martedì 30 novembre 2010

La grande tavola del 25 Dicembre... ma anche no!

Care amiche, come promesso ecco il piccolo resoconto di quanto è accaduto ieri in casa della signora Csaba.
Tema della puntata: il pranzo di Natale. Qui non si può sbagliare, tutto deve essere perfetto e per far questo Csaba si affida al passato, ricorrendo allo stile e alla classe di Jacqueline Kennedy. Da quando ella entrò alla Casa Bianca, tutto cambiò, perfino il pranzo di Natale, introducendo il famoso filetto alla Wellington e detronizzando il consueto tacchino.
Proprio questo filetto, Csaba ci propone come piatto forte del menù natalizio, accompagnandolo ad una Ratatouille di verdure.
Per prima cosa Csaba ci fa vedere il suo filetto di proporzioni notevoli e ci spiega che dobbiamo scegliere la parte centrale di questo taglio, la più grande e cilindrica: passa poi a peparlo con due tipi di pepe, verde e nero e a salarlo su tutta la sua superficie.
Prepara poi degli champignon lavandoli, affettandoli e cuocendoli in poco burro senza salarli. Appena pronti li passa nel bicchiere del frullatore ad immersione e li riduce in crema, mentre sulla padella dove li aveva cotti, rosola a fuoco vivo, unendo altro burro e poco olio, il filetto prima preparato. Quando la carne è ben rosolata, unisce del cognac che come al solito chiama liquore... ;))
Il fumo che si eleva in cucina è di quelli che non ti fanno vedere nulla ed infatti anche la povera Csaba scompare in una fitta nebbia, per poi esclamare “Sembra di essere ad Hallowen!!”. :D

DSCF0076

Finita la gran fumata, Csaba si appresta a tagliare delle verdure per la ratatouille: carote, patate, cipolle e mele verdi. Lei dice che possiamo anche sbianchire le carote prima di cuocerle per preservare loro il colore e ci suggerisce come fare: tuffarle in acqua bollente per pochi minuti...
Peccato che non si ricordi di dirci che le carote, per non perdere il colore, devono essere immerse immediatamente dopo, in un bagno di acqua e ghiaccio.
Sarà solo una piccola dimenticanza? Certo, in TV in tempi sono quelli che sono, però...
Comunque sia, condisce le verdure e la frutta con olio e sale e passa a rifinire e ad impacchettare il povero filetto che giace sul tagliere. Riprende la crema di funghi che nel frattempo aveva messo a scolare su un colino a maglie fitte, la sala e la spalma sulla parte superiore del filetto che poi avvolge in una sfoglia già pronta. Con i ritagli di pasta sfoglia realizza delle piccole stelle con cui decora il pacchetto, lucida tutto con dell’uovo battuto e via in forno per la cottura.
Passa poi a saltare le verdure in padella con del rosmarino, unendo dopo poco, anche i pezzi di mela. Dopo aver ripassato in padella le verdure, Csaba le versa su una terrina di servizio. Le verdure appaiono un po' troppo croccanti e se per cipolle, carote e mele non è un gran danno, per le patate direi che non è il massimo. Esse appaiono veramente crude e pallide...
Comunque Csaba sforna il filletto alla Wellington, anch’esso piuttosto palliduccio, e ci augura MERRY CHRISTMAS invece del consueto bon appetit....

DSCF0077


Ci introduce poi, in sala da pranzo indossando un vestito a piccoli quadri rossi e neri, molto natalizio, lungo ed ampio...
La tavola è già in parte sistemata con una tovaglia di lino marrone, un decoro in oro che corre lungo il centro della tavola e dei bicchieri ramati che contengono al loro interno delle candele già accese. Csaba dispone dei piatti in ceramica avorio, partendo dal sottopiatto che delimita il plassè, poi quello piano e quindi quello da antipasto più piccolo, dispone poi il tovagliolo al centro del piatto; in via del tutto eccezionale,dice, per non ingombrare di più la tavola già ben ricca di suppellettili. Abbina delle posate dorate (acciaio dorato o argento dorato??), due coltelli e due forchette di due dimensioni. Quelle più piccole, all’esterno rispetto al piatto, serviranno per l’antipasto, ovviamente le forchette a sinistra e i coltelli a destra. Due calici in cristallo semplici senza decori completeranno la tavola del Natale.

