venerdì 4 giugno 2010

Pasta alla Crudaiola

Se si hanno tante cose da fare, compreso cercare di capire come fare una foto che non faccia proprio ribrezzo, che comunichi in qualche modo la bontà di un cibo, non si ha certo il tempo di spignattare...



Quella che vi propongo perciò, è quasi una non-ricetta, tutt'altro che complicata, ottima d'estate, a patto che si adottino dei semplicissimi accorgimenti.
Se non l'avete mai preparata, provatela e fatemi sapere. Ingrediente fondamentale nella Pasta alla Crudaiola è la Ricotta Marzotica, un tipo di formaggio pugliese non sempre reperibile facilmente. E' una ricotta dura di pecora, salata e stagionata per 20-30 giorni, molto saporita, che potrebbe essere sostituita da quella detta Toscanella o dalla Ricotta greca, se proprio non la trovate, potrebbe andar bene anche il Cacioricotta, il meno stagionato possibile.
Preparate il condimento, mettetelo in frigo e andatevene al mare... al ritorno dovrete solo lessare la pasta, finire di condire, mescolare e portare in tavola!


Pasta alla Crudaiola



Ingredienti:
  • 350-400 gr di sedani rigati (De Cecco)
  • 10-15 pomodori ciliegini o perini
  • Ricotta Marzotica q.b.
  • Un mazzetto di basilico
  • olio extravergine d'oliva pugliese q.b.
  • 1 spicchio di aglio
  • sale q.b.
Tagliate i pomodorini a piccolissimi filetti, poneteli in una ciotola capiente che dovrà contenere anche la pasta e salateli appena.
Come raccomanda
Csaba dalla Zorza (novella Donna Letizia della TV), non usate assolutamente coppe in plastica, ma preferite una zuppiera oppure singole ciotole di ceramica o porcellana, per dare un "tono" elegante ad una pasta semplice semplice e povera povera! :DDDDDDDDDD

Aggiungete lo spicchio d'aglio (intero), metà del basilico (spezzettato a mano) un buon giro d'olio e la ricotta marzotica grattugiata al momento (con una grattugia a fori larghi) in quantità pari a 5-6 cucchiai colmi. Non mescolate, ma ponete la ciotola, coperta con pellicola, in frigo almeno per un'ora, ma anche più.
Qualche minuto prima di andare a tavola, lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolatela bene (senza passarla sotto l'acqua fredda, per carità!) e mettetela nella zuppiera con il condimento ben freddo. Sulla pasta calda fate un bel giro d'olio, aggiungete altra ricotta marzotica grattugiata al momento ed il basilico che avrete tenuto da parte.
Solo ora potrete mescolare bene, togliere lo spicchio d'aglio e servire.




Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Copyright 2009-2011© Ornella Ammodomio - All Rights Reserved

28 commenti:

  1. Quando vedo la parola "pasta...devo proprio passare di qui per imparare qualcosa, con la pasta mi destreggio poco.
    Grazie Ornella
    baci

    RispondiElimina
  2. Germana, tu sei bravissima, non hai certo bisogno di me.:)E' sempre un gran piacere vederti!
    Un bacio grande!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. buona questa crudaiola, ma senti un pò, io quando faccio la pasta fredda e vado di fretta dopo scolata la passo velocemente sotto l'acqua fredda... commetto peccato?

    RispondiElimina
  4. Ornella, che bel piatto, e grazie per aver sottolineato di non sciacquare la pasta sotto l'acqua fredda...
    Un domanda: nel mio frigo ho della ricotta salata siciliana, secondo te può andar bene?
    O il sapore della ricotta Marzotica è completamente diverso? Mi hai incuriosito, e la cercherò al mio rientro a Roma per le vacanze.
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. Sì Cristina!!! Basta che il condimento sia ben freddo!
    Non "lavare" la pasta Cri, perde tutto il suo sapore!!!! ;)

    RispondiElimina
  6. Ma come ti capisco!! Qui tra feste scolastiche da organizzare e a cui presenziare, cambio degli armadi e lavaggi di stagione vari che quest'anno sono di parecchio in ritardo (colpa di internet???), giardino che piange e montagna di cose da stirare (con la bella stagione i vestiti dei bimbi durano un giorno...) si spignatta poco e anche il blog langue... Ottima la pasta con la ricotta salata, io la faccio sempre in Sardegna quando vado alla cooperativa dei pastori ad acquistarla. Un bacione e a presto!

