venerdì 7 gennaio 2011

Diamanti di Ducasse o quasi...

Essì, lo so... non ne potete più di calorie in eccesso, di glicemia alle stelle...
Da lunedì dovunque troverete zuppe detox e cibi acalorici,eheheheh... almeno nelle intenzioni tutte le diete cominciano dal Lunedì! ;))
 Ma i Diamanti, si sa, sono i migliori amici delle donne, quindi come rinuncarvi?

DIAMANTI di Ducasse

No, non si può, specie se la richiesta della ricetta  mi arriva via mail da Anna, una gentilissima lettrice di Ammodomio, che li aveva "sgamati" Qui!
Ebbene sì Anna, è proprio la ricetta dei Diamanti di Ducasse o quasi, che ho utilizzato per fare le stelline sbrilluccicanti di cui mi hai chiesto lumi.

Stelle


 L'impasto è semplicissimo, il sapore molto delicato, l'effetto delizioso!
Li avevo visti da lei in una versione molto sofisticata e me ne ero innamorata subito, ma lo confesso, il nome altisonante dell'autore della ricetta, mi aveva  decisamente intimorita.
 Dopo averne sentito decantare le lodi da Fabiola - per me è come una compagna di banco, nella classe turbolenta del forum de La Cucina Italiana - non ho potuto sottrarmi alla sfida !

Stelline

Dovete sapere che Fabiola è una "cuciniera" scrupolosissima, pesa tutto al grammo, tanto che è solita ironizzare sulla sua capacità di misurare esattamente anche l'aria...
Sebbene  di solito io proceda nel modo  opposto, una strana affinità elettiva ci fa prediligere le stesse ricette, soprattutto in fatto di dolci.
Beh scusate, faccio un semplice ragionamento; se una ricetta funziona sia che si rispetti pedissequamente al grammo ed alla lettera, sia che si facciano variazioni "ammodomio", penso che si possa affermare senza tema di smentite,  che la ricetta  in questione è davvero buona, per cui può facilmente essere eseguita  da chiunque.  
Voi che ne pensate? E' proprio così oppure no?
Allora, rispettando grosso modo le proporzioni  degli ingredienti di Ducasse e  pur saltando  o abbreviando qualche passaggio del procedimento (come il riposo in frigo) posso  assicurarvi  che il mio risultato è stato assolutamente eccellente!!! :D
I Diamanti di Ducasse, o meglio i miei bocconcini tempestati di brillantini con cabochon di "ganache" al cioccolato fondente, sono andati letteralmente a ruba, così come le stelline sbrillucicanti!!!!!!

Diamanti di A.Ducasse (o quasi)

Diamanti di Ducasse

 Ingredienti:


300 gr di farina 00 per Torte (già miscelata ad amido di frumento)
200 gr di burro a pomata
100 gr di zucchero a velo
1 + 1/2 tuorlo
1+1/2  tuorlo da spennellare
Zucchero semolato q.b.
Zucchero Demerara q.b.


Per la  mia"ganache" al cioccolato fondente:
Cioccolato al 70% e panna fresca in parti uguali (circa - regolatevi a occhio;)) )


Ho setacciato la farina con  lo zucchero a velo e vi ho mescolato il burro con la punta delle dita; ho aggiunto la quantità di tuorlo  d'uovo necessaria (ne ho aggiunto un mezzo tuorlo in più rispetto alla ricetta originale) ed ho lavorato velocemente l'impasto fino alla giusta consitenza. Ho diviso in 2 la frolla così ottenuta; di una parte ne ho ricavato 2 bastoncini  di circa 2 cm di diametro e l'ho messa in frigo, l'altra l'ho stesa immediatamente e l'ho tagliata con la forma per biscotti. Ho spennellato le stelline con il tuorlo messo da parte, le ho cosparse di zucchero semolato e di zucchero di canna, precedentemente mescolati e le ho sistemate sulla placca ricoperta di carta forno.
Ho quindi preso dal frigo i bastoncini, li ho spennellati con il tuorlo e rotolati nello zucchero e ne ho tagliato dei dischetti di circa 1 cm di spessore. Dopo averli sistemati su un'altra placca da forno, ho formato al centro di ciascun Diamantino una cavità, usando il manico di un cucchiaio di legno, senza premere eccessivamente ma allargando un pochino la fossetta.
 Infine ho infornato contemporaneamente le 2 teglie in forno ventilato a 190°, fino a doratura.
 Per la "ganache", ho portato a bollore la panna mentre si fondeva il cioccolato a fuoco dolcissimo (non è necessario farlo a bagnomaria). A fuoco spento ho mescolato la panna al cioccolato, lavorando il composto vigorosamente, senza però far incorporare aria, fino a renderlo liscio, lucido e ben amalgamato. Se ne fate in abbondanza, potete conservarla a temperatura ambiente per  più di una settimana ed in frigo per un mese almeno. All'occorrenza basterà riscaldarla a fuoco moderato per riportarla alla densità desiderata.
 Con questa "ganache" ho decorato i Diamanti e li ho lasciati asciugare all'aria.
 Conservati in una scatola di latta, i biscottini mantengono la loro fragranza per diversi giorni.
 Buon w.e. a tutti,
 Ornella

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 

.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...