domenica 17 aprile 2011

Carving in the kitchen: la seconda ricetta

Bene, è già trascorso un mese...
Eccoci al secondo appuntamento del nostro esperimento artistico-culinario Carving in the Kitchen!
Il nostro progetto via via sta prendendo forma, per cui vi chiediamo un piccolo sforzo.. nulla di particolamente complicato, eh... niente paura!;))
Dovrete  indicarci chiaramente una vostra ricetta, con ingredienti e procedimento, da abbinare alla scultura che vi proponiamo di volta in volta, insieme al nome che le dareste voi
Per il momento non possiamo dirvi più perché il progetto è ancora in itinere... ma abbiate pazienza, ci stiamo lavorando con entusiasmo!!!!!


Banner DEFINITIVO RECIPE TWO

La seconda scultura nel piatto rappresenta un volatile, uno strano pennuto a cui voi dovrete trovare un nome e che dovrete cucinare come più vi piace.
Eccolo qui, ve lo mostro...


composizione
prima di essere assemblato...




OPERA ambientata
... e poi impiattato! ^_^

Che cosa dovete fare per partecipare al nostro esperimento artistico-culinario?

1) Per tutti:osservate bene la scultura, scatenate la vostra fantasia e lasciateci nei commenti a questo post, il titolo che dareste all'opera e la vostra ricetta.

2) Per i blog:prendete il nuovo bannerino di Carvin in the Kitchen (quello che trovate in alto a sinistra) mettetelo nella vostra colonna indicizzata (grazie ;)) ) e linkatelo qui. Se vorrete pubblicare un vostro post apposito, anche con una ricetta già pubblicata, ci farete davvero piacere. ;)

3) Per tutti:diffondete l'iniziativa il più possibile, su FaceBook, su Twitter, su Flickr, insomma dove vi pare, condividendo e linkando questo post (fateci un po' di pubblicità, che ce la meritiamo, no?).

Ed ora arriviamo alla sorpresa che  vi avevamo annunciato...
Ogni mese, tra tutti i partecipanti, verrà estratta a sorte una piccola scultura in barattolo della collezione "Conserve"!!!! Si tratta di una piccola opera d'arte  numerata, proprio piccinapicciò, un piccolo "gioiellino" da collezione (come quelle che vedete in foto) scolpita a mano da Stefano Bianco, che verrà sigillata in un barattolo di cm. 9 di altezza x cm. 5,5 di diametro ed autenticata dall'artista.

conserva dimensioni varie

La ricetta scelta da Stefano per la prima scultura dal titolo "Cuore di ferro" è il Polpettone di vitello con spinaci di Milena, che per questa volta si aggiudicherà anche il premio (il prossimo, come già detto, verrà estratto a sorte tra tutti i partecipanti). Quindi Milena, puoi metterti  in contatto con me per ricevere la tua piccola scultura che speriamo ti sia gradita.
Allora, vi aspettiamo numerosi con le vostre proposte e mi raccomando, occhio... che un mese passa in fretta! :D
 Buona domenica delle Palme,
 Ornella


edit:ricevo tra i commenti da Stefano e pubblico qui per tutti...
"Ornella, voglio aggiungere solo una cosa diretta ai partecipanti: 
prendete questo come un divertimento, fatto appunto per giocare serenamente, ma dal cui successo potrebbe nascere una conclusione interessante.Quindi partecipate, partecipate senza timori; intanto io mi sto muovendo perchè si concretizzi.Per il momento c'è solo il regalo e la gratificazione di vedere la propria ricetta, ed un nome scelto, abbinati ad una mia opera e dalla quale ne resteranno inscindibili.Stefano"
E-mail  info@stefanobianco.it
Sito Web http://www.stefanobianco.it



Carving in the Kitchen è un progetto di Creative corporation per  le sculture di Stefano Bianco, le foto  e l'impostazione grafica di Nina de Luca, i testi di Ornella Mirelli e le ricette dei foodblogger.
Per eventuali informazione sull’acquisto e spedizione delle opere, potete rivolgervi con una mail a questo indirizzo di posta elettronica:info@stefanobianco.it e verrete immediatamente contattati.