    RispondiElimina
  7. E la ricotta romana?che ne pensi?immagino gia' la risposta,pero' almeno cita il nome di un formaggio che si puo' sostituire;vuoi che faccio un viaggio in Puglia,per preparare questa bonta' che ci hai proposto?Bacioni,Lisa.

    RispondiElimina
  8. che piatto saporito ornella pefetto per la stagione e poi da te c'è sempre da imparare!!!un bacione imma

    RispondiElimina
  9. @ Stefania e @Lisa, potete sostituire il formaggio, ma non avrà lo stesso sapore. La consistenza della Ricotta Marzotica è tale che sciogliendosi un po', si amalgama con la pasta che così non rimane solo unta di olio. Credo che una ditta pugliese( MARTE ) la commercializzi in tutta Italia, tagliata in pezzi e messa sottovuoto. Prima non si trovava neppure in tutta la Puglia ma solo in alcune zone.
    Grazie a voi! :)

    RispondiElimina
  10. Lucia, aver compagni al duol...
    ahahah...

    RispondiElimina
  11. Imma, grazie a te! Figurati, non hai bisogno di imparare da me! :)
    Un bacio!!!!!

    RispondiElimina
  12. Proprio una pasta estiva...buonissima!...peccato che qui l'estate si stia solo facendo aspettare... :-(

    RispondiElimina
  13. Davvero buona!!!...io la preparo in un altro modo, ma la tua versione mi poace molto...per giunta io sono pugliese, e quindi la ricotta Marzotica (che noi adoriamo con le fave fresche) so dove trovarla....penso che proverò presto questa pasta!!!! un bacio

    RispondiElimina
  14. wow che meraviglia!!!complimenti!

    RispondiElimina
  15. questa pasta la faccio spessissimo d'estate, ma senza ricotta, ed è veloce e freschissima!
    smack!

    RispondiElimina
  16. Ciao! in estate è una delle paste che prepariamo più spesso: veloce, semplice e gustosissima!!
    un bacione

    RispondiElimina
  17. Vedo che ti diveri con la nuova macchina fotografica!!..belle queste foto!!c'è più soddisfazione vero?..e buona la pasta..!!!gnamm!!

    RispondiElimina
  18. La crudaiola con gli ingredienti giusti e' sublime...e' una delizia anche le paste gluten fre..

    RispondiElimina
  19. La faccio sempre anch'io, buonissima!!!

    RispondiElimina
  20. Evvai, Ornella !!! Ora anche le foto fatte da te! Che belle!
    Quanto piacerebbe anche a me imparare un po' di più.
    Baci
    Rosy

    RispondiElimina
  21. Ciao, le tue foto sono bellissime!!! La pasta crudaiola mi sembra succulenta, non credo ti trovare i formaggi che hai usato, ma ci proverò buon we

    RispondiElimina
  22. a me piacciono tantissimo i condimenti a crudo per la pasta, questo tipo di ricetta sono profumatissime e saprite..ovviamente molto estive

    RispondiElimina
  23. Ah ecco a cosa ti riferivi!!! ahahahahh sorry..non l'avevo vista...però hai visto che è diversa la mia? bacioooo

    RispondiElimina
  24. da quando ha iniziato a fare caldo l'ho mangita un giorno si e uno no!!!
    io sono una barese emigrante e nel mio ultimo viaggio nella mia terra ho comprato 5 pezzi di ricotta che ho prontamente congelato, perchè qui non l'ho ancora trovata....
    l'olio rigorosamente CIMA DI BITONTO me l'ha portato mio padre.... quindi sono a posto per tutta l'estate con la mia adorata CRUDAIOLA!

    RispondiElimina
  25. Uhhm, la adoro questa pasta. Mi sa proprio d'estate, di mare.

    RispondiElimina
  26. quoto in pieno il non sciacquare la pasta; oltretutto il calore residuo è essenziale nell'amalgamre i sapori del sugo :-) Livia

    RispondiElimina
  27. concordo sulla eccezionale bontà di questa ricetta che faccio da tantissimi anni proprio così, condimento freddo e pasta calda. Preferisco il cacioricotta DI CAPRA, perchè il cacioricotta, in provincia di brindisi, era tradizionalmente di capra, abbastanza tenero, sono d'accordo, ci aggiungo un solo ingrediente in più, un poco di origano (più uno facoltativo, poco peperoncino solo se piace).

    RispondiElimina
  28. che te lo dico a fare... buonissimo primo

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...