mercoledì 18 dicembre 2013

Madeleines di Hermè|Albero di Natale dolce

Oggi più che di una ricetta, anche se la ricetta delle Madeleines di Hermè è una "super ricetta", parliamo di una idea per un buffet delle Feste....
Se il periodo delle festività natalizie ci impone ricette, sapori e profumi della tradizione, possiamo sempre presentare ai nostri ospiti qualcosa di assolutamente consueto, ma in forma diversa e festosa, per dare un tocco nuovo e allegro alla tavola.
 
 Ecco allora che le Madeleines, pasticcini quanto mai classici, possono presentarsi sotto nuova veste, formando un albero natalizio...Basta procurarsi un cono in polistirolo, della pasta di zucchero e degli stecchini ed il gioco è fatto. Vedrete che a lavoro finito l'albero di Madeleines catturerà l'attenzione di tutti, regalando, oltre al profumo meraviglioso, un'atmosfera incantata.
Provare per credere!

 
 

 
 
 
 
 
MADELEINES DI HERME'

 
100 g di farina tipo "00"
100 g di burro
2 uova
120 g di zucchero superfino
3 g di lievito
Scorza di limone e di arancia grattate
Vaniglia
Qualche goccia di mandorla amara
Far fondere il burro. Montare le uova con lo zucchero e gli aromi, unire la farina senza smontare il composto ed infine unire il burro fuso a poco a poco....L'impasto è pronto e va posto in frigo per diverse ore, almeno 12. Io di solito lo preparo la sera per cuocerlo la mattina: volendo, l'impasto ben chiuso in una ciotola con coperchio, si mantiene in frigo anche due o tre giorni, anzi dà proprio il meglio di sé.
Il passaggio in frigo, infatti, è necessario per creare la famosa gobbetta che caratterizza questo pasticcino a forma di conchiglia.
 
 Con l'aiuto di una spatola, riempire le cavità di uno stampo multiplo per mini Madeleines, un po' come si fa per preparare dei cioccolatini, cercando di pulire bene i bordi dello stampo. Mi raccomando di imburrare molto bene lo stampo, anche se del tipo antiaderente, in modo che la Madeleine, una volta cotta, esca facilmente e con la superfice scanellata perfetta. Sconsiglio gli stampi in silicone per la difficoltà di utilizzare la spatola e per l'aspetto lucido-plasticato che si ottiene sulla superficie del pasticcino.
Cuocere a 200°-220° C per qualche minuto, finché non si forma la classica gobbetta, poi abbassare a 180°-190°C fino a doratura. Sformare le Madeleines e lasciarle freddare bene. Una volta fredde porle in un sacchetto per alimenti o in una scatola di latta: acquisteranno profumo e sapore.

 
Per preparare l'alberello basta procurarsi un cono di polistirolo: per le dimensioni fate voi,  va bene di circa 30 cm di altezza: potete ovviamente farlo più grande o più piccolo, ma non scendete  al di sotto dei 20 cm.
Rivestite il cono con della pasta di zucchero bianca e per farlo presto e bene, stendete la pasta in una striscia di 10-12 cm di larghezza e di 2-3 mm in spessore, piuttosto lunga. Bagnate il cono in acqua fredda e avvolgetevi intorno  a spirale la striscia di pasta di zucchero. Tagliate gli eccessi  di pasta di zucchero alla base e con una pialletta lisciate il tutto, insistendo sulle giunture. Vedrete che con poche passate tutto si uniformerà. Lasciare asciugare la pasta di zucchero per qualche ora.
Quando il cono si presenterà asciutto, posizionarlo su un cake board di cartone spesso, dal diametro di un paio di cm maggiore della base del cono stesso, assicurandolo con qualche goccia di colla a caldo.
Tutto è pronto e si può partire a realizzare l'albero: basta infilzare uno stecchino sulla parte diritta della Madeleine (non in quella stondata) e poi infilzare il tutto sul cono, partendo dalla sua sommità. Inizieremo quindi con due Madeleine in cima,  poi con quattro e a mano a mano, in cerchi concentrici, riempiremo tutto il cono, fino alla base. Per finire basterà una bella spolverata di zucchero a velo.



 
Naturalmente ci vogliono moltissime Madeleines : per l'albero della foto ne occorreranno circa quattro dosi della ricetta sopra riportata. Consiglio di non utilizzare subito delle Madeleines appena sfornate per realizzare l'albero, ma di farle riposare almeno una giornata: eviterete che si sbriciolino infilando lo stecchino.

 
Un ultima cosa: l'idea di questo albero mi è venuta guardando la foto di un buffet matrimoniale, in bianco e nero, che vidi lo scorso anno su questo blog. In effetti in quell'occasione veniva usato un elemento di base a forma di uovo e delle Madeleines grandi, per formare una sorta di pigna... Da qui l'idea di realizzare, invece, un albero, utilizzando sempre delle Madeleines, ma una base a forma di cono.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
A presto,
Paola







Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.


9 commenti:

  1. Che splendore sono rimasta a bocca aperta!!!

    RispondiElimina
  2. anche io sono rimasta a bocca aperta, che bello io non ci riuscirei mai, bravissima

    RispondiElimina
  3. Non cominciamo col dire che non ci si riesce....fare le Madeleines non è certo difficile, anzi....Montarle su un cono è facilissimo, un giochino da nulla, non ci vuole nemmeno troppo tempo. Può essere fatto tutto in anticipo, foderando l'albero con della pellicola o semplicemente mettendolo dentro un bustone di cellophane per alimenti. Basta spolverarlo di zucchero all'ultimo momento ed il gioco è fatto!

    RispondiElimina
  4. Bellissimo questo alberello ! Una splendida idea . Ma un lavoretto non
    da poco , checchè tu ne dica ...e bella pure la casetta !
    Ruli

    RispondiElimina
  5. questo e'un vero capolavoro1!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Paola, sono Miriam (Rotulina), profitto del tuo spazio per farti i miei più sinceri auguri di Buon Natale e per dirti che, ammirando i tuoi lavori, sei sempre una delle migliori realizzatrici di sogni...mi ricordi la protagonista di Pelle d'asino, l'unica che realizzo la Torta Luna per il Principe
    Miriam

    RispondiElimina
  7. E' una idea fantastica! Se mi permetti però il "verso" con cui sono state posizionate le madeleines non evoca subito l'effeto "abete" , se fossero state messe al contrario ("spiventi", per capirci) sarebbe stato più di effetto! Un saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse l'effetto è più di pigna...ma tu puoi metterle come vuoi :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...