lunedì 11 luglio 2011

Cibo in TV... ma anche no! - Un appello accorato a tutti i pugliesi della blogosfera

Ogni tanto ci piace segnalare da queste pagine, pregi e difetti dei vari programmi TV nella nostra rubrica "Ma anche no!".  Vi ricordate le puntate sulla trasmissione di Csaba dalla Zorza e le bacchettate alla Parodi? Nooooooooooooooo..? :D Le trovate Qui, Qui e Qui! :))))
Siccome oggi fa troppo caldo e nelle nostre case non si cucina, facciamo un po' il punto delle novità in TV! ;)
Tralascio volutamente  La grande notte degli chef e vi racconto le mie impressioni sulle trasmissioni de La7D che nel complesso mi sono sembrate gradevoli e ben fatte.
E' un piacere seguire Storie di grandi chef, condotta da Michela Rocco con un taglio leggero ed intelligente. Ricca di informazioni interessanti, la trasmissione racconta con grande garbo, la quotidianità degli  chef che rappresentano l'eccellenza della cucina italiana. Ne emergono così delle gran belle persone, oltre che i professionisti attenti e preparati che ognuno immagina che siano.
La conduttrice, tra le altre cose, chiede, ad ogni protagonista, una ricetta che chiunque potrebbe replicare a casa propria - la ricetta You chef - a conferma del fatto che la vera grande cucina è un'esperienza multisensoriale da gustarsi nei luoghi deputati, dove tutto è curato e studiato nel dettaglio, ma che certe tecniche e certe ricette potrebbero essere riprodotte facilmente in casa con qualche giusto suggerimento. 
Certo, tra il dire ed il fare...  
Il bollito non bollito di Massimo Bottura, ad esempio, pur essendo la quintessenza della semplicità, pensato per esaltare la bontà delle materie prime, pur richiamando tecniche antiche (la accosterei alla cottura della carne a bassa temperatura tra 2 pesanti piatti di porcellana bianca, posati su una pentola di acqua calda che sobolle sul fornello), richiede l'uso di procedimenti non proprio alla portata di tutti. Condizioni essenziali, oltre alla grande abilità nel presentare il piatto finito, che gli ingredienti siano sottovuoto ed che il forno rimanga acceso per un tempo decisamente prolungato. Me la vedo dura a replicare quel risultato strepitoso!^_^
Da provare invece, il geniale Uovo al tegamino di Scabin. E' una ricetta, a mio parere, da testare per sfizio e da tenere in serbo per stupire ospiti inattesi. Infatti, con le modalità indicate, in una manciata di minuti si potrebbero cuocere più uova contemporaneamente in modo perfetto, per cui il gran figurone è assicurato!
Divertente è Chef per un giorno, dove personaggi noti  del mondo dello spettacolo portano le loro ricette di casa nella cucina di un vero ristorante e con l'aiuto degli chef, le trasformano in piatti ben assemblati e presentati, sottoponendosi al giudizio, oltre che  dei comuni avventori, anche  a quello di attenti giurati.
Infine, la gara di Fuochi e fiammeben condotta da Simone Rugiati, affiancato dalla giuria composta dalla temuta Fiammetta Fadda, dalla solare ed attentissima foodblogger Chiara Maci, insieme all'ironico Riccardo Rossi.
Tutto bene allora? Finalmente qualche trasmissione dove la buona cucina non viene maltrattata? Voi le avete mai viste? Che ne pensate?
Ehm...  a mio parere non sono tutte rose e fiori, purtroppo!!! 
Mi è capitato di saltare letteralmente sulla sedia, quando sabato 2 Luglio, ho sentito Rugiati dare in trasmissione una ricetta di orecchiette  e cime di rapa!
- Oh mioddio, ci risiamo - mi sono detta - un piatto della tradizione pugliese rovinato a più mani - :(((
Le ricette "creative" dei 2 concorrenti, entrambe mal eseguite, anche a parere della giuria, contemplano  per di più l'uso del solito formaggio grattugiato che con le cime di rapa non ci azzecca un tubo. Ma il vero crimine lo commette il giovane e simpatico chef... 
Consiglia di cucinare le cime di rapa con una patata e UDITE UDITE... di frullare una parte delle orecchiette  già lessate,  insieme ad un tot di basilico, per creare una cremina!!!!! O_O
Mi sono cadute le braccia... è proprio una battaglia persa! :(((((
Allora ho deciso di lanciare un appello  accorato a tutti i pugliesi della blogosfera...ma anche no... Chiunque ami la buona cucina italiana di tradizione è il benvenuto.
Per carità, uniamo le forze, alziamo la voce e... 
... SALVIAMO LE ORECCHIETTE E CIME DI RAPA!!!!!  :DDDDDDDD
Aderite anche voi alla Campagna  di  sensibilizzazione  promossa da Ammodomio per salvare la buona cucina italiana...
Chissà se  mai si riuscirà a tutelare  i nostri piatti  di tradizione, apprezzati in tutto il mondo.


