venerdì 11 febbraio 2011

Diamanti al cioccolato di Pierre Hermé(?)

Il timore reverenziale stavolta mi ha giocato un bello scherzetto...
Lo so che non ci crederete mai, ma vi giuro sull'anima candida della fotografa, che ho pesato tutto! :D


Diamanti di Pierre Hermé

 Volete tutta la verità? Be', io la dico lo stesso, anche se potrà non piacervi!
I Diamanti al cioccolato preparati con la ricetta di Pierre Hermé(?) non sono all'altezza del notissimo pasticcere francese. Di bellini sono molto bellini e di effetto pure, ma se avete provato i Diamanti di Ducasse, come ha fatto lei, vi accorgerete subito che il confronto non regge.


DIAMANTI al cioccolato


Ebbene sì, Hermé(?) mi ha deluso! Sebbene a detta degli esperti  l'impasto risulti ben bilanciato negli ingredienti, all'assaggio, a mio modestiiiiissimo parere, Ducasse batte Hermé(?) di gran lunga. Non che siano una porcheria, intendiamoci eh?! Di buoni sono buoni, dopo qualche giorno di riposo in una scatola di latta, come mi aveva consigliato Fabiola (ben 5!) migliorano di molto, sia per consistenza che per sapore, ma non sono di-vi-ni come questi qui!
La domanda  mi sorge spontanea...
Che il grande Hermé(?) abbia toppato alla grande? @_@   Uhmmmmmmmm... non ci posso credere!
Non è forse più facile pensare che certi libri di cucina non  sempre sono  il frutto delle sperimentazioni degli chef famosi e osannati, ma nascono da altre penne, non proprio alla stessa altezza, come si vocifera da più parti da tempo? A voi l'ardua sentenza! :D
Intanto vi lascio la ricetta originale così come l'ho trovata Qui, per le modifiche "ammodomio" (in teoria ci avrei già pensato) vi do appuntamento al prossimo esperimento, a meno che qualcuno di voi non  faccia prima di me. In tal caso, sarò lietissima di eseguire alla lettera, (vabbé, si fa per dire...)  tutte le modifiche  che avrete apportato. ;)))

Diamanti al cioccolato di Pierre Hermé(?)


Diamanti di Pierre Hermé



La ricetta di Pierre Hermé QUI!




Alla prossima,
Ornella


edit: Udite udite, apprendo  solo ora (ore 12,00) che questa ricetta NON è su alcun libro di Pierre Hermé, ma sarebbe stata data dal famoso chef in persona a colei che l'ha trascritta in un 3D del forum di Cucina Italiana, ed ora compare solo  QUI in un quoto di un'altra forumista, perché oggi è stata cancellata. Mi sembra opportuno a questo punto aggiungere accanto al nome di Hermé un bel punto interrogativo.

 aggiornamento delle 21,37 : la ricetta è stata completamente  eliminata dal 3D del Forum della Cucina Italiana che vi avevo indicato!
Pare una telenovela a puntate, anzi un giallo di pessimo gusto... :DDDDD
 Eppure sono solo semplici biscottini! Mah...
 A voi trarre le conclusioni...

aggiornamento delle ore 23,30 circa: Col capo cosparso di cenere mi scuso col signor Hermé (non posso essere certa della paternità) e cancello la ricetta. Vi dovrete accontentare di quella "ammodomio" appena l'avrò sperimentata!
Fine delle trasmissioni!!!!  Prendiamola a ridere che è meglio...ahahahahah...


Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 

36 commenti:

  1. E sì non è detto che i grandi - o presunti tali - non "cannino"...i tuoi comunque sembrano deliziosi. Proveremo, proveremo!

    RispondiElimina
  2. Ornella cara, infatti non ti credo che hai pesato tutto!!! ;))))))
    Premesso che mi sembrano ottimi, ma ti credo se dici che ce ne sono di migliori... aggiungo che io ho anche una ricetta di diamanti fatta da Santin! E mo', quale sarà la migliore?!?! Buona giornata

    RispondiElimina
  3. è giusto provare e poi scegliere la preferita, per fortuna anche loro sono umani e non infallibili :-D

    RispondiElimina
  4. si dice che un diamante e'per sempre,ma nn credo che siano durate troppe queste meraviglie!!

