mercoledì 23 novembre 2011

L'uovo fritto di Carlo Cracco... ma anche no!

Siccome in cucina c'è sempre da imparare da chiunque - ebbene sì, lo confesso - ogni tanto "sbircio" la trasmissione  della Parodi! ^_^
 Vabbé, la verità è che il "nuovo corso" della Benny nazionale sulla 7, oltre che divertente perché un pelino più autoironico, offre qualche spunto interessante,  soprattutto quando a cucinare non è lei, ma i suoi ospiti!!!! ;)))
Non è che sia diventata una sua fan, né tanto meno che mi danni l'anima pur di non perdere  una sua performance culinaria, ma se Fabiola - sì sempre lei, l'amica del forum di Cucina Italiana  , sempre attenta a tutte le novità - mi segnala qualcosa di interessante, corro a riguardarmi il filmato. 
Così è accaduto quando in trasmissione è arrivata Lei (se non l'avete vista, peggio per voi :D ma potete rimediare vedendovi la replica), così è stato per Carlo Cracco.

L'uovo fritto di Carlo Cracco




Ho un debole per Cracco... sì sì... mi piace proprio assai, tanto che non mi perdo neppure una virgola di MasterChef! A proposito, voi che ne pensate? Facciamo un toto-vincitori? ;)

Beh non mi fate perdere il filo del discorso... passiamo alla ricetta.
Incuriosita dallo strano modo del Maestro Cracco di trattare le uova, non ho potuto esimermi dallo sperimentare! Guardate il filmato qui di seguito e ditemi se non vi è venuta voglia di provare...


video


 La ricetta è semplicissima; il risultato  è straordinariamente buono, a patto che seguiate pedissequamente tutti i passaggi spiegati benissimo da Cracco. 
Cosa aggiungere ancora, dopo aver sperimentato in prima persona la ricetta di questo grande chef?

Uovo fritto di Carlo Cracco


Tuorlo fritto di  Carlo CRACCO

Ingredienti:

tuorli d'uovo 
pangrattato
olio extra vergine
spinaci (freschi, nOn surgetati!)
uva passa
pinoli
marsala (aggiunta mia)
sale q.b.

 Qualche ora prima (io l'ho fatto la sera precedente, per il pranzo del giorno dopo), preparate i tuorli, mettendoli nel pangrattato e poi in frigo(*). Se desiderate ottenere la forma perfettamente sferica, eliminate accuratamente ogni traccia di albume, altrimenti in cottura si coagulerà subito, dando al tuorlo una forma ovoidale. Per una buona riuscita, dopo qualche ora, dovrete altresì girare i tuorli nel pangrattato, mettendo cioè la parte superiore sul fondo del contenitore con il pangrattato.  Anche questo passaggio sarà necessario per ottenere un tuorlo ben in forma e che abbia assorbito la panatura in modo omogeneo. Prima di friggere i tuorli in olio profondo caldo, ma non fumante, preparate gli spinaci, seguendo la ricetta originale. Ho solo fatto una piccolissima aggiunta: ho messo ad ammollare l'uva passa nel Marsala piuttosto che nell'acqua e vi devo proprio dire che, modestissimamente ;)))), mi è sembrata una buona trovata. 
Un altro accorgimento che si può adottare, per non correre il rischio che i tuorli in cottura si rompano,(*) è quello, suggerito da Mariella di Meglio, di tenerli in freezer piuttosto che in frigo. Io, che amo il rischio, ho seguito il Maestro e sebbene uno dei due tuorli che avevo preparato ha dato in cottura i primi segni di cedimento, sono riuscita a recuperarlo tranquillamente. Quindi, niente paura, siate pure temerari; in fondo, il bello della cucina è anche questo!

Bene, per ora mi pare tutto... Passo e chiudo! *_*

Alla prossima,

Ornella


Piesse: Il "ma anche no" nel titolo è riferito alla nostra rubrica sul cibo in TV! Se vi siete persi le puntate precedenti, cercatevele tra le "etichette". l'elenco di quelle di Paola su Csaba, sono qui. ;)

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Copyright 2009-2011© Ornella Ammodomio - All Rights Reserved



46 commenti:

  1. Devo provarlo assolutissimamente.. bacioni

    RispondiElimina
  2. da provare.. sono molto curioso di questa ricetta..

    RispondiElimina
  3. Sembra che ci siam messe d'accordo?....eh... ma tu vai sul sofisticato!!!!!! ;-))))
    Io sempliciona sono!!!!

    RispondiElimina
  4. Ah questa si che mi piace, io ho provato la sua crema di riso con un certo scetticismo, ma devo dire che è davero molto buona. Per cui grazie dei suggerimenti...vado a provare! Buona giornata ciao :)

    RispondiElimina
  5. mooolto interessante...da provare!