Buon inizio settimana a tutti,
Ornella
Piesse:Se volete, prendete il bannerino e fatemi altre segnalazioni di piatti tradizionali "storpiati" in TV.Uniamo le forze e combattiamo!!!!!! :DDDDDD

42 commenti:

  1. ne sai sempre una piu'del diavolo!!

    RispondiElimina
  2. Ornella, mi unisco e sostengo il "salvataggio" delle orecchiette con le cime di rapa!!!!
    Tra l'altro, sono solo 6 ingredienti (oltre l'acqua e il sale per cuocerli)...come sono possibili tutti questi tentativi volti a deformare questa semplice ricetta????

    RispondiElimina
  3. ...a me Simone Rugiati, detto come direbbe lui, non mi 'garba mica!

    sarà un ottimo cuoco...ma per il resto...
    ...forse è solo apparenza, ma preferisco altri cuochi!

    RispondiElimina
  4. ahahah! in effetti guardando alcuni modi di preparare le ricette tradizionali c'è da rabbrividire :)
    Salviamo le orecchiette, si si!

    RispondiElimina
  5. non sono pugliese, sono di Milano, ma concordo nel salvare le orecchiette con le cime di rapa!
    anche io approvo il programma "storie di grandi chef", se però la conduttrice si limitasse a "presentare" sarei ancora più contenta... ho visto che si improvvisa cuoca in una rubrica di cucina sul giornale donna moderna, NO COMMENT!!!
    ciao!

    RispondiElimina
  6. Ciao Ornella,
    ho letto tutti i tuoi post sull'argomento e ovviamente aderisco subito alla causa!
    Ribadisco che le orecchiette con le cime di rapa a Taranto, la mia città natale, sono sacre, quindi...guai a chi le tocca!
    PS. secondo me nessuno di loro le ha mai assaggiate quelle fatte a regola d'arte, tu che ne pensi?
    a presto
    Ale

    RispondiElimina
  7. hihihihi poveri piatti della tradizione :))

    RispondiElimina
  8. Ripeto quello che ho scritto anche in FB, daccordissimo salviamo la ricetta delle Orecchiette e Cime di Rapa! ma quale?
    Innanzitutto le orecchiette come le facciamo? piccole grandi? con che farina? Qualche foglia ce la mettiamo? l'Acciuga? l'Aglio? il Peperoncino? quali? quanti? quando? e come?
    E la Mollica di Pane? si o no? e se si quando e come?
    ecc... ecc...
    La stessa battaglia non la facciamo per Fave e Foglie? qui si che c'è da divertirsi!
    Ragazze e Ragazzi la vita è bella . . . perché? . . . perché è avariata!

