lunedì 4 aprile 2011

Se fossi una ricetta...

Non è facile per me parlare di me, perché...

Ci sono parole che non diciamo
e che mettiamo senza dirle nelle cose.
E queste le osservano,
e un giorno ci risponderanno con quelle
e ci salveranno il mondo,
come un amore segreto
le cui due estremità
hanno un solo ingresso.

Non ci sarà nessuna parola
di quelle non dette
che abbiamo messo
inavvertitamente nel nulla?


Le mie parole, quelle che parlano di me, stavolta le metto  in una ricetta, fatta di pochi ingredienti semplicissimi, di facile reperibilità...


Candida, con qualche tocco di colore acceso e contrastante; dal guscio croccante ed asciutto, morbida, spumosa ed accogliente all'interno; da preparare con cura e lasciar cuocere a calore moderatissimo; dolce ma non stucchevole, con piccole opportune note acidule; apparentemente leggera e fragile, difficile da assemblare, in realtà solidissima e di una semplicità disarmante; estremamente sincera, dai sapori distinti e contraddittori, che si fondono alla perfezione in un equilibrio più unico che raro (modesta, eh? :DD). 
Ecco, se fossi una ricetta sarei la... 


Torta Pavlova


Torta Pavlova



per la Meringa


3 albumi
125 gr di zucchero Zefiro
125 gr di zucchero a velo
1 cucchiaino colmo di frumina
poche gocce di limone


per la farcia


400 ml di latte
3 tuorli d'uovo
4 cucchiai di zucchero
2 cucchiai rasi di farina
1 cucchiaino di frumina
buccia di limone intera ( che va eliminata a fine cottura)
250 ml di panna da montare + 1 cucchiaio di zucchero
per decorare


fragole oppure altra frutta fresca (a piacere)
foglioline di menta
panna montata ( 80-100 ml circa)


Montate gli albumi (a cui avrete aggiunto qualche goccia di limone) con le fruste elettriche, amalgamando a poco a poco lo zucchero Zefiro, fino a che non saranno a neve fermissima. A questo punto a mano, con una spatola o un cucchiaio di legno, con un movimento dal basso verso l'alto, mescolate a poco a poco agli albumi già montati, lo zucchero a velo setacciato insieme alla frumina.
Aiutandovi con un coperchio, disegnate su un foglio di carta forno un cerchio, girate il foglio, mettetelo sulla placca e cercate di formare con la sac à poche un disco di meringa. Aggiungete altro composto lungo la circonferenza, in modo da ottenere una base che sia concava al centro. Infornate ad 80° in forno ventilato (oppure in forno statico, lasciando una leggera fessura aperta) per una buona oretta. Spegnete il forno e lasciate asciugare la meringa, se è possibile, tutta la notte. Tenete conto che per la Pavlova la meringa all'interno deve rimanere spumosa e morbida.

Preparate la crema pasticcera come al solito, lasciatela freddare e rassodare bene, mettendola in frigo coperta con la pellicola.
 Montate la panna aggiungendo un cucchiaio di zucchero (tenetene un po' da parte per la decorazione) e mescolatela delicatamente a poco a poco alla crema pasticcera, col solito movimento dal basso verso l'alto per non farla smontare. A questo punto potrete farcire con la crema ottenuta la base di meringa, decorarla con la panna montata e le fragole.





Con questo post partecipo al Contest ideato dalla splendida Giulia in collaborazione con Macchine alimentari.


Piesse: penso tutti sappiate che questa torta fu inventata per celebrare la famosa ballerina  russa Anna Pavlova... 




Beh, se fossi una ricetta non potrei che essere questa. Essì, perché avrei voluto proprio fare la ballerina ed invece faccio la foodblogger!!!!!!! :DDDDDD
Giulia, mannaggia a te...ma che me fai fa' alla mia età...^_^
Buona settimana a tutti,
 Ornella


Pippiesse: Ho scoperto con immensa gioia che il mio post è tra i 20 finalisti!!!!! Se vi piace, votatemi QUI!!!!!
Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 

31 commenti:

  1. sai che la pavlova è uno dei miei dolci preferiti? l'ho scelta come torta di compleanno lo scorso anno! forse è per questo che mi stai tanto simpatica? grazie Ornella, un bacione!

    RispondiElimina
  2. Giulia, anch'io la adoro!!!! Non a tutti piace però e forse... è pure un bene! ;))))
    Bacioni tesoro e grazie a te! :)

    RispondiElimina
  3. Complimenti!!!Hai fatto una descrizione di te veramente bellissima!!! La pavlova poi si può dire che sia perfetta!!!Bravissima...un bacio e buona settimana!!!

    RispondiElimina
  4. Ornella che diametro la base della meringa?
    Che mi sa che domani la provo!
    Ciao e grazie
    Rita

    RispondiElimina
  5. @Patrizia, grazie mille! :)
    @Rita, dipende da quanto la vuoi alta... Penso che intorno ai 18-20 cm sia più che sufficiente.
    Di impasto con 3 albumi re ne viene un bel po'...
    Ricorda di non usare albumi freschissimi, sennò l'odore dell'uovo si sente molto. Fammi sapere...

    RispondiElimina
  6. che post delizioso! e la tua pavlova... beh, semplicemente perfetta!

    RispondiElimina
  7. Ornellina....che splendida descrizione....
    Brava!!!!
    Un abbraccio e.... stasera vado di carciofi.... i tuoi al cacao!!!!!

