martedì 14 dicembre 2010

Trippa al pomodoro

Come vincere un tabù e cucinare un cibo che non ci piace, specie se è un piatto di cui la nostra metà è ghiotta, tanto da guardare con bramosia le scatolette già pronte al supermercato?
Procurandosi una ricetta semplice, con la quale andare a colpo sicuro senza assaggiare, e turandosi il naso, senza fare tante storie! :D
 Vi confesso che la Trippa non mi piace, non per pregiudizio: l'ho assaggiata più volte ed il sapore non è poi così malaccio. Quello che proprio non mi va giù è la consistenza quasi spugnosa, non la posso proprio sopportare. :((
 Mio marito  però, ne va matto ed ogni tanto - non spessissimo, eh - mi tocca accontentarlo facendogli un regalo...
Mi procuro una trippa già pulita e tagliata a striscioline, perché il sacrificio di cucinarla, va bene... lo faccio, ma sottopormi al martirio di pulirla proprio no, non fa per me. Mica concorro per l'elezione della Regina dei fornelli, nè mai vorrei essere ricordata come l'Angelo del focolare, neppure l'aureola  mi dona molto, anche se a volte sono in odore di santità! ;))) Che pazienza che ci vuole...
Però, vi assicuro, che  vedere  il suo sguardo soddisfatto, quel sentirsi dire - Brava, è venuta davvero squisita! - non ha prezzo... 
Che ne pensate, ogni tanto un sacrificio si può fare?

Trippa al Pomodoro

TRIPPA al pomodoro

  • 500 gr di pomodori pelati
  • 400 gr circa di trippa ( già pulita!)
  • 1 cipolla dorata ( grande)
  •  1 carota
  •  2-3 gambi di sedano
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • olio q.b.
  • sale e pepe q.b.


Per prima cosa faccio sbollentare la trippa in acqua salata, per pochissimi minuti, poi la scolo e la lascio in un colino a sgocciolare bene. Preparo un battuto fine fine, tagliando a coltello le verdure. Se non siete capaci o avete paura di lasciarci una falange, usate la grattugia a fori larghi, non il mixer però, mi raccomando.
 Faccio soffriggere il battuto in qualche cucchiaio di olio, senza fargli prendere troppo colore. Aggiungo la trippa, la lascio soffriggere bene mescolando e sfumo con il vino bianco. Quando il vino sarà evaporato, metto nel tegame i pomodori pelati, un po' d'acqua, aggiusto di sale e lascio cuocere per circa una mezz'oretta a fuoco medio.
 Appena la trippa vi sembrerà tenera ed il sughetto ristretto al punto giusto, servitela in tavola ben calda.
 Vi ho confidato il mio tabù e il vostro qual è?
Buona giornata,
 Ornella
Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 

18 commenti:

  1. Ornella, confesso che anch'io non mangiavo trippa fino a qualche tempo fa, la cucinavo soltanto. Adesso però mi piace. Perchè? Bohhh sarà che col tempo si cambiano i gusti! Io la faccio come te ma metto la menta, sia quando la lesso che nel sughetto, abbondante peperoncino e poi la servo con il pecorino romano grattugiato.
    Quello che proprio non riesco a mangiare sono le lumache, una volta all'anno le cucino perchè mio marito ne va matto, ma non mi piacciono proprio.
    Ciao
    Patrizia Borelli

    RispondiElimina
  2. Ti capisco benissimo, io ho lo stesso problema, ma con il coniglio, che non mangio ma che a Luca piace molto. Quindi di solito faccio proprio così, ricetta collaudata, non serve che assaggi e l'espressione soddisfatta di Luca mi fa felice. La trippa a me non dispiace, la cucino molto raramente, la mia ricetta è simile alla tua, solo che ci aggiungo qualche chiodo di garofano e un pizzico di peperoncino. E' dall'inverno scorso che non la prepariamo, ma quando la compro anche io la compro già tagliata e pulita.
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  3. zia Elle, sono contenta che ti piaccia! :)

    RispondiElimina
  4. Pat, ne ho mangiate di lumache... Se ben fatte,sono squisite. Ma a cucinarle da me, non ci penso proprio, mi fanno impressione! ;))
    Proverò la tua ricetta di trippa:mentuccia e pecorino non mi mancano.
    Baci!

    RispondiElimina
  5. Sabri, essì ogni tanto un sacrificio si può fare.. Sono d'accordo, quell'espressione soddisfatta ripaga di ogni cosa! :)) baci grandi!!

    RispondiElimina
  6. Buona, la preparavo anche io così....Ma sono almeno quindici anni che non la cucino e nemmeno la mangio. A casa piace solo a me !!!! Per cui non si può portare a tavola !!!!
    Un po' di peperoncino come dice Patrizia non ci sta male, e se il pecorino è troppo forte anche una spolverata di parmigiano la nobilita.

    RispondiElimina
  7. checché se ne dica la trippa è ottima!
    l'ultima volta l'ho mangiata a casa di un amico doppiatore di Roma, cucinata in maniera spettacolare...e quanto vino! :)

    RispondiElimina
  8. Io invece adoro la trippa ma il mio lui non la mangia per cui sono nella situazione contraria!!!Quando la prepara mammà me ne tiene sempre un po' da parte...gnam!!!Smack!

    RispondiElimina
  9. La trippa a mio marito piace , diciamo che io ,
    se c'è , la mangio e ..ogni tanto la cucino .
    Ma le lumache e le rane neanche da lontano , mi
    fa impressione solo l'idea ......Ruli

    RispondiElimina
  10. Sai che giá dal titolo del post ho pensato a mio padre? E sai che hai ragione?...Bellissimo post, bellissima ricetta (anche se la trippa..) e foto super ! Baci

    RispondiElimina
  11. Sì sì Paola, gli ho proposto il parmigiano, ma l'ha preferità senza formaggio.

    RispondiElimina
  12. Ambra, in compenso io adoro il fegato, mentre marito e figlia non l'asaggiano neppure. Mi tocca farlo solo per me proprio una volta ogni tanto!:(

    RispondiElimina
  13. Ruli, le rane proprio no! Anche se mi hanno detto che sono strepitose, ma non le cucinerei mai! :))))

    RispondiElimina
  14. Simonetta, sei sempre affettuosissima. Un bacio!

    RispondiElimina
  15. walter di Palestrina15 dicembre 2010 23:19

    Buona sera a tutti,la trippa alla romana?.....guanciale tritato fine fine o il grasso con un po di magro di prosciutto,cipolla,uno spicchio di aglio,una trentina di foglie di menta romana(evitare la piperita è troppo aromatica),peperoncino,sempre tutto tritato ,mettere l'olio nel tegame e versare il tutto,soffriggere e quando la cipolla inizia a colorire mettere la trippa che avete sbollentato prima,farla insaporire,versare un bicchiere di vino,quando il vino è stato assorbito allora regolare di sale e mettere i pomodori pelati schiacciati con le mani(non frullati)cuocere per un oretta circa,il pecorino romano è obbligatorio,però quello buono e solo la parte centrale(la mollichetta).Se avanza e la congelate è ancora più buona.Da ricordare che se mettete la menta quando è iniziata la cottura con i pomodori,la trippa prende un colore brutto.

    RispondiElimina
  16. Grazie mille per le tue dritte ,Walter! Da provare anche questa versione...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...