    RispondiElimina
  9. Ornella carissima, io sono toscana, ma come vedo Rugiati in televisione cambio canale, questo per dirti quanto lo stimi, invece adoro le orecchiette, ovviamente fatte da me, con le cime di rapa, prendo il banner e mi cimento...io ho un mio pensiero, non si possono rivisitare tutti i cibi, ci sono alcune cose che devono rimanere come sono nate...:-))

    RispondiElimina
  10. Mi unisco alla battaglia e prelevo il banner!

    RispondiElimina
  11. Salviamo assolutamente le orecchiette don le cime di rapa!!!!!!
    Sono leccese e i miei nonni erano baresi e questo è il mio piatto preferito da sempre e guai a chi lo modifica!!!!!

    RispondiElimina
  12. Lancia in resta , su il cimiero ...pronta a battermi
    per salvare le orecchiette con le cime di rapa , e
    altre sacre tradizioni . Il punto è che guardo poco
    il TV...ma mi ribello in maniera viscerale a chi si
    permette di snaturare le basi storiche della nostra
    cucina .
    Ruli

    RispondiElimina
  13. Ciao Ornella,
    sono d'accordo con te...i vari passaggi televisivi nei pressi dei fornelli non sono sempre cosi graditi e, a volte, meno che mai riusciti! Sono d'accordo sullo stendere un doppio velo su "La notte degli chef"(mi è sembrata cosi poco fruibile da parte dei telespettatori e da chi volesse preparare in seguito qualcosa!). Mi piace(è piaciuto) molto "Cortesie per gli ospiti" dove, persone pressochè "normali" ,devono inventarsi qualcosa per piacere alla giuria e soprattutto a Alssandro Borghese.
    Detto questo, da salentina doc, suggerisco di informarsi meglio sulla ricetta delle famose cime e , per carità, nessuna patata! Grazie per lo sfogo!

    RispondiElimina
  14. Condivido tutto quello che dici, ma a proposito di ricette regionali vogliamo parlare della bagna cauda piemontese preparata 99 volte su 100 con latte o panna? e dei tortellini bolognesi al ragù o alla panna? e del nome "cotoletta alla milanese" affibbiato a qualunque fettina impanata e fritta in qualsiasi grasso? Un affronto, ma così va il mondo...
    Ciao

    RispondiElimina
  15. Ornella,mi fai morire...ma perchè non hai raccontato anche della Notte degli Chef..a me ha aperto un mondo.qualcuno che mi piaceva l'ho trovato odioso e vanitoso..vabbè,passiamo alle orecchiette,approvo in pieno la causa,se vuoi espongo il banner sul blog!!non sai quanti "pesti" assurdi mi è toccato sentire,ed anche griffati..quanto a Rugiati,pensa che non so neanche come cucini,non riesco a guardarlo,si muove troppo davanti alla telecamera e mi innervosisce.mai sentite più di due frasi sue. quanto alla cremina di pasta,lasciamo perdere,le tre parole dicono tutto!baci

    RispondiElimina
  16. Sono con te, ovviamente!!! Giù le grinfie dalle orecchiette! Rugiati già mi era antipatico prima, figuriamoci dopo sto crimine...! :-D :-D :-D

    RispondiElimina
  17. saviamo la cucina pugliese tutta!
    è una meraviglia, mi unisco al coro! :)

    RispondiElimina
  18. Guardo pochissimo la TV considerando che sto davanti alle telecamere per buona parte dell'anno e quando sono a casa ho il rigetto :) Però Oh madonnina frullare una parte delle orecchiette???!!!! Questo audace volo pindarico mi mancava!

    RispondiElimina
  19. :-) Carino questo post!
    Purtroppo non ho la TV ma sul mio blog ho salvato la tiella di riso, patate e cozze che compare su molte riviste in questa stagione come una specie di sformato di riso e, sigh... con le cozze aperte in padella anziché a mano quasi ovunque.

