lunedì 20 giugno 2011

Carving in the Kitchen: la quarta ricetta

Beh certo, facile non è abbinare alle sculture nel piatto di Stefano Bianco una ricetta e spiegarne le ragioni, ma a me le sfide piacciono, tanto più se credo in un progetto che sta prendendo sempre più forma, rivelandosi da un lato ambizioso, dall'altro  davvero molto stimolante! Difficile sì, ancora di più se si pensa che Stefano non dà alcun indizio, convinto com'è che l'arte debba essere interpretata da chi la guarda e non al contrario dall'autore o da un critico che la spiega...

Carving in the kitchen - RECIPE FOUR
  
Mi diceva, quando gli ho chiesto lumi su quest'ultima scultura, la numero quattro, che le sue mani vanno da sole, senza che lui si proponga un risultato da raggiungere... le  sue dita plasmano la materia come se essa stessa prenda vita in modo autonomo nella  forma che  più desidera e che  questa stessa  forma, rappresenta, per una strana alchimia, il suo stato d'animo in quel preciso momento: è la materia cioè che guida le mani dell'artista e non il contrario. Insomma,  Stefano non dice di più, neppure sotto tortura! :)))
Perciò vi consiglio di lanciarvi anche nelle ipotesi più astruse senza pensarci troppo!!!

Vista alto

Che ne dite di abbinare la Quarta Ricetta ai "Baci di dama" come questi (i 2 opposti che si attraggono e si uniscono), oppure ai suoi Cherry Muffins, considerando che il procedimento impone di non mescolare troppo gli ingredienti per ottenere un dolcetto soffice, delicato, omogeneo anche se non amalgamato? Non è forse l'eterno gioco delle parti tra il maschile ed il femminile quello di attrarsi come calamite pur essendo distanti e profondamente differenti, ma che uniti danno vita ad un unicum davvero speciale? E quel triangolino rosso non spicca forse come come una ciliegina sulla torta, pronta ad essere rubata da dita golose?

OPERA ambientata


Non so... Vi lascio i miei spunti di riflessione, i primi che mi sono venuti in mente, così senza rifletterci troppo... così come Stefano vi chiede di fare, con spontaneità, senza farvi troppi problemi... Questo è il bello! :D

composizione

Che cosa dovete fare per partecipare al nostro esperimento artistico-culinario?

1) Per tutti:osservate bene la scultura, scatenate la vostra fantasia e lasciateci nei commenti a questo post, il titolo che dareste all'opera e la vostra ricetta.

2) Per i blog:prendete il nuovo bannerino di Carving in the Kitchen (quello che trovate in alto a sinistra) mettetelo nella vostra colonna indicizzata (grazie ;)) ) e linkatelo qui. Se vorrete pubblicare un vostro post apposito, anche con una ricetta già pubblicata, ci farete davvero piacere. ;)

3) Per tutti:diffondete l'iniziativa il più possibile, su FaceBook, su Twitter, su Flickr, insomma dove vi pare, condividendo e linkando questo post (fateci un po' di pubblicità, che ce la meritiamo, no?).

4) Il vostro link o il vostro commento a questo post ci deve pervenire entro la mezzanotte del 20 Luglio.

5) Anche per questa terza ricetta ci sarà in palio una piccola scultura in barattolo della collezione "Le conserve di Stefano Bianco" che verrà estratta a sorte tra tutti i partecipanti.

conserva n°3

Ed ora i risultati che stavate aspettando...
 La Terza Ricetta si chiamerà "Nudo e Crudo" e verrà accompagnata dalla ricetta dell'Araba Felice. Il Premio invece se l'è aggiudicato Ilaria, la più votata dai fan di Facebook di Stefano, a cui andrà la piccola scultura in barattolo della collezione "Conserve". Ilaria, aspetto il tuo indirizzo per provvedere alla consegna...
Anche per questo mese il mio compito termina qui, non senza avervi prima ringraziato e ricordato che, per il momento, ogni vostra ricetta è, e sarà linkata nell'album di Stefano Bianco  sulla sua pagina FaceBook, poi si vedrà! 
Ed il gioco continua... ;)


Per Carving in the Kitchen quindi, appuntamento a Luglio.
Arrivederci,
Ornella

Una nota biografica su Stefano Bianco e la sua carriera artistica QUI.


Carving in the Kitchen è un progetto di Creative corporation per  le sculture di Stefano Bianco, le foto  e l'impostazione grafica di Nina de Luca, i testi di Ornella Mirelli e le ricette dei foodblogger.
Per eventuali informazione sull’acquisto e spedizione delle opere, potete rivolgervi con una mail a questo indirizzo di posta elettronica:info@stefanobianco.it e verrete immediatamente contattati.



Nota Bene: Il premio messo  in palio da Stefano Bianco NON rientra nella disciplina dei "Concorsi a premio" essendo un  omaggio dell' artista al solo scopo di ringraziare i partecipanti al nostro progetto.


Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Copyright 2009-2011© Ornella Ammodomio - All Rights Reserved

18 commenti:

  1. Punto 2) e punto 3) fatti ;) a presto per il seguito!! La scultura è bellissima come del resto tutte quelle di Stefano. Complimenti ai vincitori e... ai vinti ;D!!!