Nota Bene: Il premio messo  in palio da Stefano Bianco NON rientra nella disciplina dei "Concorsi a premio" essendo un  omaggio dell' artista al solo scopo di ringraziare i partecipanti al nostro progetto.


Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 

37 commenti:

  1. Interessante...buona Domenica.

    RispondiElimina
  2. Ciao Ornella,bella questa iniziativa,anch'io faccio scultura!...quasi quasi penso ad una ricetta.Ma di cosa sono le creazioni di Stefano?,sembra argilla refrattaria.ciao ilaria

    RispondiElimina
  3. @Grazie Max, buona domenica anche a te! Tu come lo cucineresti questo pennuto? ;))

    RispondiElimina
  4. @Ilaria, un'artista come te non si può sottrarre a questo esperimento, allora!:))))
    Su su che ti aspettiamo!!!!
    Non posso dirti di che materiale sono fatte le sculture... Se vedi il primo post, potrai vedere le foto del procedimento che usa Stefano, ma gli ingredienti, come per i grandi chef, sono segretissimi! ;)))
    http://ammodomio.blogspot.com/2011/03/carvin-in-kitchen-la-prima-ricetta.html

    RispondiElimina
  5. Ornella, voglio aggiungere solo una cosa diretta ai partecipanti:
    prendete questo come un divertimento, fatto appunto per giocare serenamente, ma dal cui successo potrebbe nascere una conclusione interessante.
    Quindi partecipate, partecipate senza timori; intanto io mi sto muovendo perchè si concretizzi.
    Per il momento c'è solo il regalo e la gratificazione di vedere la propria ricetta, ed un nome scelto, abbinati ad una mia opera e dalla quale ne resteranno inscindibili.

    Sinceramente, a me leggere questo post piace molto!
    Buon lavoro!
    Stefano

    RispondiElimina
  6. Grazie mille Stefano... Quasi quasi, aggiungo un edit con le tue patole! ;))

    RispondiElimina
  7. Scusa Ornella,penserai che sono fuori ma...non ho capito due cose,forse fondamentali.
    La ricetta (mi sto preoccupando di quello che penserai di me)deve essere un pennuto?(allora sono fuori)
    Il nome che darei alla scultura deve avere attinenza con la ricetta proposta? ciao.ilaria

    RispondiElimina
  8. Ilaria, tu che ci vedi? Certo, questa scultura rappresenta un pennuto, ma puoi scegliere quello che ti ispira:una colomba, un pollo, un'anatra.... Come lo cunineresti?
    Ti faccio un esempio.. Se per ipotesi scegliessi la ricetta dell'anatra all'arancia, potresti come titolo dell'opera,lasciare il nome della ricetta oppure chiamarla "Cena tres chic" o "tres chic"...Insomma cerca di fare un'associazione di idee . La prima che ti viene in mente!
    Grazie mille e non ti preoccupare troppo :)

    RispondiElimina
  9. Ciao
    Bellissima iniziativa, mi era sfuggita la prima fase. Posso partecipare anche io pur non avendo un blog?
    Grazie
    Ale

    RispondiElimina
  10. @Magale, certo che sì!!!! :)))

    RispondiElimina
  11. Grazie !!!
    ecco titolo (e relativa spiegazione) e ricetta. Come vedrai non è correlata ad anatre o pollame in genere, ma ispirata ad una frase di Shakespeare, e la ricetta è...una torta !!! Spero sia di vostro gradimento anche se giudicata fuori tema :) !

    Titolo : “Montecchi”
    Il perchè del titolo è dato dalla seguente battuta :
    “Che significa Montecchi? Nulla: non una mano, non un piede, non un braccio, non la faccia, né un’altra parte qualunque del corpo di un uomo. Che cosa c’è in un nome? Ciò che noi chiamiamo con il nome rosa, anche se lo chiamassimo con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso dolce profumo.
    Romeo e Giulietta,Shakeaspeare”

    Ricetta
    Si tratta di una torta di mele, presa da una vecchissima edizione del famoso e mitico talismano della felicità. Non so perché, pur avendone 4 edizioni differenti, questa ricetta sia presente solo in una, sicuramente è sempre un gran successo, non ne rimane mai nemmeno una briciolina.
    Quindi la condivido volentieri, con tutte le modifiche da me apportate nel corso degli anni.

