mercoledì 16 ottobre 2013

Pane di semola di grano duro a forma di treccia russa

Non sono una panificatrice compulsiva, ma fare il pane in casa di tanto in tanto mi piace molto... E' un gesto antico che profuma di famiglia e di casa.  ecco perché al WBD, indetto da Zorra per l'ottavo anno consecutivo per celebrare la giornata mondiale del pane, non voglio e non posso mancare!
Quest'anno mi ero messa in testa di preparare un pane pugliese mai visto e di cui non posseggo neppure la ricetta, sebbene l'abbia cercata ovunque. La Frangòlle infatti, è una grande ciambella di circa due chili, che si prepara in un bellissimo paese della provincia di Bari, a picco sul mare, che si chiama Polignano a mare. 

Ne fa una descrizione Luigi Sada nel suo "La Cucina pugliese" 
Frangolle(a): pane di circa 2 Kg, ha forma di corona. La superficie contenente alcune mandorle (pelate dopo essere state lessate), viene resa lucida,dopo una prima cottura, con panno bagnato. Suole essere confezionato a Natale e a Pasqua. Prima di essere spartito tra i convitati,che, consumandolo, recitano un Pater noster, viene benedetto dal capo famiglia o  dal più anziano, con l'acqua benedetta prelevata dal fonte della chiesa, per mezzo di un rametto. di ulivo.
 Be', non avendo trovato la ricetta giusta, ho pensato di fare un impasto a base di semola di grano duro e di formare la corona, utilizzando la tecnica della treccia russa.
Non sarà la Frangòlle originale, ma vi assicuro che  è venuto fuori un pane davvero buonissimo e tutto sommato anche rapido da fare.

Pane di semola di grano duro a forma di treccia russa



Ingredienti:


500 gr di semola rimacinata di grano duro per pane (selezione Casillo) + 6 cucchiaini per i lievitino + qualche manciata per lo spolvero
370 ml circa di acqua
13-15 gr di sale fino (io ne metto 15)
6 grammi di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di zucchero o  di miele
olio extravergine
mandorle
qualche grano di sale grosso


In circa 50 ml di acqua sciogliete il lievito con lo zucchero; coprite con i 6 cucchiaini di semola e con pellicola e lasciate attivare il lievito per 15 minuti circa.
Mettete nella ciotola della planetaria 300 ml di acqua, e tutta la semola setaccia e pesata (500 gr); montate la foglia e dopo cinque-dieci minuti cominciate ad impastare, aumentando di poco la velocità. Appena vi sembrerà che l'impasto sia ben amalgamato, aggiungere gli ultimi 20 ml di acqua in cui avrete fatto sciogliere il sale. Un ultimo giro e montate il gancio.
Aumentate man mano la velocità fino alla massima potenza e  sino a incordatura. Ci vorrà davvero poco, quindi, spolverate l'impasto con la semola e aiutandovi con una spatola, prendendo i lembi e portandoli verso il centro ribaltatelo nella ciotola stessa; spolverarlo ancora di semola, quindi coprite la ciotola con pellicola. Mettetela  in forno spento insieme ad un pentolino colmo di acqua bollente fino a lasciar triplicare l'impasto.


STAMPO1


A lievitazione avvenuta, ribaltate l'impasto sulla spianatoia infarinata leggermente e spezzatelo in due parti uguali. Arrotondatele entrambe e lasciatele riposare coperte da un canovaccio per circa 15 minuti. A questo punto, per formare la treccia russa, stendete i panetti con il matterello, molto molto delicatamente; ungete le sfoglie spennellandole con olio extravergine, e arrotolatele su sé stesse dal lato lungo, lasciando la chiusura  in sotto. Con un coltello affilato tagliate a metà per il lungo i rotoli, lasciando integro l'ultimo segmento di una lunghezza pari a 3 dita circa. Dovrete formare una sorta di Y. Rigirare la parte non divisa a metà all'interno delle due metà tagliate, che andranno accavallate tra loro. Ripetete per entrambi i rotoli di impasto. 
Foderate con carta forno uno stampo da ciambella (il solito), posizionandovi le due trecce in modo che i lembi  estremi, quelli aperti, vadano sotto la parte iniziale dell'altra treccia (quella che sembra formare una rosa). Coprite lo stampo e mettetelo in forno spento, sempre insieme ad un pentolino di acqua bollente. Lasciate lievitare fino al bordo dello stampo.


STAMPO2

Preriscaldate il forno al massimo; ungete con delicatezza la superficie del pane con olio extravergine; decoratelo con poche mandorle pelate (spingetele un pochino, sennò cadranno dopo la cottura) e qualche granello di sale grosso, quindi infornate (tenendo sempre un pentolino d'acqua). Dopo circa  15-20 minuti abbassate la temperatura 230°.  Quando la superficie del pane vi sembrerà di un bel color biscotto, toglietelo  dallo stampo, inumiditelo con uno straccio bagnato, e mettetelo su una placca coperta di carta forno. Riportate eventualmente la temperatura a 250 e lasciate terminare la cottura.
 Lasciate raffreddare la corona di pane prima di tagliarla, anche se è difficile resistere


Buon WBD a tutti,


Ornella


World Bread Day 2013 - 8th edition! Bake loaf of bread on October 16 and blog about it!



Piesse: per la formatura  della Treccia russa ringrazio un meraviglioso gruppo Fb e chi vi ha postato la ricetta con foto passo passo.


Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 

Copyright 2009-2013© Ornella Ammodomio - All Rights Reserved








10 commenti:

  1. Sarà il caso di provarlo....e poi quelle mandorle e il sale mi piacciono troppo!!!
    Sempre unica!

    RispondiElimina
  2. Per te che fai cose strepitose sarò una passeggiata di salute! ;) Baci!

    RispondiElimina
  3. Gostei muito da sua sugestão para o dia internacional do pão. Foi sem dúvida uma excelente participação.
    Aproveitei para vir conhecer o seu blog e gostei muito. Já sou sua seguidora. ;)

    Feliz dia do pão!

    Beijinhos doces. :*

    Aurea Neves

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie!!! Sei molto molto carina!! Baci <3

      Elimina
  4. Faccio parte anche io di quel bellissimo gruppo di cucina!! E il pane è molto bello...hai avuto un'idea originale a formarlo come la treccia russa!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo e sicuramente buonissimo
    grazie un pane a forma di treccia russa è splendido
    grazie mille
    Manu

    RispondiElimina
  6. Wowwww, e se dopo un pane così non arrivi ad essere una panificatrice compulsiva..... lo divento io! Ahahahahahah
    Complimenti!!

    RispondiElimina
  7. ciao ti ho scoperta per caso e ne sono felice il tuo blog mi piace e ti seguo volentieri se ti va vienimi a trovare sul mio blog spicchidelgusto
    ciaooooo

    RispondiElimina
  8. Well done, love it! Grazie per la tua partecipazione al World Bread Day 2013!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te!! E' sempre un piacere!!! Linkerò la tua fantastica raccolta anche sul Forum de La Cucina Italiana!!!!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...