martedì 22 febbraio 2011

Castagnole un po' diverse, ma buonissime....

Chi era insieme a me sul Forum di C.I. le conosce bene, ma oggi a casa le ho rifatte, dopo forse un paio di anni e non posso non metterle qui..... Ricetta vecchia da molti sperimentata, però veloce, facile e buona. Se vi piace friggere, queste castagnole sono proprio quello che ci vuole, perché con il minimo sforzo si ottiene il massimo del risultato e visto che siamo a Carnevale torneranno utili per una festicciola dove, ve lo assicuro, andranno a ruba. Senza altre chiacchiere andiamo a vedere cosa occorre e come procedere.

Castagnole morbide


Castagnole



500 g di farina
100 g di zucchero
1/2 bicchiere di latte più o meno
3 uova intere
un goccio di rum ed uno di mistrà
vaniglia e scorza di limone
1 bustina di lievito
3 cucchiai di burro morbido
1 cucchiaio di olio
un pizzico di sale

Montare le uova con lo zucchero, il sale e gli aromi, unire quindi i liquori, il burro mobido e l'olio e parte della farina. Sempre lavorando il composto, unirvi il latte e quindi la restante farina miscelata al lievito. A questo punto controllare l'impasto che deve essere molto morbido, ma non troppo. Diciamo appena più consistente di una pasta da bignè. Lasciar riposare l'impasto per un quarto d'ora ed intanto preparare la padella a bordi alti con abbondante olio. Le castagnole debbono friggere in olio profondo. Appena l'olio sarà caldo, ma non eccessivamente, fare una prova con un pochino di pasta. Prendere l'impasto con un cucchiaio e cercare, con l'aiuto di un altro cucchiaio, o di un dito, di dare una forma sferica alla porzione presa. Prendere circa mezzo cucchiaio di impasto alla volta e data poi la forma, calarla nell'olio caldo. Se la densità è giusta l'impasto comincerà a gonfiarsi in maniera uniforme, mantenendo una forma sferica quasi perfetta. Cuocere le castagnole a padella calda, muovendole all'interno della padella e ruotando questa in modo da agitare l'olio al suo interno. Questo provocherà il massimo sviluppo della castagnola che risulterà poi gonfia e leggera. Se l'impasto è troppo molle, questo non prenderà forma sferica, ma darà luogo più ad una frittella che non ad una castagnola e tenderà ad assorbire molto olio. Se invece l'impasto è troppo duro, la castagnola inizialmente sarà bella sferica, ma durante la cottura si spaccherà facendo fuoriuscire parte della pasta interna....Per correggere l'impasto, se necessario, basta aggiungere poca farina o un pochino di latte. Come quantità di impasto io consiglio circa mezzo cucchiaio, ma nulla vieta di farle più grosse o più piccole. Tenere presente che più sono grandi e meno l'olio della frittura deve essere caldo. Infatti all'inizio la castagnola deve solo gonfiarsi e rimanere bianca, poi finito di levitare, deve cominciare a dorarsi. Appena hanno preso un colore dorato, controllare la cottura con uno spiedino di legno: se esce asciutto toglierle dalla padella (utilizzando lo stesso spiedino)e farle ben scolare su carta assorbente facendole freddare completamente.





Castagnole




A questo punto le strade sono due: o lasciarle semplici, spolverizzate appena di zucchero, oppure bagnarle con una bagna a vostra scelta ed eventualmente farcirle. Io oggi ne ho lasciate alcune semplici, mentre altre le ho inzuppate con una bagna all'alkermes. In una ciotola allungare l'alkermes con uno sciroppo di zucchero, immergervi per qualche secondo la castagnola e farla asciugare un paio di minuti su un vassoio con carta assorbente. In questo modo la bagna penetra all'interno e la superficie della castagnola è umida, ma non eccessivamente bagnata. Passarla quindi nello zucchero semolato. Ovviamente si può sostituire l'alkermes con altri liquori o distillati a proprio gusto: Cointreau, Rum, Maraschino, Amaretto.... Se si vogliono farcire basta utilizzare una tasca di tela con beccuccio ad imbuto e iniettarvi la farcitura desiderata: crema, marmellata, Nutella....
Passare poi a bagnarle con una bagna adatta al ripieno. In questo caso le castagnole divengono irresistibili e difficilmente si percepisce che sono dolci fritti.




