venerdì 31 maggio 2013

Cottura della carne

Qualcuno dice che in cucina basta avere cuore, ma la mia esperienza mi ha dimostrato ben presto che non è sufficiente... Qualcun altro afferma che invece comandano i sapori e non le regole...
Wow,  bello, ben detto! :D Per una come me che cucina a "sentimento" e ama trasgredire, una tale affermazione non potrebbe che essere condivisibile... Non a caso ho chiamato questo spazio Ammodomio.
Epperò se i miei commensali mi chiedessero la classica "bistecchina ai ferri", ma avessero gusti differenti a proposito della cottura della carne? Insomma,  lo sapete, c'è sempre chi la vuole cotta e chi la vuole cruda, per cui come bisogna regolarsi se non si possiede un termometro o non si è chef stellati? 
 Diventa necessario rispettare regole certe, seppur empiriche! ^_^



CRUDA

 Ebbene tutti dovremmo sapere  che il grado di cottura della carne viene classificato in:
cottura al bleu (40°);  cottura saignant o al sangue (50°); cottura al punto(60°); cottura bien cuit o ben cotta (70°).  Come fare dunque, se non abbiamo esperienza a riconoscere in modo empirico il momento nel quale la carne ha raggiunto al cuore la temperatura desiderata e quindi la cottura che vogliamo? 
Io sono sempre andata a occhio e a tatto, per puro istinto, con esiti alterni. Ma a quanto pare molti chef seguono regole ben precise facendo a meno del termometro. Bene, trovate le regolette, le ho messe in pratica e devo dire che da quel momento, applicandole, non ho sbagliato mai.  
Posto che la carne, se magra, debba essere prima di tutto leggermente unta (qualcuno consiglia di spolverarla con burro di cacao in polvere), legata con uno spago da cucina per mantenere la forma, e messa a cuocere su una piastra ben calda a fuoco medio alto, vediamo come fare a capire con il solo tatto il grado di cottura raggiunto.



Filetto


Uniamo indice e pollice della mano sinistra e con l'indice della mano destra tocchiamo la base del nostro pollice dalla parte del palmo. Il muscolo offrirà un certa resistenza al tatto. Ecco, se la bistecca che stiamo cuocendo ci darà la stessa sensazione tattile vuol dire che la temperatura al cuore sarà arrivata a 40°, e così di seguito, unendo il pollice sinistro con le altre dita della stessa mano, per verificare i vari stadi di cottura.

Allora riepilogando:

1) Cottura al bleu - Breve cottura a temperatura alta - al tatto si deve presentare come il muscolo tra pollice e indice;

2) Cottura al sangue - cottura poco più prolungata - al tatto come pollice e medio;

3) Cottura al punto -  Mettere a cuocere la bistecca senza toccarla fin quando compaiono sulla sua superficie  le prime goccioline. Solo allora girarla. Lo stesso avverrà dalla parte opposta. Al tatto, come pollice e anulare. Lasciar riposare un attimo prima di servire.

4) Cottura bien cuit - cottura più lenta e prolungata. Al tatto come pollice e mignolo.



FILETTO5


Sperando di esservi stata utile, vi auguro buon week end,

Ornella

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Copyright 2009-2013© Ornella Ammodomio - All Rights Reserved

12 commenti:

  1. Grandissima!!! Guardando Gordon Ramsey che urla "è crudo" "è troppo cotto" e poi fa toccare a tutti gli aspiranti supercuochi di Hell's Kitchen la bistecca, non ero mai riuscita a capire quale fosse il metodo di riconoscimento cottura. Ora grazie il mistero è stato svelato!!! Smack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche Cracco a Masterchfe l'ano scorso... Vabbè ma noi non siamo chef.. :D

      Elimina
  2. diavolo di una donna! e questa da dove salta fuori?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salta fuori dalla voglia di approfondire e sperimentare...;)))) Cercando, cercando, le regole giuste sono saltate fuori... Ti ricordi quando ne parlammo tempo fa su CI? Le spiegazioni date allora non mi avevano convinto, o meglio io non mi ci ritrovavo... per cui ho approfondito. ;)
      'è sempre da imparare! :)

      Elimina
  3. Una soluzione fantastica, la cottura della carne è sempre ostica... Grazie!

    RispondiElimina
  4. Ornella, sei unica e non lo dico tanto per dire, lo penso davvero

    RispondiElimina
  5. Questo post è interessantissimo, non sapevo di queste regole... durante tutta la lettura ho fatto le prove con le dita!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di pubblicarlo l'ho fatto leggere a mio marito per vedere se mi ero espressa in modo chiaro e comprensibile. Mentre leggeva, faceva la prova con le dita, proprio come e.. :D :D :D

      Elimina
  6. Accipicchia , Ornella , questa poi .....!!!! E tocca far
    ginnastica con le dita ! hmmm....Police e mignolo ..non mi
    riesce mica tanto bene .... ;)) ...!!!!!
    Sei impagabile !
    Ruli

    RispondiElimina
  7. Sì, Ornella,
    mi sei stata utile...
    come sempre!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...