    RispondiElimina
  2. Brava, Lucia!!!!! Siamo pochi ma buoni!! ;))))

    RispondiElimina
  3. A me fa venire in mente tante cose, compreso un paio di canzoni, non per il significato dei contenuti, ma sicuramente a causa della "evidente" figura geometrica ;-))

    RispondiElimina
  4. Tadan: http://semplicementelu.blogspot.com/2011/06/gli-amanti-osteggiati-ed-ecco-la-nuova.html

    RispondiElimina
  5. A Lucia il titolo di porta bandiera!

    Questa volta vi aspetto in tanti, la fantasia a chi ama cucinare, non manca di certo e ...coraggio allora, si ricomincia!
    Buon lavoro a tutti!
    Stefano

    RispondiElimina
  6. Eccomi!!! Grazie mille per il premio,ci tenevo tantissimo,mi fa molto piacere avere qualcosa di Stefano.Vedo solo ora quest'altra bellissima sfida..in questo periodo sono sempre con la valigia in mano ma voglio assolutamente partecipare!!A prestissimo,ilaria

    RispondiElimina
  7. Ilaria, fammi sapre s possiamo spedirti il premio... oppure dimmi tu quando!
    Baciiiiiiiii...

    RispondiElimina
  8. E' in partenza, "rischia" di arrivare a destinazione domani...
    Alla prossima Ilaria!

    RispondiElimina
  9. Il mio titolo per l’opera è “Attrazione Primitiva”. Le forme, la realizzazione, i colori hanno ispirato l’aggettivo primitivo. Il significato che io ho individuato nella scultura è quello dell’incontro uomo-donna, che può essere declinato in numerosi modi, ma alla cui base non deve mai mancare l’attrazione.
    Propongo di abbinare a questa scultura una crostata integrale con ricotta e confettura di visciole. Si tratta di un dolce con una base integrale (“primitiva” appunto) ed un ripieno di prodotti della tradizione, in cui la confettura di visciole asprigna bilancia il dolce della farcia alla ricotta.
    Ed eccone la ricetta.
    Ingredienti: per la frolla: 300 gr farina integrale (oppure 200 integrale e 100 tipo 00 per aumentarne la lavorabilità), 150 gr zucchero di canna, 150 gr burro, 3 tuorli, un pizzico sale, scorza di limone grattugiata o 1 pizzico di vaniglia (a seconda dei gusti).
    per la farcia: 400 gr ricotta, 2 uova, 140 gr zucchero, 2 cucchiai liquore (sambuca, strega,…)
    350 gr confettura visciole.
    Impastare la frolla lavorando velocemente gli ingredienti con la punta delle dita, poi formare con l’impasto ottenuto una palla da avvolgere nella pellicola trasparente e riporre in frigorifero per almeno 3 ore.
    Mescolare delicatamente gli ingredienti per la preparazione della farcia in modo da ottenere un composto omogeneo.
    Trascorso il tempo di riposo, togliere dal frigorifero la frolla ed usarla come base per la crostata, la quale dovrà avere dei bordi alti a sufficienza per contenere il ripieno. Farcire la base della crostata con la confettura di visciole e versare poi la farcia alla ricotta (livellare con un cucchiaio). Decorare la crostata con delle strisce di pasta secondo i propri gusti ed infornare a 170° per 45 minuti. Una volta raffreddata, gustarne una bella fetta!!!

    RispondiElimina
  10. Le due ricette pervenute sono già sistemate nell'album :
    http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10150212359177234.314992.56608262233

    Vi aspetto!

    Stefano

    RispondiElimina
  11. ciao Stefano...ecco la mia ricetta
    http://dolcisognare.blogspot.com/2011/07/baci-insoliti.html
    ed il titolo della tua opera è: il Triangolo d'Amore (Passione,Desiderio,Possesso)
    ciao,e grazie ancora per la conserva! Ilaria

    RispondiElimina
  12. Oh bene Ilaria, è arrivata...la vedo anche nel tuo blog!

    Ringrazio Ilaria, zia Ale e Lucia per la partecipazione, come sempre troverete le vostre proposte in Fb nella mia pagina d'artista :

    http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10150212359177234.314992.56608262233

    RispondiElimina
  13. Salve a tutti...ci sono anch'io! Il titolo che ho scelto per la scultura è "Tombeur de fammes" e la mia ricetta abbinata non poteva che essere il dessert "Semplicemente irresistibile"!
    Questo è il link che ho appena pubblicato...
    http://laricettadellafelicita.blogspot.com/2011/07/quando-larte-entra-in-cucina-carving-in.html
    A presto e complimenti a Stefano!....e anche a Ornella...ma a te li faccio sempre!

    RispondiElimina
  14. Ragazze, grazie a tutte anche da parte mia!!! Quasi quasi partecipo anch'io pure stavolta, anche se il mio titolo più che serio, sarebbe solo divertente e non potrebbe vincere.. Ci penso! ;)))

    RispondiElimina
  15. Ci riprovo: il titolo della ricetta è "PRAGMATICO" e questo è il link...(incrocio le dita)
    http://www.unacenaconenrica.com/wp/2011/07/20/la-quarta-ricetta-carving-in-the-kitchen-quasi-rossini/

    RispondiElimina
  16. ti conviene cambiare mestiere

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...