lunedì 24 gennaio 2011

I Pasticciotti leccesi di Angela e quelli "ammodovostro"

Che ci fanno, secondo voi, due signore "attempatelle" su Facebook?  Prima che vi facciate strane idee, vi rispondo subito...
Chiacchierano tantissimo della loro passione comune: di cucina e di ricette, condividendo trucchi e consigli! 
Infatti qualche giorno fa Angela mi aveva chiesto, proprio su Facebook, delle "dritte" per realizzare i Pasticciotti leccesi...
Una ricetta precisa non ce l'ho!- le ho risposto - Come per tutta la cucina tradizionale si va per tentativi, ciascuno ha la sua ricetta di famiglia che giura essere la migliore! Te la senti di sperimentare? 
Ebbene sì, Angela, come tutti i veri appassionati, non se l'è fatto ripetere due volte, si è rimboccata le maniche e nello scorso w.e. si è messa al lavoro.
Il suo risultato lo potete vedere in queste foto, mentre la sua esperienza passo passo, con le sue variazioni sul tema, le trovate Qui.

Pasticciotti

Volete provarci anche voi? Vi darò le stesse "dritte" che ho confidato ad Angela...
Dimostrate pubblicamente quanto vi piace cucinare per davvero, tanto non è complicato, questo è un dolcetto semplicissimo, leggero, ma molto molto gustoso, oserei definirlo libidinoso... Con tutta quella crema pasticcera che "sgorga" dall'interno al primo morso è una vera goduria.

Pasticciotto

Ci state? Forza, forza... tentiamo un esperimento di cucina interattiva, che ci divertiamo un sacco tutti insieme! :DDD
Allora preparate i Pasticciotti "ammodovostro", fate una foto, descrivete il vostro procedimento passo passo e pubblicatelo dove vi pare, (Blog di qualunque genere, forum di cucina, Facebook, Twitter, Flickr) linkando questo post; infine lasciate il vostro link qui sotto nei commenti. 
Potremo realizzare insieme una stupenda Raccolta di Pasticciotti Ammodovostro, ricca di tutti i trucchetti e consigli che vorrete condividere, chissà che non si scopra qualche  segreto indispensabile per migliorarne la riuscita.
 Vi piace l'idea? Dal canto mio, tenterò l'esperimento di un PDF scaricabile! :)))

Pasticciotti

Ecco tutto ciò che dovete sapere sui Pasticciotti leccesi, con l'indicazione delle ricette alla quali potrete ispirarvi liberamente.
1) Il Pasticciotto è un dolce mono-porzione di forma ovale, della lunghezza  di circa 10 cm, composto da  pasta frolla leggermente lievitata e da crema pasticcera, che dopo la cottura risulta ben soda e compatta.
2) Per la ricetta della frolla vi potete ispirare a questa(senza miele, però eh!).
3) Per la crema pasticcera vi consiglio questa  di Palma d'Onofrio.
Crema pasticcera per Pasticciotti (di Palma d'Onofrio)
450gr di latte intero
50gr di panna fresca
75gr di tuorlo
150gr di zucchero
45gr d'amido di mais
1 bacca di vaniglia
sale
Montare i tuorli con zucchero e la raschiatura della bacca di vaniglia, il sale e l'amido di mais.Nel frattempo bollire il latte con la panna, aggiungerlo alle uova montate in precedenza , rimettere il tutto sul fuoco e cuocere la crema; quindi farla raffreddare coperta con pellicola a contatto.
I segreti Ammodomio:
a) La frolla contiene sicuramente strutto ed ammoniaca; è aromatizzata alla vaniglia o al limone.
b) E' meglio usare gli stampini metallici unti di strutto ed infarinati. La pasta frolla a fine cottura deve risultare "biscottata" all'esterno e morbida all'interno; quindi per questa ricetta non dovrebbe valere la regola di non ungere gli stampi in cui  si cuoce la frolla, che è un impasto già grasso. Ungere lo stampo, non serve affatto a sformare ma, in questo caso, ad ottenere la cottura desiderata (Paola docet).
c) Nella crema non c'è sicuramente farina ma amido di mais (a fine cottura deve essere ben soda, riempire completamente il dolcetto e può essere leggermente aromatizzata anch'essa al limone o alla vaniglia.Nella farcia ci potrebbe andare anche un'amarena sciroppata, ma oggi nel Pasticciotto leccese in genere NON c'è!
d) Forse tra l'impasto ed il ripieno c'è un sottilissimo strato di farina di mandorle che potrebbe servire ad assorbire l'umidità in eccesso della farcia.
e) Prima di essere infornati i Pasticciotti vanno sigillati  accuratamente e spennellati bene con l'albume.
f) Alcuni usano praticare un forellino sulla superficie prima di infornare. Io non l'ho mai fatto, quindi vedete voi.
g) Dopo la cottura si mettono a raffreddare a testa in giù.
h) Zucchero a velo sì, zucchero a velo no? In genere non c'è, ma voi fate pure come vi piace!;))
Credo di avervi detto tutto: adesso tocca a voi!
Buon lavoro e buona settimana,
 Ornella


Piesse: Per Il termine stabiliremo in seguito una scadenza. Quanto vi serve per provare queste bontà semplicissime? Non tantissimo spero, eh!;))
Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...