martedì 25 ottobre 2011

Pasta con carciofi, pancetta, pistacchi e pepe verde

Ormai lo so da ben 32 anni: se a pranzo non gli preparo un bel piatto di pasta, rischio il divorzio! :))
E se per caso decido di portare in tavola qualcosa di diverso? Parte subito la sua la filippica sulla necessità di consumare carboidrati, sulla bontà della dieta mediterranea, su quanto siamo fortunati a vivere in Italia e pure al sud. Di questi tempi, trovare tanti buoni motivi tutti insieme, sciorinati di fila, uno appresso all'altro, non è  roba da poco... O sbaglio? ;)))
Quindi aivoglia a cercare di convincerlo a sperimentare consistenze diverse, sapori nuovi, ricette tipo soufflé, flan, potage e via di seguito...  Alla sola pronuncia del nome straniero alza il sopracciglio in segno di disappunto e, guardandomi di traverso, tra lo sfottente e il divertito, esclama sornione:"Se voglio sperimentare, vado al ristorante. A casa voglio mangiare bene!" :DDDDD
Che poi diciamola tutta...Qual è la ragione per la quale cuciniamo tutti i giorni e che ci dà soddisfazione? Non è gratificante guardare quei sorrisi sazi e compiaciuti dopo aver gustato un buon piatto  di pasta a casa propria in santa pace? 
 E ... dove c'è Barilla c'é casa! :)))
Allora, per celebrare degnamente La Giornata Mondiale della Pasta che ricorre oggi 25 Ottobre,  ho cucinato un evergreen di casa mia...

Pasta con carciofi, pancetta, pistacchi e pepe verde


Pasta e carciofi a


 Ingredienti:

500 gr di pasta (fusilli)
4 carciofi
100 gr di pancetta dolce a cubetti
3-4 cucchiai di olio extra vergine
1 noce di burro
1 spicchio d'aglio
parmigiano grattugiato q.b.
pistacchi
prezzemolo q.b.
pepe verde q.b.

Pulite, lavate i carciofi, privandoli delle foglie dure; tagliateli a spicchi piuttosto sottili e nel frattempo fate soffriggere leggermente nell'olio e nel burro, l'aglio con la pancetta, senza farli rosolare. Togliete l'aglio, mettete in pentola i carciofi, continuando a cuocere a fuoco moderato e coprendoli a filo con un po' d'acqua. Mettete il coperchio, aggiungete acqua all'occorrenza e portate a cottura i carciofi, che devono risultare teneri. Aggiustate di sale solo all'ultimo, se è proprio necessario per il vostro gusto, anche se generalmente non serve.

Barilla vintage-scatola anni '50 disegnata dal grafico Erberto Carboni


 Mettete a bollire l'acqua per cuocere la pasta e nel frattempo, pestate grossolanamente in un mortaio i pistacchi sgusciati, già tostati e salati, insieme a qualche grano di pepe verde. Scolate la pasta, conditela con l'intingolo di carciofi, pancetta e una generosa manciata di parmigiano grattugiato. Dopo aver impiattato, spolverate con la granella di pistacchi e poco prezzemolo tritatissimo.


Buona pasta a tutti,

Ornella


Pasta e carciofi 2

Piesse: Un doveroso ringraziamento a Davide, del Team Digital Barilla, per avermi inviato le belle confezioni vintage anni '50 in edizione limitata che vedete  in  foto. Qualche info:QUI



Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...