    Un bacione

    RispondiElimina
  8. favolosa... golosissimaaaaa

    RispondiElimina
  9. La tua pavlova, è semplicemente deliziosa!!!!
    Complimenti veramente anche per come scrivi, sei bravissima!!!
    Buona settimana.

    RispondiElimina
  10. se tu volevi fare la ballerina io volevo fare la ragazza del coro!! volevo cantare coi "complessi" degli anni '70...ornè, c'abbiamo l'arte che scorre nelle vene..ahahah!!
    se la pavlova ti rappresenta, ti adoro!!

    RispondiElimina
  11. @Ragazze, grazie dei complimenti... mò mi monto come la meringa! :DDDD
    @Paoletta, fammi sapere!!!!
    @Dauly, non ho avuto il tempo di sbirciare gli altri post, ma il tuo non me lo perdo sicuro!!!!
    tra artiste cu si intende benone!!!!!! ahahahahaah... un bacione!

    RispondiElimina
  12. nooo, non l'ho scritto nel blog, l'ho confidato solo a te!! ihihih!!

    RispondiElimina
  13. @Dauly
    Ah, bene!!!! Allora l'unica faccia tosta a fare outing sul serio sono stata io! Madòòò... che figuraccia ahahahahahah...

    RispondiElimina
  14. Ornella, chi ci pensava a te in tutù e scarpette....AHAHAHAHAH !!! Eri proprio una signorina AMMODO !!!
    BACI!

    RispondiElimina
  15. Grande Ornella, ci stupisci sempre... con la tua dolce semplicità e il tuo calore! Ottimo abbinamento Ornella-Pavlova... bacio grande

    RispondiElimina
  16. ed e'anche leggera e dolcissima,come le parole che ci dedichi ogni giorno!!

    RispondiElimina
  17. Sei sei bella e buona come questa Pavlova allora saresti proprio da mangiare!!!! Complimenti anche per la poesia che ci hai regalato, e per la foto, stupenda... A presto!

    RispondiElimina
  18. adoro la pavlova, infatti l'anno scorso me ne sono fatta una tutta per me per il mio compleanno!

    è buonissima!

    RispondiElimina
  19. Ornella,di pavlove ne ho viste tante,e anche "griffate" ma questa direi che è la migliore!..meravigliosa creatura...!ciao ilaria f

    RispondiElimina
  20. Non ti conosco personalmente, ma da quello che di te traspare viene facile immedesimarti in questo dolce aereo, leggero e di buon gusto :-)

    RispondiElimina
  21. ma sei anche dolcissima?! :)
    sono d'accordo un po' di autostima non guasta mai!
    ottima la pavlova!

    RispondiElimina
  22. @Paola, anche il pianoforte ho studiato! Poco però, eh... :))))))))
    @Ragazze, grazie a tutte, siete davvero speciali!!!!!! :))

    RispondiElimina
  23. Ornella, avevo già scritto tempo fa che con la tua ricetta per le meringhe mi sono riappacificata con le stesse, dopo anni di litigi furibondi (bruciate oppure ciccose oppure tutte e 2, ma mai come le volevo). Domenica ho fatto le mie prime pavlovine monoporzione e sono pericolosamente strabuone, una cosa da urlo davvero. Ma ho 2 domande a te che di pavlove sei un'esperta. 1: se si fa la versione grande, non si fa un disastro nel fare le porzioni? 2: io le ho riempite e portate in tavola, ma si può fare anche con anticipo? Grazie. ele

    RispondiElimina
  24. @Elle, se usi un coltello a seghetto e la paletta da torta non hai problemi nel porzionare la Pavlova. Per le mini ti posso dire che i gusci li ho preparati il giorno prima... Qualche ora prima di servirle, le ho farcite ed hanno retto benissimo. Anche quelle avanzate, il giorno dopo andavano benone.
    Grazie a te per esserti fidata dei miei esperimenti! ;)

    RispondiElimina
  25. Tutto questo mi piace,un po' di romanticismo non guasta mai,se poi lo accoppiamo alle tue ricette,diventa tutto una favola.Bacioni,Lisa.

    RispondiElimina
  26. Ornella, allora sei sontuosa come una pavlova
    ciao :)

    RispondiElimina
  27. @Lisa, ciao cara! Un bacio anche a te:)
    @Fabiola, embé??? ;)) Sontuosa ma non pre-sUntuosa!:DDDD C'è molta auto ironia in me, che non c'è nella pavlova però :)))))

    RispondiElimina
  28. E' proprio il caso di provarla,con questa presentazione...ma anche perché in realtà non l'ho mai mangiata.
    un bacione

    RispondiElimina
  29. il tuo blog è semplicemente stupendo...mi sa che te l'ho già detto ma sento proprio il bisogno di ribadirlo! ;-) e questa descrizione di te è molto bella e chiara, anche se non ti conosco da questa presentazione già mi piaci ;-)

    RispondiElimina
  30. che bella poesia, Ornella, anch'io amo la pavlova, semplice ma deliziosa in ogni versione !!

    RispondiElimina
  31. Ornella!!!!!! Guarda che non si fa così!!! Ho provato anche la versione "big" e non ti dico, ancora un po' gli ospiti si mangiano anche il piatto e piattino!!! E la prova costume? La fai tu al posto nostro? gne gne gne. ele

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...