Castagnole

Se vi va, fate un salto da lei che le ha realizzate e che ha messo tante foto passo passo.


A presto,
Paola







Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Interno Otto - All Rights Reserved

39 commenti:

  1. Ciaoo Onellina Mia... ma che delizie queste castagnole davvero golose ed uniche da assaporare una dietro l'altra... Viva i carnevale.. bacino

    RispondiElimina
  2. Bellissime e sicuramente buonissime... da rifare!
    E mentre preparo la ricetta per Un Anno Ammodomio, colgo l'occasione per segnalare il mio primo contest.. mi farebbe piacere se partecipaste! Un abbraccio,
    Eli

    http://ilgamberetto.blogspot.com/2011/02/ma-sei-proprio-un-broccolo-il-mio-primo.html

    RispondiElimina
  3. E' vero, come dice Vale evviva il carnevale, che ha tante ricette frittissime!!! Queste sono proprio da provare...
    Un bacio e a presto... :)

    RispondiElimina
  4. Ornella ma se si riempiono con la asca da pasticcere significa che dentro sono vuote,come i bignè?!

    RispondiElimina
  5. Che belle, anche io ho fatto le castagnole proprio ieri ma queste le devo proprio fare, mi segno la ricetta. Grazie

    baci

    RispondiElimina
  6. Cheffai Paola, ti dai alle misurazioni a cucchiaio? Mi sa che la vicinanza con Ornella invece di portare lei verso la bilancia porti te verso i cucchiai :(, a proposito ne ho di vari servizi e tutti con misura diversa... dal più grande al più piccolo sballeranno 20-25 gr....
    E non mi rispondere che in media via stat virtus..
    Comunque sono bellissime le tue castagnole e per niente unte. Grazie

    PS: facci caso alcuni post si rivolgono ad Ornella invece che a te... potenza dei cucchiai! :))

    RispondiElimina
  7. Ma sono perfette!!!!! una domanda: vanno mangiate subito vero? il giorno dopo non sono più buone, immagino (o reggono un pò?)

    RispondiElimina
  8. Buone sono buone, forse direi qualcosa di più...Il giorno dopo sono ancora buonissime (mangiate due stamattina a colazione), l'importante è tenerle sotto una campana di vetro. Quelle inzuppate si mantengono meglio, anche 2 giorni.Sì ho letto che molte si confondono...Ormai tra me e Ornella sta nascendo una simbiosi per cui una vale l'altra.Non so se è colpa dei cucchiai ma tra poco ci fonderemo in un unico terribile personaggio.... :))))

    RispondiElimina
  9. Terra Tonda, dentro non sono vuote, ma l'impasto è molto morbido ed accoglie bene il ripieno. Un po' come i bomboloni lievitati che si farciscono di crema, dopo esser stati fritti.

    RispondiElimina
  10. Mi piace questa versione semplice ma cosi' gustosa, a vedersi. Spero di azzeccare la densita' dell'impasto ;-)

    RispondiElimina
  11. Wow, che goduria..... Davvero ottime si!!!! E i suggerimenti sulle farciture, mandano in tilt solo all'idea.... ^_-
    Franci

    RispondiElimina
  12. Paola le tue sono perfette, le mie un pò bitorsolute, ma sempre buonissime. Aurora le vuole rifare e riempire con la crema.
    Un bacione
    Patrizia

    RispondiElimina
  13. Che golosità questa foto!!! Mi verrebbe da mangiarla con gli occhi! Ricettina venuta benissimo, da provare! complimenti! :-D

    RispondiElimina
  14. gnam gnam! non vedo l'ora di provarle! non amo alla follia i dolci fritti, ma ogni tanto mi viene voglia...e allora meglio friggerlo da sè!!! grasias!