    Ingredienti
    135 zucchero + 1 cucchiaio
    135 farina 00
    100 burro morbido
    3 uova
    ½ bustina lievito per dolci
    4-5 mele
    Cannella, zenzero (io non li metto sempre)

    50 burro
    2 cucchiai di zucchero
    ½ bicchiere di rhum


    In una ciotola montare il burro con lo zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
    Aggiungere uno alla volta i tuorli, tenendo da parte le chiare.
    Setacciare insieme lievito e farina ed unirlo al composto preparato.
    Montare le chiare a neve ben ferma, con l’aggiunta di un cucchiaio di zucchero, ed unirlo al composto, mescolando molto piano, al solito,
    dal basso verso l’alto per non smontare le chiare.
    Versare il tutto in una tortiera ben imburrata ed infarinata, del diametro di circa 24 cm, e dai bordi alti. Il composto, che deve risultare
    abbastanza consistente (per cui non preoccupatevi) non deve arrivare alla metà del bordo.

    Accendere il forno a 200° (io ho il forno a gas ventilato, ma anche con quello elettrico come temperatura iniziale va bene).

    A questo punto sbucciare le mele e tagliarle a fettine sottilissime per la lunghezza. Spolverizzare con poca cannella ed un pizzico di zenzero.
    Questa operazione volendo può essere fatta anche prima, mettendo un po’
    di zucchero e succo di limone per non far annerire le mele, ma io ho sempre fatto così come descritto, senza problemi.

    Mettere le mele, per il verso lungo, nell’impasto, devono sembrare tanti soldatini vicini vicini, considerate che nell’impasto verrà “infilzata” circa un terzo della fettina.
    Non importa se scivolano un pochino, saranno inglobate in cottura.
    Riempire in questo modo l’intera tortiera. Vedrete che forse 4 mele non saranno sufficienti, e il peso del “prodotto” sarà veramente alto J, ma niente paura.

    Una volta terminata questa operazione, preparate uno sciroppo mettendo in un pentolino, a fuoco vivace, lo zucchero, il burro, il rhum (va bene anche cognac), Far bollire
    qualche minuto così da far addensare lo sciroppo, poi metterlo a cucchiaiate sulla superficie della torta.

    Infornare a metà altezza, abbassando la temperatura a 180° dopo aver inserito la torta.

    Cuocerà per circa un’ora, ma dipende dal forno, tanto più lentamente cuoce, tanto più rimarrà soffice e “umida”.

    Se dovesse scurire troppo, poggiare sopra la torta un foglio di carta forno.

    Vedrete che alla fine la torta, crescendo, ingloberà tutte le fettine di mele, che la faranno rimanere molto umida all’interno e anche davvero saporita.

    Enjoy yourself !

    RispondiElimina
  12. @Ale, grazie infinite, hai compreso perfettamente lo spirito del nostro progetto!!!!!!!Sapessi come sono contenta... :)))
    Se hai un accont FaceBook, puoi condividere il link e farci un po' di pubblicità. Grazie di nuovo!!!!

    RispondiElimina
  13. Ma figurati, l'ho fatto proprio di getto senza pensarci ! Condivido subito il lonkanche su FB !
    E ancora complimenti per l'iniziativa !
    Ale

    RispondiElimina
  14. Pollo alla spagnola in coccio.

    la ricetta è abbastanza semplice:

    1 ) prendere la pentola di coccio creare un fondo con poco olio e una julienne di peperoni rossi.

    2) disporre le sovracosce di pollo sopra i peperoni

    3 ) speziare a piacimento con pepe, timo, sale e rosmarino e chiudere la pentola con il suo coperchio

    infornare in forno pre-riscaldato a 180° cottura circa 3 ore

    buon appetito!

    RispondiElimina
  15. E chi se lo aspettava?
    Grazie: sono felicissima e onorata per essere stata scelta e ricevere la scultura che è piccola solo di dimensioni, ma non di levatura, mi riempie di orgoglio :D

    Quanto alla seconda proposta, io immagino il pennuto come un “Cigno parlante” : è il suo candore che mi fa pensare all’animale maestoso, simbolo di eleganza ed il macigno che stringe nel becco, rappresenta quello che non va, il lato greve della nostra società che va denunciato e di cui ci dovremmo sbarazzare ….
    Sulla base di questa chiave di lettura, abbino la mia Île flottante ….

