lunedì 21 marzo 2011

Maritati mantecati

Tipico piatto pugliese domenicale per eccellenza sono i Maritati col ragù...
 I Maritati altro non sono che un misto di Chincaredde (orecchiette) e Friscidd (maccheroncini al ferro) fatti a mano con la farina di semola rimacinatadi grano duro, a volte tagliata con la 00 - come fa mia madre - oppure di sola semola integrale, alla maniera di mia suocera.
Per ragù in Puglia, non si intende il sugo preparato con carne tritata, ma un condimento per la pasta fresca, cotto a fuoco moderatissimo fino a diventare scuro e denso, fatto con conserva o passata di pomodoro e carni miste a pezzi - agnello, maiale, vitello, salsiccia... - oppure di un solo tipo ma ad involtini  come le braciole di cavallo o di asina (una  vera prelibatezza).
Vabbè, tutto questo per dirvi che non sempre si ha voglia del solito pranzo domenicale e neppure di stare ore ed ore in cucina ed allora ci si inventa qualche variante meno coplicata e faticosa, che non deluda troppo le aspettative dei  più tradizionalisti! ;)
Tra l'altro, era da tempo che mi solleticava l'idea di partecipare a questo Contest (il premio è davvero bellissimo) quindi qualche cosa me la dovevo pur inventare, no? :DDDD
Beh, ho ricreato la magia dei Maritati mescolando le  orecchiette a quest'altro formato, li ho ben conditi con questo sugo, ho aggiunto scamorza affumicata, canestrato di Moliterno, una noce di burro,  ho messo tutto nelle tipiche terrine di terracotta, passandole in forno a gratinare.
Insomma nulla di trascendentale, ma un buon primo piatto saporito e comodo da preparare tranquillamente in anticipo, senza contare che vi ritrovate pronto anche il secondo.


Maritati mantecati
MARITATI mantecati


Ingredienti:

250 gr di orecchiette
250 gr di foglie d'ulivo
1/2 scamorza affumicata
30 gr parmigiano (grattugiato)
50 gr di Canestrato di Moliterno(in scaglie)
una grossa noce di burro
700 ml di sugo di pomodoro cotto (con le polpette)

Ho preparato le Polpette e le ho cotte nel sugo di pomodoro, ho quindi lessato la pasta tenendola un pochino indietro di cottura; l'ho scolata e condita immediatamente con una noce di burro, tanto sugo ed una grossa manciata di parmigiano. Ho tagliato la scamorza affumicata in piccoli dadini  e l'ho mescolata alla pasta ormai tiepida. Ho diviso il tutto nelle terrine  individuali e su ciascuna, ho messo scaglie di Canestrato di Moliterno, altro sugo e parmigiano grattugiato.Volendo si può aggiungere in ogni terrina anche una polpetta al sugo...
Prima di portare in tavola, ho fatto gratinare i Maritati in forno caldo per circa 15 minuti.

Buona settimana a tutti,
 Ornella

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Copyright © Ornella Ammodomio - All Rights Reserved

22 commenti:

  1. questa pasta "infornata" è da acquolina!!!! ;)

    RispondiElimina
  2. che spettacolo, quasi quasi me le faccio oggi, ho giusto tutti gli ingredienti....

    RispondiElimina
  3. non lo conoscevo... buonissimo!

    RispondiElimina
  4. queste verrò a mangiarle da te quando passerò di lì, insieme a tutti i tuoi fritti naturalmente
    ciao

    RispondiElimina
  5. Mai visto prima, che buono!!

    RispondiElimina
  6. @Tutti, grazie! :)
    @Fabiola e perché no?;)

    RispondiElimina
  7. Che piatto strepitoso! vero dna italiano! complimenti

    RispondiElimina
  8. eh...che nostalgia dei buoni primi che mi preparava la mia mamma pugliese....
    brava!
    rosa
    http://13atavolablogspot.com

    RispondiElimina
  9. Mmmhhh ci siamo virtualmente autoinvitati alla tua tavola, se questo è il piatto di oggi! Ricco e saporitissimo, insomma una prelibatezza.
    Buona settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  10. come si direbbe a Lecce: "Beddgri mei!"

    buona settimana, Antonia

    RispondiElimina
  11. Non li conoscevo, confesso, ma sembrano fantastici e con le foglie di ulivo..!! Appena torno in Italia, li faccio con gli ulivi del babbo...Baci

    RispondiElimina
  12. che buoni i maritati! ne ho ancora un pacco di scorta, prova la tua ricetta :)
    buona settimana!

    RispondiElimina
  13. buonissimo questo piatto,da provare al più presto!!
    seguimi sul mio blog. ciao

    RispondiElimina
  14. irresistibile!! come il tuo blog.. ti seguiamo!
    baci e passa trovarci!
    MMM
    www.modemuffins.blogspot.com

    RispondiElimina
  15. complimenti per le ricette e per le foto. Brava.

    RispondiElimina
  16. Li chiami maritati con una evidente allusione alle forme del maccheroncino e delle orecchiette (veramente sarebbero di più gli strascinati), era un piatto beneaugurante preparato particolarmente per le nozze. Ricordo di averli mangiati da qualche parte dove davano più prosaicamente il nome di "Pizzaredde e . . . . ", i puntini sospensivi sono non per pudore ma perché non mi riesco a ricordare il nome della "controparte" (ovviamente nel piatto), riesci ad aiutarmi o hai qualcuno a cui chiedere questo aiuto, te ne sarei grato, e così, per ora siamo a due. Grazie, ringrazio anticipatamente così sei tu in debito.

    RispondiElimina
  17. Mimmo, a casa mia i maccheroncini al ferro si dono sempre chiamati "friscidd"... mia suocera (leccese) mescolava anche le sagne 'ncanulate...
    Le pizzicaredde dovrebbero essere le piccole orecchiette martinesi che qui a Bari si chiamano minuicchie.. o Pizzaredde è un'altra variante? Non lo si proprio...

    RispondiElimina
  18. Pizzaredde sono i maccheroncini o friscidd e le orecchiette o meglio gli strascinati (quindi con una forma più somigliante alla controparte del "matrimonio", conosci gli strascinati? (http://cucinasuditalia.blogspot.com/search/label/Strascinati) come te lo devo scrivere? . . . hai capito?

    RispondiElimina
  19. Volevo dirti, a completamento di questo piatto, come ce la vedresti una spolverata di pan grattato? per dargli una bella crosticina?

    RispondiElimina
  20. Certo che sì, li conosco! :)) Ah, l' pizzaredd(piccole pizze) nel senso "tutto tarantino" del termine... :DDDDDD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...