lunedì 11 maggio 2015

Pastine di meliga|Krumiri

Da un po' di tempo non mi affaccio qui su AMMODOMIO per illuminarvi su ciò che cucino all' Interno Otto, ma d'altra parte non faccio molti dolcetti, se non cose semplici che già sono qui sul blog.
Qualche giorno fa ho preparato questi biscottini di meliga, cioè realizzati con farina di granturco e mi sono accorta che tra queste pagine mancano proprio... Per rimediare ecco la ricettina :D :D
Mi raccomando solo di una cosa: utilizzate una farina di mais molto fine, detta Fioretto e se non la trovaste, utilizzate un frullatore o un macina caffè (che non sappia di caffé) per rendere finissima una farina di mais più grossolana.
Se potete rimediarlo, servirebbe anche un ragazzo/uomo piuttosto forzuto !!! ... Vi spiego poi il perché :D

PASTINE DI MELIGA/ KRUMIRI
400 g di farina "00" debole
85 g di farina di mais Fioretto
35 g di fecola di patate
100 g di zucchero
150 g di burro morbido
3 tuorli
1 uovo
un pizzico di sale
un pizzico di carbonato d'ammonio
vaniglia
Preparare la pasta montando il burro morbido con lo zucchero e la vaniglia, unire i tuorli e l’uovo mescolati al sale, ed infine le farine mescolate insieme con  l’ammoniaca. La pasta è pronta e va fatta riposare un quarto d’ora al fresco.
Dare la forma ai biscottini e cuocerli una decina di minuti a 200°C. Per formarli ho utilizzato la sparibiscotti utilizzandola come siringa, facendo cioè uscire la pasta in un lungo nastro e poi tagliandolo a pezzi per formare il biscotto. Ho utilizzato il disco a stella.



La pasta è piuttosto dura, quindi è necessaria un po’ di forza per farla uscire dalla sparabiscotti: per questo vi dicevo di procurarvi un bel giovanotto che per voi estruda la pasta dalla siringa... Devo essere sincera, io non ne ho bisogno, ma so che molte signore trovano difficoltà in questa operazione. D’altra parte, se la pasta fosse più morbida, una volta in forno i biscotti perderebbero  la forma e il bel disegno.
Si mantengono a lungo in una scatola di latta e sono ottimi con il tè o il caffè.
P.S. In mancanza di forze proprie e di baldi giovanotti/uomini, potete sempre fare un cannello e tagliarlo in pezzi a cui dare la forma di V leggermente aperta





A presto.
Paola



Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.

10 commenti:

  1. Bella l'idea dell'uomo forztuo. Io aggiungerei palestra to e che utilizza la spara biscotti a torso nudo...Troppo?
    Ciao e complimenti per la ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo cara, non chiedi troppo, le cose quando vanno fatte, devono essere fatte bene :)

      Elimina
  2. io il giovanotto robusto c'è l'ho ma penso di non averne bisogno,grazie per la bellissima ricetta,felice pomeriggio

    RispondiElimina
  3. Hanno un aspetto delizioso, complimenti!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao Paola sei bravissima complimenti!!
    Non ho lo spara biscotti com'e posso fare?cosa vuol dire fare un cannello?
    Grazie mille Pinella(non quella famosa...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. puoi sempre fare un rotolino, come si fa per gli gnocchi e poi tagliarlo a bastoncini di una decina di centimetri, piegandoli a V...Oppure fare delle palline e appiattirle con i rebbi di una forchetta prima verticalmente e poi orizzontalmente, formando una griglia..ancora puoi formare dei bastoncini ed utilizzare la forchetta per rigarli...grazie a te!

      Elimina
  5. Grazie mille Paola!Sempre gentile e disponibile!
    Grazie Pinella

    RispondiElimina
  6. Grazie per tutto il lavoro svolto e tutto il piacere che trovo

    RispondiElimina
  7. Non ho lo sparabiscotti, se metto l'impasto nel sac a poche con bocchetta grande ??? Vanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'impasto è duro e difficilmente ce la fai ad estruderlo con la sac a poche :(

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...