    RispondiElimina
  5. Confermo che quelli di Ducasse sono divini. Però dopo adeguato riposo anche questi sono eccellenti.
    Chiaramente fra eccellenti e divini c'è un po' di differenza...
    Sono sicuramente da provare.
    Brava Ornella, hai seguito la ricetta alla lettera e poi li ammodomioizzati con panna e ciliegina... non riesci proprio a resistere!

    RispondiElimina
  6. E chi l'ha detto che i grandi non possono toppare...mica sono infallibili!
    Concordo sul fatto che spesso quello che c'è scritto sui libri non è tutta farina del loro sacco.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  7. mamma mia che sogno questi dolcini.... bravissima

    RispondiElimina
  8. uhm......come possono venire dei dolcetti raffinati e lievi come quelli di Ducasse con il metodo della sabbiatura????? Davvero Hermè dice di fare così??!!!!! NON ci credo che lo dice proprio LUI quindi sposo la tua teoria sullo scambio di penne

    RispondiElimina
  9. Belli son belli.... devo proprio provare a farli, sia questi che quelli postati da Tinuccia, cosi' faccio un confronto!
    Un abbraccio e buon fine settimana!
    Paola

    RispondiElimina
  10. Li proverò....Comunque le ricette di una pasticceria famosa come quella di Hermé non vengono certo divulgate nei libri destinati ad un pubblico di amatori.A quale scopo? farsi imitare al meglio? Chiaro che sarebbe controproducente Insomma questi diamanti Hermé non li ha mai fatti, né scritti, né mangiati.

    RispondiElimina
  11. belli son belli! Dovessi ripeterli, per future sperimentazioni, per dare un'altra chance a Hermè etc.etc..io posso assaggiare!!!Sarò imparziale!!!Giudice severissimo! :)
    P.S.: fosse che non sei soddisfatta perchè hai pesato tutto!????

    RispondiElimina
  12. a me sembrano buoni ;-) però facci sapere quali aggiustamenti fare!
    baci

    RispondiElimina
  13. Sinceramente a me spesso le cose di alta pasticceria non fanno impazzire...Non mi stupirei tanto di provare una ricetta, anche di Hermè e di costatare che non mi piace...Io ho fatto i krumiri di farina di riso di Montersino e non mi sono piaciuti...sembrava di mangiare un sacchetto di sabbia..La brioche Nanterre di Pierrè Hermè è buona ma intrisa di burro e il Gateaux de roix di Felder è secchetto...Forse sbaglio io, ma non ho questa grande deferenza nei confornti di questi "maestri", pur rispettando il loro lavoro...Anzi ritengo che spesso a certi livelli non sempre ci si arrivi solo per bravura....molto spesso conta anche sapersi vendere, saper frequentare le persone giuste essere al posto giusto al momento giusto, lanciare una moda che abbia successo ecc...E' la mia opinione eh...Cmq a vederli i tuoi diamanti di cioccolato sembrano buoni...;)

    RispondiElimina
  14. Martina, spesso queste ricette che tu citi non sono quelle che realmente i grandi pasticcieri realizzano. Qualità degli ingredienti, piccole differenze di lavorazione,e/o grammatura rendono un prodotto buono, ma non sublime...Ripeto, i grandi pasticcieri non hanno nessun interesse a divulgare le loro ricette.I loro libri offrono un bel ventaglio di ricette che però certamente loro non utilizzano nella propria pasticceria.

    Per quanto riguarda la cancellazione di questa ricetta dal Forum di Cucina Italiana, avvenuta poche ore fa a seguito di questa pubblicazione su Ammodomio, credo che ci sia poco da dire.Per fortuna è ancora leggibile in un quote di Fabiola poco più avanti,sempre sullo stesso thread, altrimenti si potrebbe pensare che Ornella abbia avuto le traveggole.E' ovvio che ognuno possa correggere o cancellare i propri post, ma per fortuna non è in grado di farlo su quelli degli altri, come avviene in tutti i Forum dove vige la bella usanza della condivisione.
    Peccato, non me lo aspettavo !

    RispondiElimina
  15. @Cristi, aspetto la tua prova :)
    @Giulia, SGANCIA subito la ricetta di Santin!!! E' un mio mito!! :)))))) Se per caso mi dovesse sfuggire, non ti fare remore:avvertimi!
    @Aquolina, è certo! E per fortuna direi...

