giovedì 24 aprile 2014

Alchermes o Alkermes|Ricetta di Paola Lazzari

Come vi avevo preannunciato nel post delle Ciambelle granulate, oggi vi lascio la ricetta dell'Alchermes o Alkermes che dir si voglia.
 Divenuto famoso Oltr'Alpe, grazie alla solita Caterina de' Medici che andò in sposa al re di Francia, cadde poi in disuso nel corso degli anni. 
L'Alchermes è invece ingrediente indispensabile per la preparazione di  molti dolci casalinghi tradizionali (come queste), alcuni dei quali quasi dimenticati,  e che solo negli ultimi tempi stanno tornando nelle nostre case. 
Il liquore che vedete in foto non l'ho preparato io, ma me lo ha regalato Paola quando le avevo detto che avrei preparato le sue Ciambelle granulate. Fatto dalle sue manine sante, vi assicuro che è una bomba, tanto che, sebbene sia un liquore "dolce", l'ha apprezzato pure mio marito. :P
Per vie traverse :D, ho intercettato la ricetta che Paola aveva dato a lei, perché oggi come oggi, è molto difficile trovare in vendita un buon Alchermes artigianale.
Ecco che, assaggiato il liquore,e dentrata in possesso della ricetta, se pure in modo furtivo ;). non mi è sembrato vero di  poterla condividere con tutti voi.:D


Alchermes o Alkermes

ALCHERMES

Ingredienti per l'infusione:

8 g di cannella (stecca)
4 g di noce moscata (intera o a pezzi)
2 g di chiodi di garofano (interi)
10 granelli di cardamomo (circa 2-3 g )
6 g di semi di coriandolo (interi) macis (un piccolo pezzo)
mezza stecca di vaniglia 
400 g di alcool da liquori (mezzo litro)
230 g di acqua


Tutto queste spezie vanno prese intere e pestate contemporaneamente in un mortaio, o in un mixer. Non ridurle in polvere altrimenti sarà poi più difficile ottenere un liquore limpido.
Mettere tutto in un vaso a tenuta ermetica insieme a 400 g di alcool ( mezzo litro) e 230 ml di acqua (meglio una minerale liscia, molto leggera, priva di calcio).
Dopo 15 gg si filtra tutto, prima con un passino, poi con carta filtro (vanno bene anche i filtri in carta delle macchine per caffè americano). A questo infuso che è di colore marrone, si unisce uno sciroppo (freddo) fatto con:







ALKERMES

 Ingredienti per lo sciroppo:

400 g di zucchero (zefiro)
333 ml di acqua
colorante rosso alimentare



Lo sciroppo può essere fatto a caldo o a freddo. Usando lo zucchero zefiro si può fare benissimo a freddo con acqua a temperatura ambiente. A questo sciroppo si deve unire del colore rosso. Si può utilizzare un colorante naturale o artificiale. Consiglio un colore rosso cupo (sangue di piccione) che colora meglio e che dà la giusta sfumatura al liquore.
Unito lo sciroppo colorato all'infusione, si verifica il colore: nel caso se ne aggiunge ancora per ottenere la giusta sfumatura. Si aggiunge poi dell’acqua di rose. Purtroppo la quantità è difficile da stabilire, poiché esistono diversi tipi di acqua di rose, più o meno concentrate. Se si utilizza il tipo arabo, ne occorrerano circa 70-80 ml se si utilizzano le boccettine concentrate allora la quantità si riduce notevolmente. Purtroppo la quantità va messa un po’ a sentimento..... Se ne aggiunge un pochino alla volta e si assaggia.... Quando otteniamo il sapore giusto ci fermiamo. C’è chi l’acqua di rose la omette, ma senza non è assolutamente alchermes!!!


Si imbottiglia il liquore e dopo qualche giorno è pronto. È buonissimo con profumo forte e persistente ed anche il sapore è unico. Nulla a che vedere con quelli comunemente in commercio (a parte quello di Firenze)-



Se vi piace la ricetta dell'Alchermes e pensate di prepararlo a casa vostra, ringraziate Paola Lazzari. ;)




Alla prossima,

Ornella

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 

Copyright 2009-2014© Ornella Ammodomio - All Rights Reserved

22 commenti:

  1. Preparare l'Alchermes con le mie manine è un pensiero che non mi aveva mai sfiorato. Ora devo dire che l'idea mi solletica eccome!!!! :-)
    Grazie di averne condiviso la ricetta!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Ma dai!! Non avrei mai immaginato di poterlo fare in casa.. Grazie della dritta!!!