    RispondiElimina
  6. quando cucina cracco è un dioooooooo!!!! la benny mi sembrava un po' in soggezione...
    questo piatto è assolutamente da provare e l'aggiunta del marsala non mi sembra niente male :)

    RispondiElimina
  7. Sì sì, è da provare, credete a me!
    @Nina, è di una semplicità disarmante!!!!! :)

    RispondiElimina
  8. Sono incredula!!! Quindi provo subito :-)

    RispondiElimina
  9. Ma he bel modo di cucinare l'avetto..mi piace si!! provo di sicuro :))

    RispondiElimina
  10. eccola con i tuorli di Cracco!
    Però da come l'hai raccontata sembra che passi la vita sui video della Parodi, invece ci sono incappata mentre guardavo l'ospitata che Pinella ha fatto e segnalato sul suo sito...
    E' vero che sono onnivora e passo da X-factor alla Medea di Euripide senza fare un plissè... ma da qui a essere una fan della Parodi...

    L'hai visto il sistema Montersino per avere tuorli ben "puliti" dalle chiare? Lui apre le uova intere in una ciotola e poi delicatamente ci pesca i tuorli con le mani. Già adottato, è un metodo eccellente.
    Ciao

    RispondiElimina
  11. Ah ah sarei curiosa di sapere a quanto lo mette lui al ristorante.. costo di produzione 0,80 e rivenduto a..???? Bella ricetta però, penso che la proverò!

    RispondiElimina
  12. Ma che carino... lo voglio proprio assaggiare!

    RispondiElimina
  13. Ti è venuto benissimo!!! brava davvero, cercherò di farlo ma...

    RispondiElimina
  14. da me ci ha provato il marito, su racconto di un collega. e ovviamente ci ho fatto il post!
    http://invacanzadaunavita-housewife.blogspot.com/2011/11/sono-stati-gli-ultimi-due-giorni-di.html
    la prossima volta proverò a farlo tenendo le uova nel congelatore. Ciao!!

    RispondiElimina
  15. Ciao!
    Questa ricetta è incredibile! L'ho provata anche io su segnalazione del mio fidanzato! Sono davvero buoni, però Cracco diceva che sarebbe meglio usare pane fresco tipo pancarré, la prossima volta provo!
    Io a masterchef adoro Spiros, ma penso che le più forti siano le donne rimaste. Di queste Ilenia è stata finora la più sportiva, mentre Luisa è brava ma per i miei gusti troppo sicura di sé e scorretta nei commenti sugli altri. Danny è quasi disgustato dai piatti classici, ma un cuoco non può fare solo innovazione.
    I giudici mi piacciono tanto tutt'e 3!

    RispondiElimina
  16. Ecco,con Cracco in cucina credo che non riuscirei a cucinare neppure un uovo fritto!!!!!!!! :DDDDD
    Maria.

    RispondiElimina
  17. @Fabiola no no, per carità!!! ;))) Intendevo dire che non ti fai sfuggire le novità! Correggo!!! :D
    Ho visto altri pasticceri usare quel sistema, ma non ho mai provato..

    RispondiElimina
  18. Cracco mette soggezione ma la Parodi, ammettiamolo, è simpatica. Ricetta da provare, senza dubbio!
    toto vincitore? mi piace Spyros e anche Ilenia anche se ho letto che non risulta molto simpatica. Vedremo
    ciao :-)

    RispondiElimina
  19. @Surreale, credo che Cracco si riferisse al pangrattato fatto col pancarrè tostato e tritato, non penso con la molica morbida e fresca.. Sennò come lo impani? Non so...
    @Acquolina e @ Surreale anche a me piace Spyros! Sopperisce alla mancanza di conoscenze tecniche con grande intelligenza. Insomma, mi piace chi in cucina ragiona, non replica soltanto o esegue senza comprendere l'essenza delle ricette. Se non si riesce a ragionare non si uò creare in cucina secondo me. U piatto creativo può pure riuscire ma...

    RispondiElimina
  20. @Cristina e @Maria, come darvi torto??? ;))))

    RispondiElimina
  21. Non vedo masterchef...e ho da poco conosciuto cracco per quanto ne parlano tutti...le uova mi ispirano moltissimo...e prima di riuscirci credo che pasticcerei un pò...un abbraccio e alla prossima.

    RispondiElimina
  22. No Max, le puoi fare tranquillamente!!! Sono davvero facilissime!!!!