DSCF0081


La tavola è molto bella ed elegante, i toni del marrone, dell’oro e del rame la rendono sofisticata, ma molto sobria nello stesso tempo. Forse, ma questa è solo una mia opinione, la vedo più adatta ad una cena che ad un pranzo, ma potrebbe trattarsi solamente di un effetto di luce.
Csaba ci augura di nuovo Merry Christmas e scompare dalla sala dove un bell’albero di Natale ci allieta con i suoi bagliori argentati...

DSCF0083

Allora, che ne pensate?
Paola

P.S.:Una doverosa premessa QUI!

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.

19 commenti:

  1. davvero una bellissima tavolata :)

    RispondiElimina
  2. e gia' siamo quasi a Natale. Bellissima avola
    Baci

    RispondiElimina
  3. Ma il menu' tutto lì? Filetto e verdure? Comunque preparare il filetto in crosta non è semplicissimo, bisogna far chiudere i pori del pezzo di filetto molto bene per impedire che, durante la cottura, escano umori che bagnino e rompano la pasta. Per la stessa ragione, dopo la rosolatura bisogna far freddare il pezzo di filetto su una gratella, per farlo scolare bene. Non mi risulta che debba essere sfumato con vino o altro. Io, in genere lo avvolgo nel prosciutto. Bisogna stare anche molto attenti alla cottura, il filetto deve rimanere rosato all'interno.
    Va be ma nel complesso mi sembra un pranzo di Natale un pò "micragnoso", o no?
    Patrizia Borelli

    RispondiElimina
  4. La tavola è molto bella, anche senza argento!!
    Il menù prevedeva anche un antipasto servito su un grande piatto di servizio...Csaba non ha fatto cenno su che cosa potesse essere. Apparecchiando ha infatti messo delle posate più piccole per l'antipasto e altre due per il secondo. Niente primo, forse un dolce....
    Il filetto lo ha bagnato con del cognac, anche io avrei evitato...Non ha detto che il pezzo di carne, una volta sigillato, deve freddarsi prima di involgerlo nella sfoglia, ha però detto che il filetto dovrà essere internamente rosato a fine cottura.Csaba ha detto che il tempo necessario di cottura è sui venti minuti, ma è molto difficile stabilirlo: troppe sono le variabili....

    RispondiElimina
  5. tutto molto bello e raffinato ma noi al sud per tradizione mangiamo pesce la vigilia e brodo con tortellini il 25 e quindi nn penso che questo piatto sarà sulla mia tavola pero devo dire che è molto interessante il tutto!!baci imma

    RispondiElimina
  6. La carne in crosta è molto coreografica ma in molti casi l'abito non fa il monaco, checchè se ne dica.
    Ma dov'è il dolce?????????? arriva dopo?

    RispondiElimina
  7. Da quando sono all'estero appiono nuovi personaggi strani nel panorama mediatico italiano....a me questa sembra atterrata direttamente dagli anni '50.....quando ci dará consigli sulle pulizie o su come ricevere lo stanco marito?

    RispondiElimina
  8. Anche noi abbiamo diverse tradizioni e certamante questo secondo non mi ispira per il giorno di Natale....Il filetto, Csaba si è guardata bene dall'affettarlo,per cui nulla possiamo sapere sull'effetivo risultato. All'apparenza la sfoglia risultava molliccia e poco cotta. Colpa delle luci di scena?

    RispondiElimina
  9. bello bello..ahime' ahime' anche quest'anno il natale lo passero' ospite dai miei quindi ancora una volta non spettera' a me la preparazione...vabbe'..ci rifaremo!!!!!!!!
    un abbraccio,de

    RispondiElimina
  10. ahahah, la scena del fumo dev'essere stata imperdibile.
    comunque lei E' atterrata dagli anni 50, è proprio la sua cifra stilistica, che piaccia o meno e i consigli delle pulizie li dava su un sito a parte, che però adesso non esiste più (e che ovviamente mi faceva sentire una massaia riprovevolissima).
    lei mi piace molto per la sua cura del dettaglio (infatti la tavola è stupenda), forse il filetto si presta un po' male a essere riprodotto nei tempi di una trasmissione tv

