mercoledì 19 ottobre 2011

"Tiella" o "Tieédd" alla Jamie Oliver

Ve lo dico subito: la brillante intuizione non è mia...
L'ho rubata a Fabiola, la mia cara e simpatica amica del forum de La Cucina Italiana - nonché assidua frequentatrice di Ammodomio -  che ne ha fatto un suo cavallo di battaglia! 
Quando si tratta di sbattere tutto in teglia e schiaffarlo in forno - dice Fabiola - Jamie Oliver è davvero un maestro dal quale trarre ispirazioni e insegnamenti!
Bene, potevo farmi sfuggire l'occasione di nobilitare una prosaica terronissima "tieédd" affiancandola ad un nome così prestigioso, rendendola very very trendy? Eccerto che no! ^_^
 Per "tieédd" o "tiella" in quasi tutta l'Italia meridionale s'intende una preparazione spesso a base di verdure e ortaggi, in alcuni casi accompagnati da carni di volta in volta diverse o dalle cozze, sempre con le patate, cotta in forno, possibilmente in un tegame di coccio. Famosa la  Tiella di Patate, riso e cozze la cui paternità è contesa tra Bari e Taranto, a cui qualcuno accosta la Paella spagnola, affermando, con un pizzico di presunzione, che gli spagnoli abbiano appreso da noi, durante la loro lunga dominazione nell'Italia meridionale, questa modalità di cottura. 


Tiella o Tiedda alla Jamie Olivier

Vabbé, è pacifico che il termine "tiella" o "tiéed" derivi  dal Latino tegella (tegame con operchio) e che successivamente il suo significato si sia esteso al metodo di cottura in forno; quello che ivece non è chiaro è se tali preparazioni siano di origine nostrana o spagnola. Valloasapé! :D  
Insomma, per cncludere, ispirandomi alla ricetta preparata da Fabiola ho preparato la mia Tiella alla Jamie Olivier, però "ammodomio"! :DDD

"Tiella" alla Jamie Oliver (da un' idea di Fabiola Alparone del forum di CI)


Tiella o tiedda


Ingredienti:

1/2 kg di bocconcini di pollo (oppure di tacchino,  o di agnello, oppure di vitello, ecc.)
1 peperone rosso+1 peperone verde+1 peperone giallo
2 patate medie
2 pomodori
1 melanzana
1-2 zucchine
1 spicchio d'aglio
olio extra vergine q.b.
sale e pepe q.b.
erbe aromatiche a piacere
1 limone per la marinatura della carne.

Ho messo a marinare la carne con il succo di un limone, un filo d'olio, uno spicchio d'aglio, un po' di sale grosso e l'ho lasciata riposare in frigo per circa un'ora. Ho quindi tagliato i peperoni a falde larghe due dita, le patate e le melazane a quadrotti, la zucchina a rondelle spesse, i pomodori tagliati a spicchi. Ho messo tutto in una ciotola, ho condito con olio, sale, pepe ed erbe aromatiche; ho aggiunto la carne, sgocciolata dalla marinata, 3-4 cucchiai di acqua e ho mescolato ben bene. Infine, ho messo il tutto in un tegame di coccio coperto con un foglio di  carta d'alluminio e ho infornato in forno ben caldo a 200°. 
Durante la cottura ho mescolato di tanto in tanto e ho controllato  che le patate si ammorbidissero, togliendo la copertura solo in ultimo per per una leggera rosolatura. 
Il piatto che ne è venuto fuori è stato davvero gustoso. 
Grazie infinite a Fabiola e pure a Jemie Oliver! *_*

 Buona giornata a tutti,

Ornella





Piesse: Anche quest'anno come già lo scorso, partecipo alla Campagna Nastro rosa dedicata alla prevenzione dei tumori femminili. 
Come spiega benissimo Stella - da cui troverete molte sagge indicazioni, che vi invito a leggere - una buona prevenzione va fatta a tavola, riducendo il consumo di carni rosse, dei grassi, a vantaggio di ortaggi, verdure, anche utilizzando cotture meno elaborate.  
Pur non avendo questa ricetta alcun ingrediente rosa, ma essendo "vestita" in rosa-lilla ;)), desidererei partecipare anche alla sua raccolta che ha per tema le ricette in rosa.



Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...