    RispondiElimina
  23. Bello Ornellina...per me a sud é stata come stare in Iralia per qualche istante.
    AH ..questi giorni sono molto di corsa e passo ma non riesco a commentare...il post sul pan di spagna é da inconrniciare, da maestri.

    RispondiElimina
  24. Da assaggiare al più prestooooo...

    RispondiElimina
  25. proprio ieri ho visto queste uova in una rivista,le trovo sublimi!!!!bravissima!!

    RispondiElimina
  26. pensa che per me Cracco è stata una grande delusione, a parte la sua freddezza e il suo tirarsela non poco, e l'ambiente altrettanto freddo, è stata una cena che ricorderò in negativo...molto negativo.
    La cosa che più ricordo con disgusto sono stagli gli spaghetti di uovo.....una cosa immonda...
    Gli abbiamo mandato indietro 6 petti di piccione intonsi, tutti i commensali praticamente, e lui non è neanche venuto a chiedere qual'era il problema, come avrebe fatto un Pierangelini o un Alajmo, salvo poi dire a una nostra amica che a fronte del nostro scontento ci avrebbe offerto un'altra cena....
    poteva trattarci meglio la prima volta, altro che offrire una cena riparatrice...
    Non seguo Masterchef, non mi piacciono affatto le umiliazioni del tutto gratuite ed enfatizzate...

    RispondiElimina
  27. Senza parole e a bocca spalancata...per mangiare....

    RispondiElimina
  28. @Giuliana, sarà che non ci sono mai andata, ma a me LUI piace assai! :)))

    RispondiElimina
  29. Accidenti, da qui non visualizzo il filmato ma stasera a casa lo guardo, mi hai incuriosita con questa storia del tuorlo!!
    Ciao!
    Cinzia

    RispondiElimina
  30. E per caso é una cosa grave guardare la Parodi????????? Ma...

    RispondiElimina
  31. Assolutamente no! E chi mai ha detto questo? Non la seguo abitualmente perché in genere non ci trovo nulla da imparare... Una sfoglia pronta la so srotolare da me! :D

    RispondiElimina
  32. Straordinario,ho visto il video;l'ho trovato molto divertente,è cosi' che si dovrebbe lavorare sempre in cucina,trovo che l'ambiente rea quello giusto.Bravi Cracco e la Parodi.A te un grazie per aver condiviso,Lisa.

    RispondiElimina
  33. Il tuo piatto è da manuale...Devo provare anch'io
    il tuorlo fritto , ma non salerò MAI come LUI !!!!
    Non vedo perché ...e poi io salo sempre con un cucchiaino : il sale fino , che magari va sotto le unghie , mi dà assai fastidio....Non sarò mai una
    Vera Cuoca , sigh.. ;(((
    Ruli

    RispondiElimina
  34. ciao, colgo l'occasione per invitarti al mio giveaway e contest, ci sono tante sezioni in cui partecipare, ti aspetto!grazie paola
    qui trovi il regolaemento:
    http://www.polveredizucchero.com/2011/10/giveway-blog-contest-facebook.html

    RispondiElimina
  35. Ma che bella combinazione.....Lo sai che ho la ricetta inserita tra quelle da fare? Non ho mai tempo per seguire i video ma questa cosa di Cracco da Benedetta l'ho vista per puro caso. Interessantissima preparazione. Il mio amato chef Stefano Deidda sbatte i tuorli con una forchetta e poi li cola in semisfere al silicone. Congela, riunisce le metà, impana con doppia panatura e frigge. Questo metodo di Cracco è molto interessante. Complimenti per il risultato!!!!

    Pinella

    RispondiElimina
  36. Anche a me non dispiace questa nuova veste della trasmissione della Parodi...mi sembra più frizzante della precedente, anche se, mi capita di guardarla occasionalmente...ovvio che mi sono persa sia la Pinella che Cracco, mannaggia a me! Il suo uovo fritto è senza dubbio da provare! E tu sei stata magistrale! Bacio carissima!

    RispondiElimina
  37. Il tuo modo di "parlare" è che mi ha fatto pensare che la Parodi sia quasi inguardabile, a patto che non ci sia qualcuno di famoso che nonostante la semplicità della ricetta si merita di essere guardato! Mi è sembrata una cosa un po presuntuosa... e chiedo scusa se mi sbaglio...è stata una mia sensazione a leggerti, tutto qui.

    RispondiElimina
  38. @Tutti, grazie.. Siete troppo buoni!!!:)
    @Pin, il procedimento di Cracco è proprio molto semplice. Non mi sarei azzardata ad usare quello di cui parli:è da professionisti, non alla mia portata! ;)

    RispondiElimina
  39. @Anonimo, se mi conoscessi, sapresti che la presunzione è forse l'unico difetto che non ho! :))
    Piuttosto, chiarisco meglio il mio pensiero, con considerazioni assolutamente personali...