    RispondiElimina
  16. @Mirtilla, certo, mica si butta via niente :))
    @Fabiola, essì.. l'ho proprio seguita alla lettera: Però come mi avevi svelato anche tu, appena fatti avevano la necessità di un quid in più. Non mi sono mangiata troppo la testa:un ciuffo di panna , una cilegina e via... :DDDD
    @Letzia, ho saputo solo oggi che questa ricetta NON è in nessun libro di Hermé!Come ho scritto nell'edith... Ecco perché ho messo il punto interrogativo. Non posso affermare con certezza che sia sua...
    Comunque il discorso sui libri può essere valico in generale...

    RispondiElimina
  17. anche questi hanno un bell'aspetto!
    nel dubbio li proverei entrambi! :P

    RispondiElimina
  18. @Raffy, grazie... Sono bellini, eh?
    @Pamirilla, così me li hanno "spacciati"... Io che sono 'gnurant ho eseguito alla lettera.:)
    @Piccolina, provali e poi mi dici. Tu ne capisci...;))

    RispondiElimina
  19. @Caris, forse hai proprio ragione tu! :DDD
    @Maia, sì... sono molto bellini
    @Lamelannurca, provvederò :)))

    RispondiElimina
  20. @Martina, ecco, appunto, non sono la sola... Secondo me, il sapore del burro prevale eccesivamente, anche se dopo un po' di giorni si smorza. C'è da dire che il burro francese non sa tanto di formaggio come il nostro, pertanto uno dei problemi potrebbe essere quello. In secondo luogo, l'impasto in bocca è eccessivamente sabbioso, non si scioglie a differenza dei diamanti bianchi di Ducasse. Inoltre l'abume spennellato per far aderire lo zucchero, lo "cristallizza" ,per così dire, eccessivamente. Spero di essermi spiegata...
    Grazie a tutti!

    RispondiElimina
  21. @Paola, grazie mille! Sul 3D di Cucina Italiana concordo assolutamente con te. Come non potrei?
    Preferisco non dire nulla di più. A volte è meglio tacere, piuttosto che dover dire troppo! ;))
    Grazie mille a tutti e buon fine settimana!!!!

    RispondiElimina
  22. beh, son sempre dell'idea che è bene provare...però se la prova non regge si torna alle "origini"...l'udite udite, poi... bah! :*

    RispondiElimina
  23. Zebra, adesso sarà cancellato anche nel "quoto"! :))

    RispondiElimina
  24. @ Paola, si hai ragione, magari piccole varianti possono fare una grande differenza e il burro italiano fa schifo, secondo me mettono qualche aroma perchè ha un odore che non è quello buono di panna ch edovrebbe avere...Io però compro sempre o burro altoatesino (meggle, vipiteno, mila), oppure burro tedesco o magari il president che mi pare sia danese...Sul fatto delle ricette in effetti mi sono sempre chiesta anche io che interesse potessero avere a diffonderle: di solito i propri segreti non si svelano...
    Fatto sta che mi sa che sono proprio io che non amo particolarmente le cose di alta pasticceria. Ho sempre l'impressione che la cura data a certi paricolare, alla raffinatezza del gusto, all'equilibrio di questo e quell'altro, alla moda del momento, alal presentazione, tutta la studiatezza della ricetta, faccia un po' perdere quella naturalezza e quella innata istintività e genuinità nel mescolare gli ingredienti con sapienza senza ragionare di alti sistemi, che ha chi è appassionato di cucina..Ma è un mio personale modo di vedere che sono convinta molti non condivideranno..

    Mi spiegate come mai hanno tolto la ricetta dal blog di cucina italiana? Sarò gnucca ma non capisco...Perchè avevano paura che Hermè potesse lamentarsi? Boh...

    RispondiElimina
  25. Martina condivido...La pasticceria è anche ricerca ovviamente, però alcune volte può togliere quel sapore di naturale a cui noi siamo amabilmente attaccate. Il burro italiano ha un certo sapore...io ne uso uno bavarese.

