giovedì 16 gennaio 2014

Joululimppu|Pane di segale profumato all'arancia, carvi e semi di finocchio

Archiviate ormai le festività natalizie,  questo periodo dell'anno sembra essere dedicato alle diete depuranti, allo stile di vita sano ed equilibrato  che vorrebbe cancellare o almeno riparare, gli eccessi di due settimane dedicate a tavolate, brindisi  e stravizi vari.
E anche noi, amanti della cucina, sentiamo una certa stanchezza nel metterci ai fornelli a pasticciare... Niente sperimentazioni, niente preparazioni caloriche, niente dolci dunque qui all' Interno Otto, ma a un buon pane non possiamo dire di no, anche se siamo a dieta, tanto più se il pane in questione ricorda, per profumo e sapore (ma non per calorie), un panettone!








In effetti questo pane - Joululimppu -  dal nome impronunciabile, è un pane che viene dalla Finlandia e che lì viene preparato per il Natale... La mia idea era quella di prepararlo proprio per il periodo natalizio, ma per una serie di imprevisti ho dovuto rinunciare, però ieri, complici una voglia irresistibile di qualcosa di buono e un tempo piovoso quanto non mai, mi sono buttata in questa semplicissima preparazione.
Il risultato? Un pane buonissimo, soffice e profumato che ha inondato la casa del suo aroma speciale: perfetto sia con i salumi, sia con i formaggi, ma (a quanto dicono) anche con un po' di cioccolato. Io l'ho gustato da solo e mi è piaciuto tantissimo!
La ricetta é della affidabilissima Beatrice Ojakangas tratta dal suo ancor più affidabile e bellissimo libro "The great Scandinavian baking book".
Prima di passare alla ricetta, qualche piccola osservazione.
 La ricetta richiede 2 bustine di lievito di birra liofilizzato, o gli equivalenti 50 g di levito di birra fresco: la quantità è notevole, potete sempre ridurla allungando i tempi di lievitazione.
I semi di carvi (che poi non sono semi, ma frutti) non sono facili a trovarsi: io li ho sostituiti con dei semi di anice, ma volendo si può mettere del cumino. Il risultato è stato comunque eccellente!
La ricetta prevede infine 2 cucchiai di buccia grattata di arancia amara... se non volete grattare arance per qualche ora, utilizzate della buccia essiccata già pronta di tipo bio (io ho utilizzato quella della Sonnentor)
La melassa può infine essere acquistata in un negozio di prodotti biologici
JOULULIMPPU|PANE DI SEGALE CON ARANCIA, CARVI E SEMI DI FINOCCHIO




2 bustine di lievito di birra liofilizzato (o 50 g fresco)
125 ml di acqua tiepida
1 cucchiaino di zucchero

2 tazze di farina di segale integrale (260 g circa)
1 tazza di farina integrale (130g circa)
4-5 tazze di farina bianca forte per pane ( 520-650 g)
500 g di buttermilk (o stesso peso di latte e 30 ml di succo di limone)
125 ml di melassa scura
55g di burro
 2 cucchiaini di sale
1 cucchiaino di carvi e uno di semi di finocchio
2 cucchiai di scorza di arancia grattugiata (per me la scorza di un'arancia e un cucchiaino di scorza essiccata)
In un bicchiere, preferibilmente di plastica, sciogliere il lievito e lo zucchero nell'acqua tiepida, coprire e lasciar fermentare per qualche minuto
In una ciotola mescolare le farine ( unire il quantitativo minimo di farina bianca) e unirvi il lievito sciolto e fermentato. Mescolare con poca farina, in modo da formare un panetto morbido, coprire con altra farina e lasciar lievitare.
Nel frattempo scaldare il buttermilk* fino a renderlo tiepido ed unirvi la melassa, il burro morbido, il sale, i semi e la scorza di arancia. Mescolare bene il tutto
Quando il panetto sarà lievitato, iniziare l'impasto sciogliendolo con il composto di buttermilk preparato, unendo mano a mano la farina. L'impasto può essere fatto anche in una impastatrice o nella macchina del pane. Impastare fino ad ottenere una massa mobida, soffice, leggermente appiccicosa. Aggiungere quindi la farina in più solo se necessario.
Lasciar riposare al caldo per un'ora circa.
Dividere l'impasto in due pagnotte di circa un chilo l'una e arrotondarle per dar loro la forma sferica. Porle su una teglia e lasciarle lievitare, coperte, circa 45 minuti. Forarle appena con i rebbi di una forchetta e cuocerle a 200°C per circa 40 minuti. Dovranno essere di un bel colore biondo scuro, mobide, ma asciutte all'interno.
Lasciar freddare sopra una gratella per evitare la condensa sul fondo delle pagnotte.





P.S. *Per chi non trovasse il buttermilk, può portare il latte fresco a temperatura ambiente e aggiungere 30 ml di succo di limone. Lasciare una decina di minuti a riposo in modo che il latte si rapprenda un poco e procedere come sopra descritto.

A presto,
Paola



 Con questa e altre ricette partecipiamo al Contest de La Cucina Italiana in collaborazione con AIRC. Dal 18 Gennaio  infatti, vedrete comparire in home page questo banner e tutte le nostre ricette a base di arance.



Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.

8 commenti:

  1. il titolo mi ha fatto pensare che stessi imitando Creamy (la ricordi?)
    questo pane non lo conoscevo,ha un aspetto particolare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mirtilla, non ho la più pallida idea di chi sia questa Creamy!!
      Il pane più che l'aspetto ha un sapore particolare :)

      Elimina
  2. Che dire, evviva le ricette detox che profumano ancora di Feste!!Favoloso questo pane!!Buon Anno, anche se un po’ in ritardo..ciao ciao :D

    RispondiElimina
  3. Meggy, buon anno anche a te!

    RispondiElimina
  4. Questo pane mi piace! Io pero' provero' a farlo mettendo meno della meta' del lievito previsto e come dici tu allunghero' i tempi di lievitazione!Penso di avere la stessa eta' di Mirtilla perche' io Creamy la ricordo,cara Paola era la cantante protagonista di un cartone giapponese e quindi nel cartone c'erano nomi strani come quello del tuo meraviglioso pane....spiegata la battuta! Un abbraccio :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Isabella, mi sono documentata.....In effetti all'epoca di Creamy ero alla fine dell'Università e di cartoni non ne vedevo proprio !! troppo vecchia sono!
      Il pane è buono veramente, ne rimarrai entusiasta!Baci!

      Elimina
  5. Cara avrai qualche anno piu' di noi,io sono 40 enne...ma tu pero' hai piu' esperienza guarda che meraviglie che fai;-)
    Bravissima!

    RispondiElimina
  6. che bello questo pane ne sento il profumo e la fragranza, bravissima

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...