sabato 28 novembre 2009

Non è la solita Zuppa (inglese)

Scusatemi moltissimo se non sono stata puntuale, me lo perdonate un piccolo ritardo, vero?
Spero di sì, anche perché la ricetta che vi propongo è una vera chicca!
Non è la solita Zuppa Inglese ...
Infatti, Paola Lazzari utilizza un procedimento particolare per ottenere una crema pasticcera ed una chantilly morbida e setosa. Leggetela attentamente, eseguite tutti i passaggi, provatela e vi assicuro che non ve ne pentirete!!!!! Domani la preparo anch'io...
Grazie Paola, semplicemente grazie, per la tua grande generosità,
Ornella

La Zuppa inglese


Non è certo un dessert della sola Maremma, ma in questa terra sicuramente non manca mai quando c'è da far festa: è il classico dolce che conclude il pranzo della domenica. E se si va al mare, si porta in spiaggia!

INGREDIENTI NECESSARI

Per la crema

3 tuorli

3 cucchiai di amido di mais

6 cucchiai di zucchero

450 ml di latte

vaniglia

Per finire

350 ml di panna fresca

Pan di Spagna o Savoiardi, o Pasta Matta (vedi ricetta pag. 56-57)

Bagna al rum ed alkermes

PREPARAZIONE

Per prima cosa preparare la crema pasticciera. Scaldare il latte, meno 50ml, con 3 cucchiai di zucchero e la vaniglia ed intanto montare i tuorli con i restanti 3 cucchiai di zucchero. Unire la Maizena e stemperare tutto con i 50ml di latte FREDDO tenuti da parte. Non appena il latte bolle, versarvi questo composto, avendo l’accortezza di mescolare vigorosamente. Dopo pochi secondi la crema sarà pronta, soffice e densa. Farla bollire appena e toglierla dal fuoco, cercandola di freddare subito su ghiaccio, coperta con pellicola a contatto.

Freddare la crema in frigo e tenerla alla tenperatura di 3°-4°C. al massimo. Porre per 20 minuti la panna nel congelatore. Nella ciotola della planetaria versare la crema fredda ed iniziare a montare; mentre la macchina è in movimento unire la panna freddissima. Lasciare montare tutto fino ad ottenere una crema soffice, vellutata. Montando insieme panna e crema si ottiene una crema chantilly molto più fine e vellutata di quella ottenibile unendo la panna montata alla crema. Unica condizione e che entrambe, panna e crema, siano freddissime.

Per confezionare il dolce preparare dei dadini di Pan di Spagna o di savoiardo ed inzupparli con una bagna al rum e alchermes. In una ciotola di vetro fare degli strati alternati di dadini inzuppati e crema chantilly. Terminare con la crema su cui sopra si sbriciola poco pan di Spagna, colorato appena dalla bagna. Volendo si possono realizzare dei bicchierini mono porzione, molto più pratici ed eleganti da servire. Se si preferisce, si possono rifinire i bicchierini con un bel ciuffo di panna montata.

Una variante per chi non ama i liquori è quella di sostituire il Pan di Spagna con della pasta sfoglia o delle sfogliatine glassate già pronte. Si sbriciolano in pezzetti e si alternano alla crema. Si finisce con le scagliette di sfoglia spolverizzate di zucchero a velo. Sono buonissime entrambe le versioni!!
Paola Lazzari tratto da :"Dolci (e) storie di Maremma"

Archivio ricette torna in Home Page

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano forum o altro, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941e successive modifiche.

Copyright © OrnellaAmmodomio All Rights Reserved

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...