    Ancora grazie :D

    RispondiElimina
  16. Mi piace molto questa vostra iniziativa e sto rimanendo molto colpita da questa scultura di Stefano Bianco.
    Complimenti ad entrambi!
    ...Ed ora, cercherò di scatenare le idee in tempi utili! ^__^

    A presto!
    Elisa

    RispondiElimina
  17. wow..che idea carina....parteciperò volentieri non appena vi verrà in mente qualcosa di creativo...;))) per ora inserisco il vostro banner!!!
    a presto,
    ciaoooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  18. Benissimo!!!
    Mi raccomando non dimenticate di dare un titolo all'opera, che poi sarà anche quello della ricetta. Vanno bene anche nomi divertenti, ironici.
    Per avere un'idea vi suggerisco di sbirciare i titoli degli arazzi nella mia pagina d'artista su FB in questo album :
    http://www.facebook.com/media/set/fbx/?set=a.401763122233.186304.56608262233
    O se vorrete potete cercarmi nella pagina personale e chiedermi l'amicizia qui:
    http://www.facebook.com/media/set/fbx/?set=a.401763122233.186304.56608262233#!/profile.php?id=100000392614840

    Io ho un blog, ma ancora non utilizzato, non sono molto emh...pratico!
    Stefano

    RispondiElimina
  19. La scultura sembra un magnifico “Cigno umano”, quasi una speranza che anche noi un giorno impariamo a essere eleganti e austeri come i cigni…
    Ma il generico “pennuto”, mi fa venire in mente il classico “polletto”! E così come il cigno di Stefano è un po’ pennuto e un po’ umano, il mio polletto è un po’ giapponese e un po’ campano…Nippo-campano, si può dire?
    Anche io non ho le porzioni, cucino “a occhio”, “a naso” e soprattutto “ammodomio”!
    Fate cuocere il riso in acqua, nella quale avrete messo un cucchiaio di aceto di riso e un terzo di bicchiere di Falanghina. Usate meno acqua del solito, perché dovete far cuocere il riso finché tutta l’acqua non sarà prosciugata, proprio come fanno in Oriente.
    Mentre il riso si fredda (muovetelo con i rebbi di una forchetta, di tanto in tanto), procediamo a cuocere i bocconcini di petto di pollo.
    Infarinateli e fateli rosolare in poco olio ben caldo. Quando saranno ben dorati, sfumate con un po’ di Falanghina (attenzione al probabile flambé! Non sono responsabile delle vostre sopracciglia!) e aggiungete un po’ d’acqua dentro cui avrete sciolto un pizzico di zucchero.
    Lasciate cuocere per una decina di minuti a fuoco lento e poi condite il riso con il pollo e la relativa salsina. E qui c’è la foto del risultato ;) http://twitpic.com/2omvwh

    RispondiElimina
  20. @Magale, grazie e un brava per il tuo tempismo e l'originalità!!
    @Renato benissimo (mi pare non ci sia il titolo, puoi aggiungerlo quando vuoi) una grazie anche a te!!
    @Milena, grazie per aver ancora partecipato!!
    @ Adele bellissimo, azzecattissimo nel tono del colore (ma credo anche buonissimo) confermami se il titolo è "Il cigno umano", e grazie ancora a tutti!!! Aspetto anche gli altri...a presto!
    Stefano

    RispondiElimina
  21. Grazie Stefano, gentilissimo ma soprattutto bravissimo !

