore presente su ogni dolcetto è irrisoria e che questa esplica anche una azione conservante del dolcetto stesso.

Se si vuole, si può utilizzare cioccolato al latte, fondente, o colorare quello bianco. In questo caso è importante utilizzare i colori adatti per cioccolato.
Non ha nessuna importanza se il colore da voi scelto sia in polvere, liquido o in gel: non è certo questo che determina la riuscita dell'operazione.Importante invece è la composizione del colorante che deve essere del tipo LIPOSOLUBILE. Questi coloranti non sono facilmente reperibili e costano un pochino di più di quelli normalmente in commercio. Possono essere in polvere, liquidi o in gel, sceglieteli come preferite....
Coloranti non liposolubili, a base di acqua, siano essi liquidi o in gel, rendono il cioccolato inutilizzabile. Inoltre, quelli in polvere, non si sciolgono minimamente e "sporcano" solamente il cioccolato senza colorarlo, perché in esso non si disciolgono.
Chi vi racconta che i coloranti in polvere comuni vanno bene, perchè privi di acqua, vi sta dicendo un grossa sciocchezza e vi può far buttare del buon cioccolato!!! Quindi, mi raccomando, solo colori con dicitura liposolubile!!
Ultima cosa: se non avete il burro di cacao potete utilizzare dell'olio di semi incolore ed insapore. Non sarà la stessa cosa, ma darà fluidità al cioccolato allo stesso modo. Solamente all'assaggio il cioccolato sarà meno croccante e meno profumato. 









Dimenticavo un piccolo, ma fondamentale accorgimento...
Non immergete il cake pop gelato nel cioccolato, ma fatelo dopo un riposo a temperatura ambiente di 20-30 minuti.In questo modo non si formeranno le odiose spaccature del cioccolato sulla superficie: infatti, se i dolcetti si immergono troppo freddi nel cioccolato, quando si riscalderanno tenderanno ad espandersi e quindi a rompere la crosta di cioccolato! 




A presto,

Paola





Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...