martedì 31 ottobre 2017

Confettura di castagne|Crema di marroni

Autunno, tempo di castagne... Per me sono il frutto più buono che questa stagione può regalarci e al tempo stesso il più generoso. Per anni è stato il nutrimento di tante persone povere che superavano l'inverno proprio grazie a  questo frutto dalle mille possibilità.

Dopo anni, circa un decennio ormai, di mancata produzione in Italia dovuta al terribile Cinipide Galligeno che ha quasi ridotto a zero la produzione, quest'anno le castagne sembrano essere tornate sulle nostre tavole, anche se come prodotto pregiato, piuttosto che come "pane dei poveri".
La castagna può essere consumata in mille modi, come frutto fresco - arrostita o bollita - come farina - in farinate o polente, ma anche in prodotti da forno dolci e salati- oppure candita o sotto forma di confettura, cosa di cui ci occuperemo oggi. Sì perché la crema di castagne è una delle cose più buone che si possono fare con questo frutto magico ed occorre solo un po' di zucchero...




Complice la carissima Greta che ci ha permesso di conoscere il magnifico castagneto presso San Polo dei Cavalieri, anche attraverso le belle foto da lei scattate, sono venuta in possesso di un po' di castagne che ho subito trasformato in confettura. Non preoccupatevi, perché a parte la pulizia delle castagne che occupa un po' di tempo, il resto si fa in cinque minuti...Leggete e mi darete ragione.
Confettura di castagne|Crema di marroni






Per prima cosa occorre preparare una pasta di castagne o di marroni. Ottenuta questa, si procederà alla realizzazione della confettura vera e propria.

per la Pasta di castagne/marroni

Castagne o marroni
acqua q.b.
poco latte

La prima operazione è pulire le castagne o i marroni. Se scegliete i marroni il lavoro sarà più sbrigativo sia perché sono di dimensioni maggiori delle castagne (e quindi a parità di peso sono in numero inferiore) sia perché sono più facili da pulire, dato che la pellicina interna si toglie facilmente ed è meno ancorata alla polpa. Comunque anche la castagna comune può essere utilizzata con successo...io ho usato castagne.
Se avete il microonde, il lavoro sarà notevolmente più rapido.

Prendete dunque delle castagne, incidetele con un taglio sulla parte bombata e ponetele a bagno in una pentola con acqua fredda in modo che siano ben coperte. Lasciatele a bagno almeno 24 ore in modo che la pellicina interna, color camoscio e piena di peluria, (episperma) si inumidisca bene. Possono sostare in acqua anche di più, ma l'importante è che la parte interna sia ben bagnata.

Se avete il microonde ponetele 10-15 alla volta sul piatto e fatele andare a potenza media per circa mezzo minuto o fin quando la buccia si apre sul taglio fatto e fa intravedere la polpa del frutto: si formerà del vapore all'interno del forno e si udirà un leggero sfrigolio. Sono pronte! Armate di guanti in gomma, (perché sono roventi) sbucciatele...vedrete che sia la buccia esterna (pericarpo) che quella interna (episperma) si toglieranno immediatamente, lasciando il frutto intero. Mentre sbucciate le prime, mettete al forno le altre... e procedete così fino a terminarle tutte. Consiglio di metterne poche alla volta perché se si freddano non sarà più tanto facile sbucciarle. 

Se non avete il microonde procedete come sopra detto, solo che dopo averle tenute a bagno, scolatele e con un coltellino togliete la buccia scura, il pericarpo. Fatto questo, ponetele in un tegame copritele di acqua e portatele ad ebollizione. Dopo pochi minuti di ebollizione spegnete la fiamma e con un coltellino togliete la pellicina interna alle castagne, scolandole poche alla volta...anche qui è bene operare a caldo, quindi non scolate le castagne tutte in una volta.

A questo punto il lavoro più grosso e noioso è stato fatto. Sia che abbiate utilizzato il microonde o il metodo di pre-bollitura, le castagne saranno perfettamente pulite, ma ancora non cotte.