    RispondiElimina
  3. Io sono astemia ma l' alchermes lo uso spesso per i dolci e adoro le cose home made quindi infinitamente grazie per questa ricetta perche' sono sicura che cosi' anche i dolci saranno piu' buoni! Buon ponte ,alla prossima :))

    RispondiElimina
  4. Ma la cocciniglia non vi va?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariap, abbiamo parlato genericamente di colorante rosso cupo, non abbiamo fatto distinzione fra coloranti alimentari di sintesi o naturali. La Cocciniglia (E120-E124) è presente in tanti coloranti alimentari e viene messa i diverse quantità a seconda della colorazione rossa che si vuole dare. Per esempio nel mio "rosso fragola" è presente...Ma al di là di nomenclature, l'uso dei coloranti è sempre mal visto, sia che questi siano prodotti sinteticamente, sia se siano di origine "naturale" come la Cocciniglia. Ti dirò di più, essendo la cocciniglia di origine animale, per i vegani è importante che essa non sia presente su prodotti di origine vegetale, come potrebbe essere l'Alchermes in questione, per evitare pericolosissime contaminazioni. Anzi, da anni i vegani e gli animalisti stanno combattendo una battaglia allo scopo di porre fine all'allevamento di cocciniglia per la produzione di colorante....Insomma abbiamo lasciato il lettore libero di scegliere il colorante più rispondente ai suoi principi,(etici- ambientalisti-salutistici ecc..) qualunque essi siano. Purtroppo L'alchermes deve proprio al suo nome il suo colore rosso.....altrimenti lo potremmo lasciare del suo colore naturale che è un marroncino opaco. :D

      Elimina
  5. questa la salvo, la leggo con calma e poi vorrei farla anche io, grazie ad entrambe,buon 25 aprile

    RispondiElimina
  6. Rosso forever!!!! Sai che non si intercettano le mail altrui??? Tranne quando si fa da intermediari!!!!! Ahahahahahah...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma saiquante volte ho chiesto a quella pigra signora dell'Interno Otto di pubblicare la sua ricetta? Quado gliel'ho chiesta per fare le Ciambelle mi ha detto:Lascia stare, te lo mando io! :D
      Quindi in nome della condivisione, l'ho arrubbat. :D

      Elimina
    2. Alessandra, con la scusa di far da ambasciatrice, Ornella non porta pena, ma....rubacchia!! :D :D

      Elimina
  7. Paola scusa, mi sembra che manchi qualcosa. Dopo il cardamomo scrivi:"2 o 3 grammi di..." e non c'è scritto cosa

    RispondiElimina
  8. Ogni tanto uso anch'io l'alchermes nei dolci è bello e profumato, grazie per la tua particolare ricetta. Ci proverò...buon 25 aprile! Rosa

    RispondiElimina
  9. Ciao ! sono proprio contenta di conoscere questa ricetta, mi piace l'idea di farlo in casa ! negli ingredienti ad un certo punto dici "2-3 gr di" ma manca l'indicazione . Anche all'inizio delle spiegazioni non capisco ...Puoi chiarire ? Grazie, ciao e complimenti !!!

    RispondiElimina
  10. bella questa ricetta, non avevo mai pensato di farlo in casa... ma adesso ci proverò sicuramente... grazie mille w il rosso

    RispondiElimina
  11. ciao paoa/ornella e grazie per la condivisione
    una domanda: non so se sia il mio computer o altro, ma ad un certo punto io leggo
    10 granelli di cardamomo
    2-3 g di
    ... 2-3 g di cosa?
    grazie ancora
    stefano

    RispondiElimina
  12. ciao e grazie per la condivisione
    una domanda: forse è il mio computer ma ad un certo punto il leggo
    2-3 g .--- senza specifica
    ... cosa essere?
    se leggete il mio commento due volte, scusate
    ciao e grazie
    stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggi bene 10 granelli di cardamomo( 2-3 gr.) Dato che e' scritto tra parentesi e' sottinteso che si tratti sempre di cardamomo!

      Elimina
    2. Scusate, la formattazione di questo post ci ha dato problemi. Ogi volta che abbiamo cercato di correggere si sballava da solo.
      Vabbè, grazie a tutti. I vostri commenti dimostrano che ci leggete con attenzione! ;)

      Elimina
  13. Scusateci per i disguidi, ma non si sa perché questo post ha avuto dei problemi nella pubblicazione. Lo abbiamo di nuovo aggiornato sperando che tutto sia chiaro....anche perché fare questo liquore è semplicissimo :D
    Grazie...

    RispondiElimina
  14. ......ciao ornella e paola, sto provando ora a fare questo vostro alchermes. ho una domanda, per cortesia: nella seconda fase, quando si aggiunge lo sciroppo, è possibile diminuire lo zucchero? grazie e ciao, stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo Stefano, puoi mettere meno zucchero...

      Elimina
  15. Appena imbottigliato. ottimo ( ho ridotto lo zucchero del venti per cento e non ho messo tutto lo sciroppo). Grazie ancora

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...