    RispondiElimina
  15. Pat,altro che bitorzolute, sono splendide! ha ragione Aurora riempite di crema e poi immerse in una bagna al rum o alkermes sono la fine del mondo. Peccato chiamarle castagnole!
    Elisa, sì!!! Il fritto è bene mangiarlo solo a casa: più buono e molto più salutare!

    RispondiElimina
  16. ma che meraviglia!! io mi limito a guardare, c'è qualcuno in famiglia che ha iniziato la dieta...

    RispondiElimina
  17. Brava Paola, sono castagnole splendide e le proverò sicuramente in alternativa alle frittelle.

    RispondiElimina
  18. Grazie a tutti!! Sì, sono morbidissime!

    RispondiElimina
  19. Oggi ho postato le mie castagnole, quelle classiche, queste hanno sicuramente un'altra morbidezza...proverò a farle.
    ciao

    RispondiElimina
  20. Paola io ero (sono) su cucinait ma non le avevo mai provate...devo farlo assolutamente, mi sembrano ottime!

    GRAZIE...un abbraccio,

    Barbara

    RispondiElimina
  21. Ma perchè le cose più buone devono far ingrassare?!
    Queste castagnole sono bellissime, bravissima!

    RispondiElimina
  22. Ciao piacere di conoscerti! SOno molto molto buone!!
    Mi aggiungo ai lettori ,a presto!
    Fai uns altino da me quando vuoi! Ciao!

    RispondiElimina
  23. Grazie ancora a tutte! Comunico che a distanza di tre giorni le castagnole sono ancora buone e morbide.
    Patrizia, vengo...

    RispondiElimina
  24. Ho provato varie volte le castagnole,ma era sempre la versione classica;questa mi piace molto,belle morbide,quest'anno proverò la tua ricetta,complimenti.
    A presto

    RispondiElimina
  25. Paola, in simbiosi? Un unico inquietante personaggio?:DDDDD
    Queste castagnole me le faccio e non perdo tempo neppure a fotografarle... Irresistibili!!!!!!!

    RispondiElimina
  26. finalmente una ricetta "super" di castagnole.fatte,mangiate!squisite,mi piacciono troppo i dolci fritti!grazie.ilaria

    RispondiElimina
  27. Ilaria, felicissima che tu le abbia provate....
    Ornella, non senti che ti stai trasformando???:DDDD

    RispondiElimina
  28. Sono molto golose, la consistenza è perfetta, non le mangiamo da un secolo e solo a guardarle ci si è smossa l'acquolina.....bastano secondo te come motivi per prepararle oggi stesso?
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  29. Luca e Sabrina direi che sono fin troppo sufficienti..............:)))))

    RispondiElimina
  30. La ricetta l'ho presa.
    Ora serve il Carnevale.
    C'è tempo?
    Vabbè, aspetto.
    Ciao.
    p.s. Ma quanti anni hai?
    Lo so che ad una signora non si chiede mai, ma a giudicare da come ti vengono le cose e da quello che sai...
    Comunque ero venuta qui principalmente per il calendario, poi mi sono persa tra zucchero, brioche, biscotti...
    Procedo.
    Dann/www.cucinaamoremio.com

    RispondiElimina
  31. @Dann, se leggi i commenti qui su, ti accorgerai che siamo in due a cucinare, fotografare e scrivere ricette;diversissime ma simbiotiche! :D
    Non siamo certo ragazzine ma neppure Matusalemme... Ti basta? Magari se ci scrivi in privato possiamo rivelarti la nostra età, concedici questo vezzo da "signore"... ;)))))
    Grazie e a presto!

    RispondiElimina
  32. Provate oggi, ottime!!!
    Grazie e complimenti per l'ottimo blog!!!

    RispondiElimina
  33. buone, invitanti io ho copiato castagnole e frappe e farò tutto? Povera me senti dopo la dieta, dovrò soffrire, ma questo a te non interessa. Grazie di aver postato queste due ricette. A presto

    RispondiElimina
  34. ciao, ti riscrivo per dirti che ho pubblicato la ricette delle castagnole sul mio blog, io ho usato una variante se vuoi vederla ecco l'indirizzo del mio blog: http://cioccolatoamaro-paola.blogspot.it/

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...