lunedì 12 novembre 2012

Sasanelli|Sassanelli|Sassaneddre

Dite la verità, non sembrano Chocolate cookies?  E invece no, i Sasanelli, o al femminile plurale, in dialetto barese, "le Sassanéddre", sono biscottini pugliesi buoni da impazzire! Si preparano nel periodo che va dai Morti a Natale, dunque proprio in questi giorni per chi non ha provveduto a farli prima del 2 Novembre. 


SASS

Di ricette, come sempre per la cucina tradizionale, ce ne sono diverse, non tutte proprio  originali secondo me, non tanto  per gli ingredienti, quanto piuttosto per l'uso del lievito per dolci, il quale non dovrebbe comparire nelle vere ricette tradizionali antiche. O sbaglio? Differenti, inoltre, le modalità di cottura riportate da alcune fonti accreditate. C'è chi dice che è meglio cuocerli a bassa temperatura per un tempo più o meno lungo, chi invece a forno forte per pochi minuti. In certi casi, non ho dubbi: mi affido ciecamente alla mia fonte ufficiale Mimina Stellacci. Volete sapere il perché? Senza ombra di dubbio i suoi Sasanelli sono i migliori che abbia mai assaggiato in assoluto! :P
Diversa dunque per alcuni ingredienti la ricetta dei Sasanelli di Mimina, ma sicuramente tradizionale, e forse molto più antica di tante che compaiono sui libri accreditati di Cucina Pugliese. Non ne parliamo neppure di tutto ciò che  circola in rete...
Volete sapere che penso? Per la cucina regionale bisognerebbe fidarsi più delle ricette  tramandate di madre in figlia, che delle fonti ufficiali scritte. Difficilmente, secondo me, chi metteva le mani in pasta sul serio e sapeva insegnare alla generazione seguente aveva la capacità o l'opportunità di scrivere testi sacri. E tra il dire e il fare, si sa, c'è di mezzo il mare... ^_^

Sasanelli|Sassanelli|Sassanéddre


Sassanelli8

500 gr di farina 00
200 gr di mandorle tostate (non spellate)
200 gr di vincotto di fichi (circa)
120 gr di zucchero
50 gr di olio extravergine
2 cucchiai colmi di cacao amaro
1/2 cucchiaino di caffè in polvere (non solubile)
10 gr di ammoniaca per dolci
1 cucchiaini di bicarbonato
cannella in polvere q.b. ( facoltativa)

Tostare per pochi minuti in forno caldo le mandorle, farle raffreddare e tritarle col cutter insieme a 1 cucchiaio di zucchero preso dal totale, senza ridurle completamente in polvere.  Sulla spianatoia mescolare tutti gli ingredienti secchi, unire l'olio e impastare aggiungendo man mano il vincotto. L'impasto deve risultare morbido ma asciutto, non troppo appiccicoso. Preriscaldare il forno a 200°, rivestire le teglie con carta forno e depositare, aiutandosi con un cucchiaio, dei piccoli mucchietti di impasto, ben distanziati tra loro perché in cottura si allargheranno sensibilmente. Infornare per circa 7-8 minuti, controllando che il fondo dei Sasanelli si stacchi dalla carta forno, quindi sfornarli anche se la consistenza apparirà piuttosto morbida. Lasciarli raffreddare all'aria, prima di toglierli dalla teglia e disporli in bell'ordine su un vassoio.
 La consistenza dei Sasanelli rimane morbida anche dopo: non sono frolli, per intenderci. Il loro sapore è davvero particolare: non sono troppo dolci, ma profumati e aromatici. Insomma, sanno di buono, di casa, di antico...


PicMonkey Collage

Li ho serviti  con la Colva, i fichi secchi, un grappolino di uva e uno ribes, insieme ad un  ottimo nuovissimo cioccolatino Witor's, farcito di mousse ai frutti di bosco. Chevelodicoaffà? Un successone benché fossero cosette semplicissime e tradizionali! *__*

Piesse: le ricette del Vincotto di fichi e dei fichi secchi ve le darò l'anno venturo, se campiamo... ;)  Mò non è più tempo! :D

Buona settimana a tutti,

Ornella


Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Copyright 2009-2012© Ornella Ammodomio - All Rights Reserved

12 commenti:

  1. sono convinta che sono buoni da morire...
    baci
    anna

    RispondiElimina
  2. bellissimi !! li devo provare *-*

    RispondiElimina
  3. Hanno proprio una bella faccia questi sassanèddre. Li posso fare da oggi a Natale? Allora incomincio subito ;)

    RispondiElimina
  4. Mai mangiati,visti,o sentiti nominare! Mi sembrano bellissimi e me li segno subito.
    Sono d'accordissimo con te,i veri gioielli della cucina regionale italiana si apprendono dalle nonne e dalle anziane signore,e non dai libri.
    Un salutone.

    RispondiElimina
  5. "Per la cucina regionale bisognerebbe fidarsi più delle ricette tramandate di madre in figlia, che delle fonti ufficiali scritte"....ahhhhh..finalmente!!! non sai quante volte lo penso e lo dico!^__^

    RispondiElimina
  6. Come sopra per la cucina regionale !!!!! Mi piglio certe
    solenni inc.. pardon , arrabbiature quando leggo certi spropositi...Figurarsi poi quando trovo le varianti delle
    varianti spacciate per originali !!!!
    Bella e particolare questa ricetta , Ornella . Maaaa......e
    il vincotto di fichi ??????? Hai detto niente !
    Ruli

    RispondiElimina
  7. Io li amo! ne mangerei quintali... la ricetta di mia mamma è un po' diversa, ma son sicura che anche i tuoi siano buonissimi... baci baci

    RispondiElimina
  8. Oggi il Sasanello e" prodotto riconosciuto PAT>
    http://it.wikipedia.org/wiki/Sasanello_gravinese

    RispondiElimina
  9. Ciao Ornella, mi piace questa condivisione di ricette che fanno parte della nostra tradizione, me le gusto proprio..sono rimasta incantata da quei cioccolatini :-)
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  10. si potrebbe sostituire il vincotto di fichi con il mosto cotto?troppa eresia? :)
    Florinda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Florida, ereseria? Non direi. A volt c'è chi lo usa misto a quello di fichi, oppure tutto vincotto di uva. Quello di fichi è più profumato e legrmente più dolce. Può andare. ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...