martedì 18 gennaio 2011

Stinco di maiale

Mi sono resa conto troppo tardi di essermi imbarcata in un'impresa titanica: rendere appetibile in foto uno Stinco di maiale!
Che non fosse uno stinco di santo lo sapevo già... Ma, porca paletta, come si fa a presentare in modo gradevole un piatto di carne tanto buono quanto poco fotogenico? E se mettessi una calza all'obiettivo della digitale, potrebbe funzionare? Pare che questo stratagemma riesca  ad ingannare anche un occhio attento... ;)
Uno Stinco è uno Stinco - mi ha detto lei - Che  vuoi farci? Mettilo com’è!
Ben detto! Niente paranoie...
Vabbè, dopo aver smoccolato e fatto tutti i tentativi possibili per farvi solo intuire quanto fosse gustoso, tenero e saporito, ve lo mostro prima in pentola e poi così come l'ho portato in tavola...


Stinco di Maiale



Vi avevamo promesso le vere ricette di casa nostra? E Stinco sia... 
Se proprio non riuscite ad immaginarne il sapore e la consistenza, cucinatevelo a casa vostra e poi mi direte se non ne valeva la pena.

Stinco di Maiale 


 La ricetta è tutt'altro che complicata, non c'è neppure bisogno di accendere il forno, anzi in un colpo solo vi troverete a portare in tavola un ottimo secondo con 2 contorni e vi avanzerà pure un buon brodo vegetale.
Che volete più di così?

 Stinco di maiale "ammodomio"


Stinco di Maiale


Ingredienti (per 2-3 persone):

1 Stinco di maiale
2-3 cucchiai di olio extra vergine
2 cipolle dorate
1 bicchiere colmo di Primitivo di Manduria (oppure un vino rosso corposo)
  salvia e rosmarino q.b.
  sale e pepe q.b.
brodo vegetale q.b.

per il brodo:

3 patate (grandi)
3 carote (grandi)
2 pomodori
1cipolla
1 costa di sedano
  sale q.b.

per il Purè di Patate:
1 noce di burro
2 bicchieri di latte
1 grossa manciata di parmigiano grattugiato
  sale q.b. (pochissimo e solo se necessario)

per le Carote:
1 filo d'olio extra vergine
1 filo di aceto balsamico (se vi piace)




Per prima cosa ho messo a cuocere  il Brodo vegetale mettendo in una pentola d'acqua bollente salata, le patate e  le carote sbucciate ma intere (non a pezzi), il sedano, la cipolla ed i pomodori. Appena Carote e Patate sono diventate tenere, le ho scolate dal brodo e le ho tenute da parte.
In un largo tegame dal fondo spesso ho messo poi a rosolare ben bene lo Stinco, a fuoco vivo, con le cipolle affettate, gli odori, sale e pepe, tirandolo a più riprese con il vino rosso corposo.  Ho continuato la cottura aggiungendo a poco a poco il brodo vegetale caldo, abbassando la fiamma al minimo e coprendo il tegame col suo coperchio. La cottura deve essere lenta, sarà necessaria in tutto almeno un'ora, un'ora e mezza e bisognerà rigirare lo stinco usando  il cucchiaio di legno, non la forchetta, per evitare di bucarne la superficie.
Nel frattempo con le patate lessate nel brodo vegetale si può preparare un ottimo purè, procedendo nel modo consueto.
Controllare che lo Stinco abbia raggiunto la giusta cottura è semplicissimo: sarà cotto a puntino quando la carne comincerà a staccarsi dall'osso.
A fine cottura aggiustate di sale e pepe, solo se è necessario, servendolo ben caldo, possibilmente su piatti anch'essi caldi. Accompagnatelo con il puré di patate e le carote affettate a rondelle, condite semplicemente con un filo d'olio e di aceto balsamico.
 Alla prossima,
Ornella


Piesse:Ogni riferimento a persone e fatti è puramente casuale! :))

.    Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 

29 commenti:

  1. Facessi io quelle foto ai miei piatti...comunque l'occhio vuole la sua parte...ma in tavola però...quindi è bene leggere attentamente la ricetta ed eseguire...saluti.

    RispondiElimina
  2. Wow! E' bellissimo e molto invitante!

