mercoledì 6 giugno 2012

Cupcake nuziali...

Lunedì abbiamo visto come un vecchio dessert, quale la zuppa inglese, possa essere in qualche modo riproposto sotto forma di dolcetto monoporzione e abbiamo anche un po' parlato della possibile, se non auspicabile possibilità, di proporre i dolci della nostra tradizione, anche se con forme diverse.....

Andando contro corrente, avevo proposto un decoro vintage, ossia un bel ciuffone di panna coronato dall'immancabile ciliegina, ma ovviamente senza nessuna ostilità contro la moda imperante che vuole a tutti i costi coprire ogni cosa con della pasta di zucchero....
A riprova di questa mia affermazione, oggi riprendiamo in mano la stessa base, oppure un pan di Spagna, come preferite, e la decoreremo in pasta di zucchero....Vedrete che l'effetto finale sarà completamente diverso, come necessariamente saranno diversi l'occasione e il modo di presentare i due dolcetti.

Se le tortine vintage sono perfette in ogni occasione informale in cui si vuol offrire un assortimento di piccoli dolci, (si pensi ad una festa per bambini o ragazzi, ma anche una pranzo domenicale fra amici o un allegro buffet all'aperto), le cupcakes di oggi sono adatte ad un tavolo di dolci in una cerimonia nuziale, abbinate magari alla torta che riprende lo stesso elemento decorativo.
Se le tortine vintage saranno perfette affiancate da altri dolcetti tradizionali, come crostatine alla frutta, piccoli bignè farciti, rollatine di bisquit, e altre piccole cose, le cupcake decorate prenderanno posto a fianco di biscotti glassati e decorati, coppe di confetti, miniporzioni eleganti, sempre rivestite in pasta di zucchero.

Situazioni differenti, differenti modi di proporre un tavolo di dolci: nessuno esclude l'altro, anzi, necessariamente debbono coesistere. Logicamente in tutt'e due i casi, ogni elemento deve essere giustamente studiato, in modo da armonizzare forme, colori e sapori, per creare un tutto armonico e gradevole.

 Un'ultima cosa prima di passare alla parte pratica:lunedì ho detto che il cosidetto "cake design" ha certamente un suo ambito che non va certo sottovalutato, ma importante non esagerare. Come in tutte le cose di queste mondo, alla base ci deve essere la moderazione. Moderazione nel proporlo, quindi solo nelle giuste situazioni, moderazione nel realizzarlo, senza eccedere in colori, decori, forme.
Sarà poi la cretività di ognuno di noi, abbinata al buon gusto, che ci porterà a realizzare un qualcosa di  delicato, cercando di evitare di cadere nel dozzinale e nel pacchiano, come ultimamente il "cake design" spesso ci ha abituato....


CUPCAKE NUZIALI





 



(Per 12 tortine)

3 uova intere
100 g di zucchero
100 g di farina tipo "00"
un pizzico di lievito
vaniglia

Per la crema:
100g di mascarpone fresco
2 cucchiai di zucchero superfino
uno spruzzo di Marsala

Per decorare
Pasta di zucchero bianca
petal dust perlato
perle bianche in zucchero

Montare le uova intere con lo zucchero e la vaniglia in modo da ottenere un composto ben gonfio, unire la farina mescolata a un pizzico di lievito, amalgamandola a mano, con un cucchiaio, o una spatola, dall'alto verso il basso, in modo da non smontare il composto.
Suddividere l'impasto in una teglia da 12 muffins, utilizzando gli appositi pirottini in carta bianca. Cuocere a 190°C per 10-12 minuti circa. Fare sempre la prova stecchino prima di sfornarli...

Una volta freddi procedere a creare un incavo così come avevamo fatto per le tortine vintage, in modo da potervi ospitare il ripieno.

Per contrastare il candore esterno, ho preferito utilizzare una bagna al caffè e una crema al mascarpone, ricreando un classico tiramisù. 
Bagnare quindi moderatamente il dolcetto, cercando di non sporcare il pirottino in carta, con dell'espresso zuccherato, appena aromatizzato con del rum.
Riempire la cavità  e la calotta superiore con la crema al mascarpone e far freddare bene in frigo.
Per la crema al mascarpone, montare il formaggio con lo zucchero fino ad ottenere un composto ben sodo, ma soffice, ed ammorbidirlo con uno spruzzo di Marsala (se piace, o altrimenti del rum).

Con un tagliapasta di diametro pari a quello delle cupcakes preparate, tagliare 12 dischi di pasta di zucchero stesa piuttosto sottile (2-3 mm.). Poggiare i dischi sopra le cupcakes e lisciare con una spatola. Passare appena un po' di petal dust perlato con un pennello, per dare luminosità.
Porre in frigo. 
Modellare 12 rose in pasta di zucchero piuttosto grandi, con almeno 5 giri di petali in modo da riempire lo spazio circolare di ogni cupcakes e lasciarle asciugare.
Modellare 24 foglie proporzionate per grandezza alla rosa prima realizzata. Far asciugare.
Passare un velo di petal dust perlato sulle rose e sulle foglie. 
Prima del servizio, posizionare rose e foglie sulle cupcakes, assicurandole con un pochino di ghiaccia reale. Rifinire con qualche perla...






P.S. Se preferite, potete usare la stessa base delle tortine vintage, che sicuramente è più facile da gestire che non il Pan di Spagna.