    RispondiElimina
  22. Ciao Ornella, i contest di questo genere sono quelli che mi intrigano di più... ;-)
    Ho messo il banner e ho già un idea che mi piace.
    A presto

    RispondiElimina
  23. Ciao Ornella,appena ho visto la scultura ho pensato ad un pennuto "diverso",un po' ad un "brutto anatroccolo".Ma non sempre "diverso" è brutto,anzi,a mio parere è quasi sempre dalla diversità che nasce l"unicità" della creazione artistica.Per associazione di idee mi è venuta voglia di fare un passo indietro...scoprire "l'intruso che c'era nel nido"! Ho pubblicato post della ricetta su www.dolcisognare.blogspot.com.
    E' la prima volta che partecipo ad un contest,forse anche perchè questo è particolarmente divertente..spero di avere fatto tutto giusto!!!
    Ciao e Buona Pasqua a tutto il blog!
    Ilaria

    RispondiElimina
  24. Grazie, grazie GRAZIE a TUTTI!!!!! Un ringraziamento particolare ai blogger che hanno già esposto il banner...potremo così coinvolgere più appassionati.
    Un abbraccio affettuoso a tutti!

    RispondiElimina
  25. Dove riesco a raggiungere i partecipanti mi inserisco come lettore fisso, faccio "l'intruso"...ancora un ringraziamento ad Ilaria! e dimmi esattamente quale è il titolo : L'intruso che c'era nel nido o Il brutto anatroccolo?

    RispondiElimina
  26. Ciao Stefano,il titolo è "C'era un intruso nel nido..". grazie a te.ilaria

    RispondiElimina
  27. guardando questa scultura simile ad un cigno ma che non è un cigno mi viene semplicemente in mente la libertà,la mano e il piede fra due ali che simboleggiano la libertà di fare e agire, la mano che tiene in pugno qualcosa mi da l'idea del potere. Intitolerei quindi questa scultura "il potere della libertà", quella libertà di cui abbiamo sete e bisogno e che se riusciamo ad ottenere ci rende forti.
    A questa ricetta abbino la mia torta alle mandorle http://idolcidilaura.blogspot.com/2011/04/torta-alle-mandorle.html
    una torta che sa di colomba pasquale ma non è una colomba pasquale!

    RispondiElimina
  28. Brava Laura, bella interpretazione. Quando scolpisco non penso, semplicemente mi lascio andare, è una maniera come un'altra per vivere la propria libertà...

    RispondiElimina
  29. ariecchice :)
    qui la nostra proposta http://labandadeibroccoli.blogspot.com/2011/04/pollo-al-profumo-di-primavera-con-erbe.html

    RispondiElimina
  30. Grazie "Banda dei broccoli"...il profumo arriva fin qui...
    Buona Pasqua a tutti!!!
    Stefano

    RispondiElimina
  31. Vedrò di trovare qualcosa in tempo utile...ora mi spremo le meningi....intanto buona Pasqua!!!

    Silvia

    RispondiElimina
  32. Buongiorno Ornella, questo è il mio contributo:

    http://lavetrinadelnanni.blogspot.com/2011/04/ile-flottante-lalcione-per-il-contest.html

    A presto!

    RispondiElimina
  33. Bravo, bravo, bravo, Nanni!!!! ...
    Tutti bravi bravissimi!!!!

    RispondiElimina
  34. Sul mio profilo d'artista di facebook

    http://www.facebook.com/pages/Stefano-Bianco/56608262233

    ho pubblicato un album con i nomi, titoli dell'opera, ricetta nei post dei primi partecipanti.
    Nell'eventualità di errori, segnalatemeli;
    manca Renato poichè non c'è ancora il titolo.
    Spero di aver fatto cosa gradita!
    Buona continuazione
    Stefano

    RispondiElimina
  35. Eccomi, ci sono anch'io, anzi anche noi :) http://semplicementelu.blogspot.com/2011/04/confusion.htm
    A presto!!

    RispondiElimina
  36. Scusami Lucia vedo solo ora la ricetta, bene, anche se non ho compreso se il titolo è Con...Fusion.

    Aspettiamo la foto ;-)

    RispondiElimina
  37. Ciao Stefano, il nome che scelgo per l'opera è "Fusion" in quanto come la ricetta è una fusione armonica di vari elementi (nel mio caso l'armonia è data dallo chef libanese che assieme all'aiuto chef - ma sopratutto moglie - calabrese hanno cucinato per noi e per una stupenda tavolata "familiare", questa deliziosa ricetta che si modifica e adatta di volta in volta visto che - cito la mia amica Laura - ".... questo piatto ha poche costanti" .
    Alla prossima..... non vedo l'ora di scoprire cosa stai creando per la terza ricetta ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...