    Trovo che una trasmissione TV sul cibo e sulle ricette, dovrebbe avere la funzione di divulgare una corretta alimentazione, da un lato, e di diffondere informazioni giuste sui cibi e le tecniche di cottura, dall'altro. Beh, spesso nelle trasmissioni della Parodi, almeno in Cotto e Mangiato, mi sembra che queste caratteristiche mancassero del tutto.
    (Ricette della tradizione cucinate in modo arbitrario e spacciate per originali, frutto dell'approssimazione presumibile della sua redazione; uso consueto di cibi precotti e surgelati; abuso di grassi idrogenati tipo margarina o panna spray; bustine, scatolame,ecc...) Insomma,seppure nelle nostre case, sempre più di frequente si tende a cucinare in modo piuttosto sbrigativo, non penso che questa abitudine dovrebbe essere esaltata in TV. Ritengo che ci si possa nutrire bene, senza star troppo in cucina, soltanto semplificando al massimo i procedimenti e a volte alleggerendoli, senza far ricorso alle "trovate" della Parodi e dei suoi cloni. Tutto ciò, ovviamente con un po' di buon senso, senza essere eccessivamente integralisti, ma neppure troppo superficiali. Voglio dire che se ogni tanto, noi comuni mortali possiamo far ricorso ad un preparato pronto ecc., senza che caschi il mondo, non è per me accettabile che se ne faccia una vera e propria "scuola di pensiero". Detto ciò, il programma della Parodi, considerato come una trasmissione di intrattenimento e nOn di "informazione" culinaria,ma utile veicolo pubblicitario per tutto ciò che ruota intorno al cibo, è e rimane godibilissimo!:D Almeno per quel poco che ho visto del "nuovo corso" sulla 7.
    Spero di averti chiarito meglio ciò che penso! :))

    RispondiElimina
  40. Ornella, posso rispondere ad Anonimo anche se questo è un blog e non un forum?

    Caro Anonimo, secondo me la Parodi va bene per i neofiti (quando lo ero io anche un bel "Apriscatole della felicità" della Spagnol troneggiava sul mio comodino insieme a ben più nobili tomi e riviste del settore).

    Piace poco o per niente agli appassionati/esperti; ma lei, donna indubbiamente attenta, ha saputo interessare anche noi quando invita ospiti autorevoli (leggi Cracco e Pinella)

    RispondiElimina
  41. Certo che puoi, Fabiola!!! "Casa mia" è casa tua!!! :D

    RispondiElimina
  42. Allora, la Parodi piace a tanti, visto che ha già venduto millioni di libri. Anche so non ho comprato il suo libro, anch'io la guardo ogni tanto per vedere qualche dolci veloci e buoni da fare, e se lei usa delle cose che noi casalinghe non facciamo uso (besciamela pronta, verdure surgelate, ecc), basta usare il buon senso, come dice la Ornella, e mettere quelli ingredienti giusti, ma niente di tutto ciò ha a che fare con il mio discorso iniziale...non te la prendere Ornella, se ti conosci bene come dici, allora fine della discussione, che ne dici? :)

    RispondiElimina
  43. @Aninimo)(perché non ci dici come ti chiami?) ecco, forse questo è il punto:che la Parodi possa fare da modello a tanti. Lei è simpatica, ci mette la faccia, ma alle sue spalle c'è uno staff che forse farebbe bene a "studiare" un po' di più! Almeno noi apassionati di cucina ce lo auspichiamo? Ma hai visto nel filmato con che sguardo ironico e divertito la guarda Cracco? ;)) A sua difesa devo dire che la Parodi non si prende troppo sul serio, né pare voler diffondere "il verbo"! :D Non ti preoccupare, non me la prendo mai p
    er una discussione piacevolissima e dai toni pacati. Figurati, è stato un piacere! :)))

    RispondiElimina
  44. Fantastico! Cracco, Benedetta, l'uovo...!! Tutto!
    Bello il tuo blog! :-)

    RispondiElimina
  45. Scusa ma, quanto è figo Cracco?? Ne vogliamo parlare??? Comunque la Parodi con la cosa dell'acqua con gli spinaci ha fatto un po' figuruccia! Penso che di fronte a lui non riuscirei a rompere un uovo!!
    Scherzi a parte, l'uovo fritto non pensavo si potesse fare, da provare subitissimo!!

    RispondiElimina
  46. @Francesca, si può dire "figherrimo"? Vabbè lo dico lo stesso: Cracco è figherrimo!!!!! :DDDD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...