    RispondiElimina
  20. E fossero solo le orecchiette! Gli ho sentito storpiare persino il cacio e pepe che è la semplicità assoluta. Però devo dire che ogni tanto mi diverto. Proprio l'altra sera nello stesso programma ho sentito qualcuno dire che il finger food perfetto era quello a forma di dito (LOL??!!!). Giuro che questa resterà tra i miei strafalcioni preferiti insieme a quel 'caro passami lo zucchero di cannella' che sentii anni fa in un autogrill (però quella volta almeno non eravamo in televisione!).

    RispondiElimina
  21. @ alex: lo zucchero di cannella??? Ahahaha...

    RispondiElimina
  22. questa dello zucchero di cannella è wow...come disse lo scienziato che tradusse il rumore che era stato avvertito nel cosmo...

    RispondiElimina
  23. ciao ornella ... amo infinitamente la cucina pugliese, pur essendo napoletana e certamente condividerò nel mio profilo su fb la tua proposta ... tra l'altro non sopporto Simone Rugiati e non voglio nemmeno chiedermi la ragione della sua popolarità ... intanto un abbraccio ... crudy

    RispondiElimina
  24. Ornella mi trovi assolutamente d'accordo! sono una pugliese DOC e quando leggo o sento storpiare le ricette in generale veramente mi "incavolo"!!! va bene essere creativi in cucina ma stravolgere totalmente una ricetta proprio no...orecchiette frullate con basilico...patate?? mah roba da matti! il tuo bannerino farà bella mostra nel mio blog :-)

    RispondiElimina
  25. Ahahah!! Condividiamo il tuo appello e ti rincuoriamo in merito..durante la puntata di Fuori Menu a cui abbiamo partecipato abbiamo proposto la ricette delle orecchiette con le cime di rapa esattamente come la faceva nonna..ricetta patrimonio "della nostra" umanità! Nel nostro piccolo abbiam provato a salvaguardare la tradizione pugliese! ;)
    Un abbraccio
    Francesca & Pietro

    RispondiElimina
  26. Grazie a tutti per aver condiviso il mio appello!!! :DDDD
    Potremmo anche farne una cosa seria... segnalando gli strafalcioni degli chef in TV o sul web.
    Che ne pensate? Certo è a loro che si chiede professionalità, non certo ai semlici appassionati..Sono loro infatti che non dovrebbero commettere errori grossolani. Comincerei con la Gubana che mi ha segnalato Ruli.. Che roba!!!!! :((((
    Pensateci, ché possiamo cominciare seriamente una nuova rubrica! ;)))

    RispondiElimina
  27. Ornella io non avrei voce in capitolo perchè sono bergamasca e le rare volte che cucino questa pasta non mi sento degna di farlo, ho visto la trasmissione in questione e sono innoridita anch'io da profana, immagino perciò il tuo orrore che condivido e capisco sarebbe come dire a me che la polenta precotta è buona(?)....perciò mi unisco al tuo appello...ciao Luisa

    RispondiElimina
  28. Ornella, scusami tanto ma anche questa mi fa inorridire, guarda tu stessa: http://www.scattidigusto.it/2011/07/08/come-fare-la-cacio-e-pepe-con-pomodoro-perfetta-in-estate/

    RispondiElimina
  29. ci uniamo alla campagna di sensibilizzazione per la tutela delle orecchiette alle cime di rapa e alla tutela di tutti i piatti della tradizione italiana che ci invidiano da tutto il mondo! Per cui preleviamo il banner!! oh!.

    RispondiElimina
  30. Tamtam, l'ho letta e ti dirò sinceramente che il taglio dell'articolo mi piace e molto pure! Non sono romana.. non conosco l'osteria che ha nominato, ma ho come il sospetto che la cacio e pepe verace, non abbia nulla a che spartire con tutte le disquisizioni fatte sin ora dai gastrofanatici. Però, non ci metterei la mano sul fuoco, eh. Mi piacerebbe sentire altre campane... Chiederemo a Paola, che certamente ne sa più di me! ;)
    Grazie mille della segnalazione.. CONTINUATE!!!!

