lunedì 10 luglio 2017

Giornata Mondiale della Tiella di riso, patate e cozze da Terranima a Bari

Sulla Tiella, uno dei miei piatti preferiti della cucina tradizionale pugliese, non si finisce mai di imparare...
 L'arricchimento che deriva da un confronto gioioso di esperienze e opinioni, mettendosi tutti in gioco con grande umiltà, non può che fare bene al piatto cult della nostra cucina.
 E proprio per far conoscere al mondo intero una ricetta meravigliosa della nostra terra che, su idea di Sandro Romano, con la collaborazione dell'associazione culturale La Compagnia della Lunga Tavola e del gruppo Mordi la Puglia, si è celebrata il primo Luglio  scorso la seconda edizione della Giornata mondiale della Tiella di Riso, patate e cozze.


In pochissimi giorni si sono mobilitati decine e decine di ristoratori che si sono impegnati ad offrire gratuitamente una porzione di  Patateriseccozze a tutti i clienti che quella sera avrebbero cenato nei loro ristoranti.
Molti di loro, rifacendosi alle ricette di famiglia, hanno preparato il piatto secondo i canoni tradizionali; alcuni, invece, hanno proposto delle loro libere interpretazioni, talvolta un po'"ardite". Niente di sconvolgente tanto da fare gridare allo scandalo, per carità, giacché tutti gli ingredienti presenti nella ricetta tradizionale non mancavano, ma utilizzando tecniche differenti, gli chef hanno  creato piatti nuovi  e per certi versi molto intriganti. Chissà se mai finiranno nella  carta dei loro ristoranti.
  A proposito di innovazione e creatività mi ha molto divertito lo chef Domenico Schingaro de I Due camini, il quale,  dopo aver preparato il suo piatto che in sostanza era un risotto  all'acqua di cipolla con cozze pelose, chips di patate e polvere di pomodoro,  ha affermato sicuro: "... però non ditelo a mia madre". Essì perché una mamma pugliese per un "affronto" del genere alla Tiella per antonomasia può pure disconoscere suo figlio chef.😄😄😄😄
  Come dice bene Antonio Bufi, chef de Le Giare, è molto  difficile anche per un grande cuoco confrontarsi con un piatto che evoca alla memoria  il sapore della Tiella della nonna, della mamma, della zia... Per ciascuno di noi ci sarà sempre una ricetta perfetta,  migliore di qualunque altra e perciò ineguagliabile.
In veste di inviata per Scatti di Gusto, che è stato media partner dell'iniziativa, sono stata invitata a testare la Tiella alla barese del ristorante Terranima a Bari.


Di solito non faccio recensioni di questo genere su Ammodomio, e quando mi è stato  chiesto da altri siti di parlare di alcuni locali della mia zona, ci sono sempre andata in modo anonimo, pagando il conto di tasca mia, senza  mai dire che avrei recensito il ristorante. 
Di Terranima però, pur essendo stata loro ospite in occasione della Giornata  Mondiale della Tiella, non posso che tesserne le lodi pubblicamente. Ho trovato un locale accogliente, frequentato da molti stranieri e da clienti di altre regioni d'Italia. Tutti si sono mostrati sorpresi e  allo stesso tempo molto soddisfatti dell'omaggio che è stato offerto loro. La Tiella di Terranima, servita nel piccolo coccio monoporzione era davvero molto molto buona. 
Il titolare Piero Conte mi ha spiegato che  la cucinano in un'unica teglia grande di metallo per poi sporzionarla nei  piccoli tegami di terracotta solo prima dell'ultima gratinatura. Un'idea geniale  direi, per servire in tavola un piatto della tradizione in maniera rustica ma elegante, pur utilizzando per la cottura il tegame  di alluminio che assicura la migliore riuscita.
 Che dire degli altri piatti che ci ha servito la gentilissima Giorgia Colombo? Ottimi, anzi davvero eccezionali, a mio parere, le melanzane affumicate con il caciocavallo, il tortino di patate e carote di Polignano, i ceci neri della Murgia con gamberetti, i tubetti con le cozze alla tarantina e una caponatina davvero da urlo.  E per finire i classici Sporcamuss, buoni buoni da impazzire.
Insomma è stata  davvero una bella  serata come potete vedere vedere qui .  
Il primo Luglio scorso ai tanti ristoratori si sono aggiunte decine e decine di persone che hanno preparato in casa propria Patateriseccozze con un entusiasmo che non si era mai visto. Naturalmente l'ho fatta anch'io cogliendo l'occasione per girae un video



E'stata una vera festa all'insegna della buona cucina pugliese. Speriamo di replicarla anche l'anno venturo.

Buon inizio settimana,

Ornella

 Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
                                                         Copyright 2009-2017© Ornella Ammodomio - All Rights Reserved

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...