mercoledì 23 marzo 2011

Torta di ricotta maremmana




Agerato nano





Con l' avvento di Marzo, i prati si ricoprono di un bellissimo manto verde chiaro che difficilmente possiamo ammirare in altri mesi... L'erba dolce e tenera ritorna ad essere l'alimento principale delle pecore che, libere al pascolo, mangiano avidamente, mentre il loro latte diventa saporito, ricco di profumi delicati e tenui come la primavera.
La ricotta che se ne ricava, racchiude in se tutto la natura che rinasce e proprio nel periodo pasquale moltissime sono le preparazioni a base di essa, anzi alcune volte è imprescindibile per poter celebrare degnamente la Pasqua (vedi la Pastiera per i Napoletani, giusto per fare una esempio). Ma quest'anno la Pasqua tarda un po' ad arrivare, per cui oggi non propongo una specialità per le prossime festività, ma un dolce semplicissimo, adatto per tutti i giorni, che ci permetterà di sfruttare il momento magico della ricotta.
La torta la mangiai tanti anni fa in un ristorante della Maremma, dove la ricotta è buonissima e facilmente reperibile...
Se non abbiamo la ricotta maremmana, pazienza, scegliamo però una ricotta di pecora fresca e saporita.

Torta di ricotta Maremmana




Maremma cake





Per la pasta di base:

150 g di farina tipo “00”
75 g di zucchero
75 g di burro
2 uova
2 cucchiai di latte o yogurt
2 cucchiai di succo di limone,
1 cucchiaino di lievito
vaniglia,
un pizzico di sale

Preparare la pasta di base come una semplice pasta per ciambella, montando le uova con lo zucchero, aggiungendo il burro morbido, lo yogurt o il latte, poi il succo di limone quindi la vaniglia, il sale e la farina mescolata al lievito. Versare in uno stampo rotondo di diametro di circa 30 cm. La pasta deve essere sottile.

Per la crema di copertura:

600-700 g. di ricotta fresca
150-200 g. di zucchero
marmellata di amarene o visciole
1 uovo intero
la scorza ed il succo di un limone
vaniglia.

Montare con delle fruste elettriche tutti gli ingredienti insieme, fino ad ottenere un composto cremoso della stessa densità della pasta di base.
Spalmare la crema di ricotta sopra la pasta di base, facendo molta attenzione, data la delicatezza dell’impasto. Mettere quindi la crema di ricotta a cucchiaiate sparse sopra la pasta di base e poi spalmare delicatamente. Con un cucchiaino mettere qua e là poca marmellata di amarene o visciole ed infornare a 180°C per trenta minuti.

Nulla vieta di cambiare il tipo di marmellata, sceglierla comunque di tipo acidulo in modo da smorzare il sapore grasso della ricotta. Alcune volte aggiungo anche delle gocce di cioccolato fondente che arricchiscono la torta e la rendono ancora più golosa.



Torta di ricotta

A presto,
Paola


Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche
.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...