    RispondiElimina
  3. Delizioso e versatile.
    Complimenti

    RispondiElimina
  4. Cara Ornella, niente paranoie, ti assicuro che quella padella invoglia da morire.... ;D

    RispondiElimina
  5. maròòò che meraviglia!!
    stiamo sbavando sulla tastiera *.*

    RispondiElimina
  6. Ornella io amo lo stinco, tranne quello di santo li mangio tutti!! :))

    e cmq sulla carne... confermo la difficoltà nel fotografarla...
    un baciuzzo
    Vero

    RispondiElimina
  7. temo di aver perso il commento... vabbè lo riscrivo:
    Ornella!! io adoro lo stinco, di qualunque genere esso sia, tranne quello di santo!! iihhi

    fotografare la carne... una tragedia! è per sua natura refrettaria alla luce!
    un bacio
    Vero

    RispondiElimina
  8. Una bella ricetta, facile e appetitosa. Mi disturbano un po', in questo momento, le notizie sulla carne di maiale. Perchè non ci dicono da dove proviene, come è dovuto per legge per la carne bovina?

    RispondiElimina
  9. Sempre meglio delle mie di foto, tranquilla!! :)

    RispondiElimina
  10. foto a parte che io trovo molto difficile criticare anzi... belle o brutte che siano sono sempre fonte di spunti artistici. Della ricetta posso dirti che adoro questa carne... mi segno la tua versione!!!!

    RispondiElimina
  11. Io trovo che si ail piatto che la foto siamo proprio belle !

    RispondiElimina
  12. Ornellina... appena l'ho visto dentro quella padella mi e' venuta una faaaame!
    Quindi complimenti...sia per la ricetta sicuramente ottima, sia per le foto!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Lo stinco....confesso...finora ho fatto solo quelli precotti!! :D :D ma direi che volendo, potrei provare direttamente a farlo io...se già è buono quello di "fabbrica"...chissà com'è quello home made!!!

    RispondiElimina
  14. Ho uno stinco da Natale in attesa di essere preparato. Seguirò la tua ricetta. Grazie!

    RispondiElimina
  15. mi fai tornare la fame così! :-D

    RispondiElimina
  16. Davvero solo un'ora o un'ora e mezza? Le mie amiche parlano di 4-5 ore. Dipende dalla carne (vitellone, vitello etc) e relativo peso?

    RispondiElimina
  17. @Tutti, soni contenta di essere riuscita a rendere l'idea della bontà del piatto!
    @ Sister, hai ragione da vendere... però questa era ottima":P
    @Silvia, ho cominciato proprio come te,infatti la prima volta che provai a preparalo usai un precotto! :D
    @ Cristi,questo è uno Stinco di Maiale. Chiaro che la cottura dipende dalla grandezza. Per la dimensione che ho usato io, il tempo di cottura è stato più che sufficiente!

    RispondiElimina
  18. Superata la prova ...la foto non era facile, ma con quella torretta arancione...bella idea!
    baci

    RispondiElimina
  19. Sei riuscita in piano nella tua impresa titanica.. perchè a me sembra alquanto appetibile!
    sai che non l'ho mai assaggiato?
    dovrò rimediare ;)

    RispondiElimina
  20. so che la carne è difficilissima da fotografare ma sei stata comunque bravissima e direi che rende ben e l'idea di quanto sia succulenta questa carne. Io lo mangiai a una festa dell'unità a chianciano, cotto sulla brace, veramente da urlo, ma non mi sono ancora cimentata nella riproduzione casalinga... quasi quasi ci provo... un abbraccio

    RispondiElimina
  21. A me capita spessissimo che la bontà del piatto sia inversamente proporzionata alla schifezza della foto... ma non è il tuo caso!. La succulenza arriva... eh se arriva!!!!

    RispondiElimina
  22. E' appetitosissimo!

    C'è un premio per te!! :D

    RispondiElimina
  23. E' buonissimo lo stinco, sia di vitello che di maiale, e il tuo è fantastico...anche in foto! Del resto qualcuno aveva forse qualche dubbio?!?! ;-)

    RispondiElimina
  24. Sarà stata un'impresa titanica fotografarlo ma.... questo stinco è mooooolto invitante! Quindi, operazione riuscita!!!

    RispondiElimina
  25. Anche uno stinco,nelle tue mani,diventa un piatto prelibato,di gran classe.Baci,Lisa.

    RispondiElimina
  26. Non importa se in foto non rende, al palato rende benissimo :-)

    RispondiElimina
  27. foto o non foto, é davvero attiroso, per di più con la tua spiegazione, ci crediamo che era bello morbidoso!

    RispondiElimina
  28. domenica provo a farlo!!! stupendo.complimenti.
    lalexa

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...