    RispondiElimina
  11. Bello vedere cosa si puo' ottenere con una tavolata enorme e tanto spazio a disposizione! Peccato che non sia il mio caso, quindi la nostra tavola a natale sara' decisamente piu' modesta nelle decorazioni. Riguardo al filetto... non fa parte nemmeno delle nostre tradizioni, quindi direi....anche no!
    Grazie Paola, finalmente ho visto anch'io Csaba che non avevo mai visto prima!
    A presto
    Paola

    RispondiElimina
  12. Diciamo che qualche consiglio sulle "pulizie" ce lo ha dato ieri sera parlando della tovaglia per la tavola del Natale....Ha detto che deve essere di lino, stirata, eliminando le pieghe e pulita senza macchie....Forse quest'ultimo consiglio poteva risparmiarcelo.
    Il filetto poteva lasciarlo in forno un po' di più, almeno esternamente avrebbe avuto un aspetto migliore. In tv conta molto l'apparire, anche sul cibo...

    RispondiElimina
  13. Paola,"... ma anche no" pure per me :D
    Come per Imma, la nostra tradizione natalizia è diversa ed a Natale, si sa, le tradizioni si rispettano.
    Per la tavola invece, tiro fuori gli "argenti", i cristalli, i piatti "buoni" ed i pizzi ricamati ;), quelli che non uso certo tutti i giorni...anche se non ci sono ospiti di riguardo e siamo in famiglia... giusto per dare un tono diverso alla tavola delle feste.
    Niente di eccessivo o di ridontante, comunque...
    Sicuramente però, una bella atmosfera ed una tavola elegante si possono ricreare, secondo me, anche con poco, senza argenti e porcellane di pregio ed oso dire, pur usando le tanto vituperate stoviglie di carta ( ce ne sono di bellissime).
    Con un po' di buongusto e di creatività si possono fare miracoli!
    P:S:Molto bella ed elegante la tavola di Csaba: è gradevolissimo vedere una bella tavola apparecchiata con gusto!!!!!!

    RispondiElimina
  14. ma anche no su tutt'e due i fronti... le argenterie e le porcellane importanti mi piacciono solo in foto. Per la mia tavola preferisco l'informale, l'etnico al limite o qualche accenno alla festività...
    un filetto del genere invece, non lo farei mai per un pranzo o una cena importanti... metti che sbaglio la cottura? :)

    RispondiElimina
  15. Sinceramente...ma anche no! Tutto molto bello per carità, tutto molto raffinato ma sinceramente ripenso alla tavolata del mio Natale, a casa mia in 14, un po' confusionari e scanzonati, sereni e ridanciani...credo che con una tavola di quel tipo e soprattutto con piatti di quella portata non soddisferei i palati dei miei affamati parenti che si sentirebbero anche a "fuori posto" in tutta quella perfezione che fa tanto "cena ufficiale della Casa Bianca"...mi spiace ma io non ho i sommeiller che versano il vino appena il bicchiere è vuoto o la signora che mi fa pulizia in soggiorno finito tutto...preferisco il mio Natale scalmanato...e voi no?

    RispondiElimina
  16. mi hai incuriosito, peccato che non ho la paytv :)

    RispondiElimina
  17. Questa sera Csaba ha trattato l'argomento festività dal lato dei bimbi....Quindi in teoria, atmosfera più allegra e rilassata, per una merenda fra bimbi. Ho detto in teoria perché in effetti....Ma non anticipo nulla, a domani per la seconda puntata.
    Per quanto riguarda la tavola, ripeto, molta bella, adatta comunque per poche persone cinque o sei come mostrato nella puntata.Per più persone, come di solito capita per Natale,con nonni, bimbi, ragazzi, la vedo più complicata da gestire.

    RispondiElimina
  18. Non vedo questo canale,purtroppo?.A casa mia si prepara tutto a festa,ma senza tanta formalita'.
    Lisa.

    RispondiElimina
  19. Lisa, neanche io lo vedo, ma i resoconti di Paola mi divertono troppo! :DDDD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...