martedì 25 ottobre 2011

Pasta con carciofi, pancetta, pistacchi e pepe verde

Ormai lo so da ben 32 anni: se a pranzo non gli preparo un bel piatto di pasta, rischio il divorzio! :))
E se per caso decido di portare in tavola qualcosa di diverso? Parte subito la sua la filippica sulla necessità di consumare carboidrati, sulla bontà della dieta mediterranea, su quanto siamo fortunati a vivere in Italia e pure al sud. Di questi tempi, trovare tanti buoni motivi tutti insieme, sciorinati di fila, uno appresso all'altro, non è  roba da poco... O sbaglio? ;)))
Quindi aivoglia a cercare di convincerlo a sperimentare consistenze diverse, sapori nuovi, ricette tipo soufflé, flan, potage e via di seguito...  Alla sola pronuncia del nome straniero alza il sopracciglio in segno di disappunto e, guardandomi di traverso, tra lo sfottente e il divertito, esclama sornione:"Se voglio sperimentare, vado al ristorante. A casa voglio mangiare bene!" :DDDDD
Che poi diciamola tutta...Qual è la ragione per la quale cuciniamo tutti i giorni e che ci dà soddisfazione? Non è gratificante guardare quei sorrisi sazi e compiaciuti dopo aver gustato un buon piatto  di pasta a casa propria in santa pace? 
 E ... dove c'è Barilla c'é casa! :)))
Allora, per celebrare degnamente La Giornata Mondiale della Pasta che ricorre oggi 25 Ottobre,  ho cucinato un evergreen di casa mia...

Pasta con carciofi, pancetta, pistacchi e pepe verde


Pasta e carciofi a


 Ingredienti:

500 gr di pasta (fusilli)
4 carciofi
100 gr di pancetta dolce a cubetti
3-4 cucchiai di olio extra vergine
1 noce di burro
1 spicchio d'aglio
parmigiano grattugiato q.b.
pistacchi
prezzemolo q.b.
pepe verde q.b.

Pulite, lavate i carciofi, privandoli delle foglie dure; tagliateli a spicchi piuttosto sottili e nel frattempo fate soffriggere leggermente nell'olio e nel burro, l'aglio con la pancetta, senza farli rosolare. Togliete l'aglio, mettete in pentola i carciofi, continuando a cuocere a fuoco moderato e coprendoli a filo con un po' d'acqua. Mettete il coperchio, aggiungete acqua all'occorrenza e portate a cottura i carciofi, che devono risultare teneri. Aggiustate di sale solo all'ultimo, se è proprio necessario per il vostro gusto, anche se generalmente non serve.

Barilla vintage-scatola anni '50 disegnata dal grafico Erberto Carboni


 Mettete a bollire l'acqua per cuocere la pasta e nel frattempo, pestate grossolanamente in un mortaio i pistacchi sgusciati, già tostati e salati, insieme a qualche grano di pepe verde. Scolate la pasta, conditela con l'intingolo di carciofi, pancetta e una generosa manciata di parmigiano grattugiato. Dopo aver impiattato, spolverate con la granella di pistacchi e poco prezzemolo tritatissimo.


Buona pasta a tutti,

Ornella


Pasta e carciofi 2

Piesse: Un doveroso ringraziamento a Davide, del Team Digital Barilla, per avermi inviato le belle confezioni vintage anni '50 in edizione limitata che vedete  in  foto. Qualche info:QUI



Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 

20 commenti:

  1. Posso portare a tavola mille contorni ma se manca la pasta,è tutto lavoro sprecato!!Quindi per far felici tutti, un buon primo è l'ideale,magari come questi fusilli arricchiti di tanti buoni ingredienti!!
    E a dirla tutta,anche a me piace tanto un buon piatto di pasta!!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. che deliziaaaaaaaaaa!!! la voglio la voglio!!!

    RispondiElimina
  3. Ottimo primo!!!!....Buoni i carciofi...in tutti i modi!!!!!

    RispondiElimina
  4. Non vedo l'ora di provare questa gustosissima pasta!Da queste parti per i carciofi bisogna aspettare ancora un po'! ;-)
    Baci

    RispondiElimina
  5. non conoscevo questa ricetta mi sa che te la copio, a casa mia farà furore! Grazie mille, un abbraccio

    RispondiElimina
  6. viva la pasta in tutte le versioni, e la tua direi che è ottima , ciao e buona serata!

    RispondiElimina
  7. Ciao, una pasta ricca di gusto e di colore! Carciofi e pancetta l'abbiamo provato spesso, ma l'aggiunta della frutta secca e del pepe era il tocco che ci mancava per dare più gusto!
    Ce ne ricorderemo da provare quanto prima.
    baci baci
    manuela e silvia
    Spizzichi & Bocconi

    RispondiElimina
  8. Ciao, una pasta dal gusto delicato che hai arricchito in modo davvero gustoso!
    bacioni
    manuela e silvia
    Spizzichi & Bocconi

    RispondiElimina
  9. Se un piatto di pasta riesce a sprigionare tanti pensieri positivi... ben venga!! Non vorrai mica che poi il marito si innervosisca e cominci a vedere tutto grigio tendente al nero?!
    E poi, come dargli torto, questa pasta è un trionfo di gusto.

    RispondiElimina
  10. una pasta che io adoro evito i pistacchi per le mie allergie....ma mio marito dice che con la presenza dei pistacchi non c'è paragone..ottima bravissima

    RispondiElimina
  11. Mentre leggevo pensando che parlavi di me e mio marito, cerco di introdurre cose nuove e diverse ma c'è sempre discussione...
    Questa pasta è davvero appetitosa, bravissima

    baci da me

    RispondiElimina
  12. buffo l'incipit del tuo post..mi fa venire in mente...già..qualcuno che la pensa allo stesso modo. Benché al Nord..

    RispondiElimina
  13. Una vera delizia questo primo...e dopo aver lavorato tutta la notte (anora nn ho finito)dopo metto l'acqua a bollire eheheh brava e complimenti x il blog ti seguiro' con vero piacere!!!!!

    RispondiElimina
  14. Ma le vintage confezioni sono stupendeeee! :) invidissima! :) E la tua ricetta ha tutti gli ingredienti per farmi letteralmente impazzire. Mi sa che la devo provare al più presto.

    RispondiElimina
  15. Sembra d'essere a casa mia... UGUALE!!! la variante può essere tra lo spaghetto al pomodoro o aglio, olio e peperoncino! Vediamo cosa succede con questi fusilli che mi sembrano ottimi...

    RispondiElimina
  16. pensa che una volta non ne mangiavo quasi, ora non posso farne a meno! :)
    golosa la tua versione!

    RispondiElimina
  17. Anche io ho bisogno di mangiare un bel piatto di pasta asciutta,quindi ottima ricetta!!!Anna

    RispondiElimina
  18. Sììììì la filippica sulla pasta la conosco molto bene anche io, come la frase se devo mangiare "cose strane" vado al ristorante :D Eppure ogni tanto "osare" sarebbe anche bello :) Originale la pasta che hai proposto e deliziosa la confezione "vintage" Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. nice post dear blogger

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...