    Penso che la ricetta sia stata tolta dal forum di Cucina Italiana poichè chi lì l'aveva postata circa due mesi fa, ha creduto fosse meglio rimandare direttamente al proprio blog.Poi che la ricetta sia di Hermé a questo punto non ci metterei la mano sul fuoco (ma anche prima di sapere i retroscena avevo manifestato i miei dubbi)

    RispondiElimina
  26. @@@ Tutti
    L'ho detto tante volte, ma non mi spiace affatto ripeterlo, che per me la cucina è divertimento puro. Non per tutti è così, per cui dal nulla nascono affari di stato e si arriva alle parole grosse. Detto ciò, ho tolto la ricetta perché da un lato, non posso attribuirne la paternità certa ad Hermè, sui suoi libri non c'è, dall'altro essendo venuta meno la fonte da cui l'avevo tratta, non intendo appropriarmi di nulla che non mi appartiene. Per di più colei che l'aveva riportata nel forum di Cucina Italiana mi ha chiaramente e pubblicamente scritto queste testuali parole:" non ha senso essere citata sul tuo blog...sarebbe una cosa di cattivo gusto per me...". Quindi non mi è rimasto altro che cancellare anch'io definitivamente la ricetta.
    Chi la volesse, se la può cercare con Google, la troverà facilmente in un altro forum finché forse, non verrà cancellata pure di là!
    Mi dispiace, tutto ciò è davvero increscioso e per certi versi disgustoso. In tutta questa storia non c'è nulla di quello che rappresenta per me il cucinare.
    Scusate lo sfogo... ma un blog essendo un diario virtuale, è anche questo, purtroppo.
    Vabbuò, tiremm innanz...
    Grazie a tutti e buon fine settimana!
    Un sorriso sereno,:)
    Ornella

    RispondiElimina
  27. Ma tu pensa quello che deve succedere...Ornella, fregatene, perchè non ne vale la pena....Chissà perchè una debba scrivere quelle cose senza neanche conoscerti...E poi se una non vuole che una ricetta venga diffusa che se la tenga per se, o no? Se uno la mette su un blog sarà pure perchè tutti ne possano fruire no? Certo è giusto citare la fonte quando si conosce e tu l'avevi fatto quindi non capisco tutto il casino che ne è nato.....Si vede che certa gente non ha problemi seri e quindi se li cerca dove non esistono per dare brio alla propria vita...che devo dire!

    RispondiElimina
  28. @Martina, il fatto è che il forum di Cucina Italiana era l'unica fonte certa che ero riuscita a ri-trovare dove compariva chiaramente l'autrice dello scritto, con tutta la sua produzione natalizia in bella mostra... Sul suo blog personale, sebbene avessi fatto la ricerca col tasto di Blogger, il post con la ricetta non compariva e non compare. Quindi non mi pareva proprio di aver fatto alcuna scorrettezza.
    Vabbé mi sono beccata un po' di insulti a gratis... ma non me li sono tenuti, eh... ho risposto "ammodomio"! :)
    Sono buona e cara, beneducata, ma mica santamariagoretti!!! :DDDD

    RispondiElimina
  29. Ornella, come ti ho preannunciato prima di procedere, su richiesta dell'autrice ho eliminato dal mio post di CI la ricetta. Ciao

    RispondiElimina
  30. @Fabiola,la tua precisazione non fa altro che confermare i fatti. Ti ringrazio di cuore!

    RispondiElimina
  31. Che storia bizzarra.
    E poi mi chiedono perché non mi apro un blog...
    ciao
    Bianca67
    ps ho recentemente sperimentato per un té le tue minipavlove, con variante al marron glacé. Hai la mia eterna gratitudine: è la prima volta nella vita che le meringhe mi vengono perfette!!!

    RispondiElimina
  32. Ornella, la mia precisazione conferma la mia neutralità in questa vicenda: da una parte ho avuto la richiesta di togliere la ricetta e l'ho fatto, dall'altra quella di comunicarlo qui.

    Ci vediamo su altri post con i tuoi sempre interessanti "ammodomio-ismi". Non tardare!
    ciao!

    RispondiElimina
  33. @Bianca, sono felicissima per la "meringa pefetta", sapessi quante porcherie ho sfornato prima di arrivare a questo risultato! :DDDD
    Grazie per avermelo comunicato, mi dà la carica er contnuare a condividere qui sul blog! ;)

    RispondiElimina
  34. @Fabiola, assolutamente sì! Non ti avrei mai chiesto, come non chiedo mai a nessuno di schierarsi.Sono una persona libera che rispetta la libertà altrui, figuriamoci!
    Grazie ancora... sei sempre la benvenuta!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...