lunedì 13 maggio 2013

Nodi d'amore

Ve l'ho mai detto che ho delle cugine fantastiche?  :)
Basta che mi rivolga a loro per una qualunque ragione e sono pronte subito a darmi una mano, anche se abitiamo a chilometri e chilometri di distanza.

Nodi d'amore


Se Alessandra mi ha recentemente regalato, senza batter ciglio, il filmato delle orecchiette girato alla signora Nunzia, un'altra mia cugina, Palma, mi ha fatto un regalone, ricordandomi una ricetta della nostra nonna paterna che era finita nel dimenticatoio.
In pratica la nonna, mamma di 10 figli da sfamare con amore, si era inventata (o chissà da chi l'aveva  avuta) una ricetta per un impasto poverissimo, molto molto versatile, composto di sola acqua e farina. Ci preparava una sorta di gnocchetti che cucinava con i fagioli, oppure  ne ricavava dei nodini fritti, ripassati nello zucchero semolato per la merenda golosa dei bambini. 
Ero troppo piccola, forse, per ricordare il procedimento, ma mia cugina Palma, non avendolo mai dimenticato, ha riproposto per anni alle sue figlie  prima e ai suoi nipotini poi,  proprio i Nodi d'amore della nonna. 


Senza titolo 

 Circa un mesetto fa o poco più me ne ha parlato al telefono...
Secondo voi potevo non mettere immediatamente le mani in pasta? :)
Ho provato i Nodi d'amore della nonna, ho aggiustato il tiro arricchendoli di pochi piccoli dettagli e sono pronta a raccontarveli per filo e per segno.
Provateli, sono croccanti fuori e morbidi dentro, tanto buoni quanto facili e rapidissimi da preparare!!!! Basta davvero non più di una mezz'ora... 
Sono certa che dopo averli assaggiati raddoppierete la dose. :P

Nodi d'amore
(ricetta di mia nonna)


Senza titolo

Ingredienti:
150 gr di farina 00
150 ml di acqua
1 pizzico di sale
scorza grattugiata di limone
zucchero semolato
cannella in polvere
olio extravergine per friggere

 In un pentolino col manico, portate a bollore l'acqua, aggiungete il pizzico di sale,  togliete dal fuoco, e mettete tutta la farina in un sol colpo. Girate energicamente con un cucchiaio di legno, rimettete il pentolino sul fornello e, continuando a girare, lasciate cuocere  a fiamma moderata, finché l'impasto non si staccherà dalle pareti del tegame, risultando più o meno omogeneo. Ribaltate l'impasto sul piano di lavoro senza aggiungere farina, ma solo un po' di scorza di limone grattugiata, lavorandolo appena per renderlo liscio, elastico e setoso. A questo punto prendete dei pezzi di impasto, rotolateli sul piano con i palmi delle mani e ricavatene dei bastoncini di circa 20 cm di lunghezza, che annoderete  delicatamente come fossero  cordoncini.


Senza titolo


 Tenete coperto con un tovagliolo l'impasto per non farlo seccare, ma non  a campana con una ciotola, altrimenti si formerà una certa umidità che ammorbidirà l'impasto. Quando avrete terminato di fare tutti i Nodi d'amore, preparate un piatto con abbondante zucchero semolato mescolato  a cannella in quantità a piacere, dove andrete a rotolare i Nodini dopo averli fritti. Lasciateli asciugare all'aria per una mezzoretta e prima di scaldare l'olio per la frittura, a freddo, mettetevi un pizzico di sale fino, per evitare che possa schizzare, quindi friggete in olio profondo i piccoli Nodi, pochi per volta. In cottura  saliranno a galla rapidamente e tenderanno a gonfiare leggermente. Al primo accenno di scoppiettio saranno dorati,  perciò scolateli e rotolateli immediatamente nello zucchero. 


Senza titolo

 Ottimi per colazione, merenda o per un té, per apprezzarne la bontà, serviteli caldi o  tiepidi.

Dite la verità, non sono bellini? ^_^ Non sembrano Pupatelle? Sapete cos'era la Pupatella ? Nooooooooo...????? O.o

Buon inizio settimana a tutti,

Ornella

Senza titolo

Le porcellane bianche, gli spiedini in bambù della serie "nodo", che vedete nelle foto sono un gentile omaggio di Vega settore hotellerie e  attrezzature da bar.


Senza titolo



Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Copyright 2009-2013© Ornella Ammodomio - All Rights Reserved

18 commenti:

  1. Ma sono fantastici!!!
    Prendo nota e vado in cucina,sono troppo curiosa di provarli, sembrano così veloci!
    Ti farò sapere il giudizio dei bambini...
    Felice settimana Ornella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alba, spero che vi piacciono quanto piacciono a noi! :
      U abbraccio

      Elimina
  2. Mi incuriosiscono, pensavo che la pasta dovesse lievitare invece vedo che non c'è alcun lievito...ottimo!rapidissime!
    Complimenti a te per averle proposte, alle cugine per l'aiuto e ovviamente alla nonna che li ha ideati.
    Ottimo anche il suggerimento del sale, non lo sapevo e ne farò tesoro :-)

    RispondiElimina
  3. cosa darei per averne un paio d'accompagnare al caffè..

    RispondiElimina
  4. sono bellissimiiiiiiiiii!!! molto golosi, sfiziosi...

    RispondiElimina
  5. Sai che da noi si prepara quest'impasto per Natale?
    Li amo alla follia: per me rappresentano molto più di un dolce e sono legati a tantissimi bei ricordi d'infanzia :D
    Li trovi da me se cerchi "crispeddi": non ti lascio il link perché non mi sembra carino ....
    Un bacio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Milena, i tuoi link sono una benedizione.. Sempre ben accetti!!!
      Ho visto i tuoi Crispiddi, molto molto interessante l'uso della semola rimacinata. Sicuramente da provare!! Che bello questo scambio di tradizioni!!!
      Un bacio anche a te :*

      Elimina
  6. che bello avere tutte queste cugine che ti inviano (e conservano) le ricette familiari :)
    ma che sono le pupatelle??? che curiosità! :D

    RispondiElimina
  7. Belli son belli ma chissà che buoni che sono....la semplicità spesso è la migliore ricetta!!!

    RispondiElimina
  8. Le ricette di una volta,i dolci delle nonne;che nostalgia,mi commuove questo post.Se penso,ricordo che mia nonna faceva delle torte buonissime,pensa senza forno,aveva una specie di pentola che si metteva sui fuochi,ricordo bene?Che bello ,è una fortuna potersi ricordare delle ricette che ci hanno tramandato.Grazie all'amore dei tuoi nodi,un tripudio alle nostre nonne,lisa.

    RispondiElimina
  9. Mamma mia Ornella, devono essere davvero deliziosi e non perchè fatti con ingredienti ricercati, ma solo con gli ingredienti semplici e quello più importante l'amore. Solo quello basta a renderli unici e irripetibili. Grazie Ornella per questa ricetta

    RispondiElimina
  10. Che belli, sembrano cuoricini ... saranno buonissimi

    RispondiElimina
  11. Che fame.... bellissima idea, originale e semplice!

    RispondiElimina
  12. Ma che bonta'! E che procedimento interessante! Da provare!

    RispondiElimina
  13. Belliiiiii,utilissimo il consiglio del sale !!!

    RispondiElimina
  14. Belliiiiiii,utilissimo il consiglio del sale,grazie Ornella !!!

    RispondiElimina
  15. Ciao ornella mika mi potresti dire la ricette delle pupatelle I dolci

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...