Ponetele quindi in un tegame, copritele a filo di acqua, un pochino di sale grosso e portate ad ebollizione facendole cuocere fino a che tutta l'acqua non sia quasi assorbita: fate attenzione che verso la fine cottura occorrerà girare un po' il composto per evitare che si attacchi sul fondo. Unite allora del latte caldo, fin quasi a coprire di nuovo le castagne e lasciate cuocere finché anche il latte sarà quasi assorbito, le castagne quasi completamente disfatte e il tutto assomiglierà ad un grossolano purè molto denso.
Spegnete il fuoco e passate il tutto, ancora caldo, con un comune schiacciapatate. Se ne otterrà una purea molto densa e piuttosto granulosa per cui consiglio di ripassare questa in un mixer per alcuni minuti fino ad ottenere un composto liscio e setoso. Questo passaggio è molto importante per cui non saltatelo, ma anzi perdeteci qualche minuto in più.

A questo punto la pasta di castagne è pronta!
Potrete utilizzarla come base per mille piatti, dolci e salati e ovviamente per la confettura.
                            





Per la Confettura 

Pasta di castagne
zucchero
vaniglia

Pesate la pasta di castagne che avete prodotto come spiegato sopra e calcolate il peso dello zucchero necessario che deve essere pari a 3/4 del peso della pasta di castagne. Quindi per un chilo di pasta di castagne, ad esempio, occorrono 750 g di zucchero. Basta infatti moltiplicare il peso delle castagne per 3 e poi dividere tutto per 4 :D

Preparare lo sciroppo di zucchero.
Prendete lo zucchero necessario, ponetelo in una casseruola e bagnatelo con dell'acqua fredda in modo da ridurlo in una massa colante. Inutile pesare l'acqua o metterne tanta: IMPORTANTE è che lo zucchero sia ben bagnato. Porre sul fuoco e mescolarlo fino a scioglimento: dopo di che portarlo ad ebollizione senza MAI MESCOLARLO e farlo bollire fino a che non raggiunga la temperatura di 120 /121°C o fino a che lo sciroppo formi una piccola pallina morbida, se preso tra il pollice e l'indice (preventivamente ben freddati in acqua e ghiaccio). Lo sciroppo è pronto!

A questo punto versare lo sciroppo bollente, a filo, sulla pasta di castagne, mescolando in modo che questa si sciolga bene. Vedrete che la massa di castagne, dapprima soda e pesante, comincerà a sciogliersi, ma non vi preoccupate se vi sembrerà liquida.... Se operate con oltre un chilo di pasta di castagne, a fine operazione potrebbero esserci delle parti ancora non ben sciolte di pasta. Potete usare tranquillamente un mixer ad immersione per omogeneizzare il tutto. Ponete il composto sul fuoco e portate ad ebollizione - occorrerà pochissimo poiché già caldissimo - unite la vaniglia, fate bollire due minuti e spegnete il fuoco. La confettura di castagne è pronta!!
Invasate in barattoli caldi e sterilizzati e chiudete subito con i tappi anche questi sterilizzati *.





Spesso la confettura di castagne ha un colore troppo scuro ed un sapore poco spiccato dovuti alla caramellizzazione degli zuccheri, questa confettura invece è veramente particolare perché lascia intatto il colore ed il sapore delle castagne, ricordando quelle sciroppate. Questo perché la cottura delle castagne (che deve essere ben prolungata in modo da ottenere una pasta morbida priva di grani duri) è fatta separatamente dallo zucchero, invece che insieme come comunemente ed erroneamente viene fatto. Anche lo sciroppo di zucchero non deve assolutamente caramellare, ma rimanere intorno ai 120°C massimo 125°C.

*Se non siete certi che il coperchio chiuda in modo ermetico, capovolgete il barattolo in modo da evitare infiltrazioni d'aria. Quando la marmellata sarà fredda ed il sottovuoto formato, il vasetto potrà tornare nella sua posizione corretta. Se il coperchio chiude in maniera perfetta, non occorre capovolgere il vaso per ottenere il sottovuoto.
Per sterilizzare i vasi vuoti, ben lavati ovviamente, si può procedere, o mettendoli in forno a 100°-110°C per una ventina di minuti, o posizionandoli nel forno a microonde per 2 minuti circa, a potenza medio alta. Attenzione perché nel microonde possono scoppiare!
Per i tappi di solito procedo alla classica bollitura per 20 minuti.


A presto,

Paola

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.

3 commenti:

  1. Thanks for a marvelous posting! I actually enjoyed reading it, you're
    a great author.I will be sure to bookmark your blog and
    may come back sometime soon. I want to encourage you to ultimately
    continue your great posts, have a nice weekend!

    RispondiElimina
  2. Thanks very interesting blog!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...