A presto,


Paola




Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright 2010-2012© Interno Otto - All Rights Reserved

28 commenti:

  1. che meraviglia!! complimenti!! un abbraccio. anna

    RispondiElimina
  2. Senza parole, adoro i cup cake, ma ancora non sono riuscita a passare dai muffin alle tortine decorate, quindi guardo con ammirazione :-)
    Paola

    RispondiElimina
  3. Ciao Paola sono stato sempre attratto dal cake design ma non mi sono mai cimentato. Tu sei bravissima complimenti. Un caro saluto Francesco

    RispondiElimina
  4. Sei bravissima, questi cupcakes sono eleganti e raffinati, ti ammiro molto :) Adoro il cake design e spero di migliorare sempre di più. Proverò a farli, simili, devo procurarmi il petal dust perlato. Grazie per la spiegazione chiara, continuerò a seguirti, complimenti di cuore! Se ti va passa a trovarmi! Baci :)

    RispondiElimina
  5. Sono veramente bellissime e molto fini...

    RispondiElimina
  6. Stupendi, un peccato assaggiarli da quanto sono belli.. posso chiederti una cortesia? la bagna al caffe' come la fai? Di solito utilizzo quella di Montersino , ma anche riducendo le dosi ne avanzo sempre parecchia. Grazie .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito faccio un espresso un po' lungo, quindi una tazzina da caffè ben piena, che dolcifico con dello zucchero finchè è caldo. Poi unisco uno o due cucchiai di rum. Diciamo che realizzo la bagna al momento se non devo preparare grosse quantità. Altrimenti bisogna procedere con lo sciroppo a parte....

      Elimina
  7. Raffinati e superbi. Veramente complimenti!!

    RispondiElimina
  8. Grazie a tutti...Vorrei aggiungere una cosuccia. Queste cupcakes staccate dal contesto non si valorizzano, o meglio hanno poco senso. Pensatele però abbinate ad una torta, su un tavolo con delle rose o camelie bianche, con vicino dei vasi di confetti, dei cake pops ugualmente perlati tanto da sembrare delle grosse perle, dei biscotti bianchi decorati con ghiaccia e perle,delle monoporzioni bianche, con nastri a decorare che sfumano dall'avorio al grigio perla.....
    Allora tutto ha un senso...Voglio dire che ho utilizzato il petal dust perlato perchè in questo caso era necessario, anche perchè era un'occasione serale, altrimenti si poteva farne a meno e utilizzare magari altre sfumature.
    Per questo nel post parlavo di armonizzare forme e colori, perchè mai, come nel caso del "cake design", è facile cadere nel grossolano, nel sovrabbondante nell'eccessivo ed inutile, soprattutto quando caliamo la nostra "opera" nel contesto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordissimo, Paola. E la descrizione del contesto che fai è perfetta per queste tortine... armonia assoluta di forme e colori! Le avevo immaginate in un contesto simile, a dire il vero :) Il petal dust vorrei prenderlo per realizzare solo delle rose così, una cosa lieve lieve insomma... :)

      Elimina
    2. Quello che ho usato io dà effetto seta alla pasta di zucchero, mi piaceva usarlo per avvicinarmi ai nastri in raso che sono stati utilizzati...Nella foto sembra molto più lucido, ma non è così...

      Elimina
  9. Paola, quindi poggi il disco di pdz direttamente sulla crema? a me i cupcake vengono sempre bombati, muffin in pratica, mai piatti. C'è qualche modo per farli venire piatti? grazie e complimenti, sei bravissima

    RispondiElimina
  10. Sì, direttamente sulla crema, che poi è a base grassa...
    Per i cupcakes piatti solo due cose. La scelta di impasti adatti e riempire i pirottini di carta fino a metà della loro altezza, tutto qui!

    RispondiElimina
  11. Mi è venuta voglia di risposarmi solo per avere il piacere di stupire gli invitati con queste incantevoli tortine!!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, le puoi sempre fare per l'anniversario di matrimonio :)

      Elimina
  12. Bellissimi...che altro dire?

    RispondiElimina
  13. Paola, queste cup-cakes nuziali sono splendide. Non amo molto il cake design (lo ammetto), non tanto per la spettacolarita' delle realizzazioni, quanto per il gusto finale, che mi ha (quasi) sempre deluso. Ma devo ammettere che una di queste la proverei, subito!

    RispondiElimina
  14. L'aspetto delle cupcakes è semplicemente fantastico. Fini e super invitanti.

    RispondiElimina
  15. Il discorso sulla innovazione del cake design lo avevamo in parte affrontato lunedì: se dare nuovo impulso alla pasticceria è coprire di pasta di zucchero una quattro quarti con crema al burro e marmellata, beh, forse c'è qualcosa da rivedere...Per questo dicevo che, a parte la possibilità-capacità di realizzare basi e farciture più consone ai nostri gusti,il cake design non deve essere visto come la nuova ed unica frontiera della pasticceria.
    In fondo un dolce deve essere un piacere per gli occhi, certamente ma soprattutto per il palato.
    Insomma se devo peccare con un dolce, lasciatemi peccare bene :))

    RispondiElimina
  16. Mamma mia come sono belli! Stavo cercando su Internet delle idee per decorare le mie torte e sono rimasta impressionata da questa ricetta! Sono dei dolci ideali per i battesimi, matrimoni, che bella decorazione! Un arte proprio! Congratulazioni!

    Graziella

    www.ledolcezzedigraziella.blogspot.fr

    RispondiElimina
  17. Questi dolcetti sono di una raffinatezza che poche volte ho visto, davvero complimenti

    RispondiElimina
  18. Troppo belli! Davvero Paola sei meravigliosa!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...