    RispondiElimina
  31. Ornella, sono 40 anni che vivo a Roma, ho mangiato Cacio e Pepe nei migliori ristoranti e nelle migliori osterie, famosa l'Osteria del 104 a via Urbana che faceva un cacio e pepe, da svenire, oppure Nerone a Colle Oppio, e io stessa, modestamente faccio un cacio e pepe coi fiocchi, il Cacio e pepe è pecorino romano, buccia nera, e pepe appena macinato e poi a Roma c'è la diatriba, con un boccio di olio o solo con acqua di cottura, questa è la ricetta, puoi fidarti, l'ho anche postata alcuni giorni fa, ma io al conosco molto bene...poi ognuno ovviamente può farla come vuole, ma non la chiami Cacio e pepe...

    RispondiElimina
  32. Oh, allora OK, hai perfettamente ragione!!! Devi ammettere però che l'autore non è uno chef e che ne fa un pezzo molto divertente!:D
    E' dalle false informazioni dei professionisti che dobbiamo tutelare la buona cucina di tradizione.. o dalle loro rivisitazioni eccessivamente ardite che la snaturano. Sennò è una battaglia davvero persa in partenza! Non si può arginare l'onda in piena... Sei d'accordo?

    RispondiElimina
  33. Il pezzo è divertente e su questo sono d'accordo, ma Scatti di gusto è conosciuta...speriamo che non la veda un Simone Rugiati di turno.....

    RispondiElimina
  34. Concordo pienamente con te, infatti ho messo il banner nel mio blog, ciao SILVIA

    RispondiElimina
  35. ma come si fa a storpiare le nostre orecchiette e cime di rapa,con il formaggio??????è un vero sacrilegio!!!!non ho visto la trasmissione che citi,ma concordo pienamente:Salviamole le NOSTRE "orecchiette"!!!!!

    @ Mimmo:le vere orecchiette pugliesi si preparano esclusivamente con farina di semola;piccole o grandi,non è importante;io metto solo cime,assolutamente aglio e acciughe;peperoncino per chi lo gusta,mollica di pane....mi sa che è un'alternativa aggiunta da qualcuno,ma noi pugliesi,almeno io,non la metto.cari saluti

    RispondiElimina
  36. Mi avete fatto venire voglia, domani gli tocca...sì semola rimacinata, ma io la uso anche per le fettuccine, amo questa farina, è asciutta, gli impasti non sono mai molli, è stupenda, per non parlare della Senatore Cappelli, ma beata chi la trova...

    RispondiElimina
  37. Cara Elisabetta la Puglia è lunga ed in alcune latitudini anche larga ed in alcune zone si usa anche la mollica fritta o abbrustolita. L'importante è portare queste come variazioni e segnalarle come tali. Inoltre ti dirò che è proprio buona, la mollica abbrustolita in una padella di ferro appena appena unta e mentre la mollica si abbrustolisce ci si aggiunge dell'aglio, del prezzemolo e del peperoncino tutti tritati finemente, provare per credere ed anche su altri piatti: Pasta asciutta, pasta aglio e olio, ecc.. ecc... Era il formaggio dei poveri, beati i poveri quando si può mangiare come loro per scelta.

    RispondiElimina
  38. Carissima, ahhh, mi si apre il cuore quando leggo post come questo. A volte penso di essere un po' troppo critica quando rimugino e borbotto dentro di me simil pentola di fagioli, assistendo a certe esternazioni. Mi mancano i polsi e mi viene la rabbia poi non faccio nulla, mi passa di mente...Ma sostengo a spada tratta la tua campagna contro il pressapochismo. Guardo quasi tutte le sere Cuochi e Fiamme perchè mi diverte e perchè Riccardo Rossi mi fa piegare in due con la sua ironia, ma il Rugiadi, così carino nella versione Jamie Oliver de noartri, proprio non riesce a piacermi. Acchiappo il banner e lo schiaffo subito sul mio blog. E questa volta, le segnalazioni sul ricette geneticamente modificate ve le farò con piacere. Abbraccione, Pat

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...