venerdì 30 ottobre 2009

La migliore ricetta di Julia Child

Appena avevo letto la deliziosa recensione che ne aveva fatto lei - negli States l'ha visto in anteprima - mi sono detta che non me lo sarei perso per niente al mondo e così l'altra sera me lo sono davvero gustato!
E' il film del momento Julie&Julia, quello che racconta di due donne che in epoche diverse, vanno alla ricerca della realizzazione personale in modi del tutto differenti, anche se accomunate dalla stessa grande passione per la cucina.





So benissimo che neppure voi amanti dell'ars coquinaria, ve lo potrete perdere e quindi ometto la trama per non togliervi il bello.
Perciò vi invito ad andare al cinema ed a dare libero sfogo alla vostra passione insieme alle due protagoniste. Impastate, mescolate, montate, affettate, amalgamate... divertitevi e sorridete ritrovando alcune caratteristiche comuni a molti di noi, ma annotatevi scrupolosamente la migliore ricetta di Julia Child che non troverete in alcun manuale di cucina.



La morale è chiarissima: affrontare la vita con la sana, divertente, leggerezza di Julia, senza che la passione travolga tutto; senza trascurare i valori, le persone, le cose davvero importanti !
Beh, io la lezione l'ho capita e dopo 5 mesi di vita da foodblogger "a tempo pieno" densa di soddifazioni quasi esaltanti - oltre ogni mia aspettativa - di divertimento, di emozioni... prometto solennemente che dal prossimo lunedì - eheheheh , c'è sempre un lunedì in tutti i buoni propositi - ricomincio a scalare la montagna dei panni da stirare...
Insomma, tralascio un pochino la cucina e mi riprometto di fare ordine negli armadi, così come nella mia vita! Ahahahahahah...


P.S.: Se dopo aver visto il film vi dovesse prendere la voglia irrefrenabile di provare una ricetta di Julia Child, andate QUI... ci sono delle meravigliose burrosissime brioches.
Troverete l'esecuzione passo passo, con il procedimento originale, tradotto ed interpretato dalla ricetta francese personalmente da Tinuccia
Io no, GIURO che non le provo!!! (séééééééé, mi si sta già allungando il naso)
Qui invece, troverete una mia interpretazione  del Gratin dauphinois di Julia Child

Le foto sono ovviamente tratte da Internet

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 

29 commenti:

  1. devo ancora andare a vederlo....

    Io e Albicocca abbiamo lanciato la NOSTRA PRIMA RACCOLTA "Ricette in Compagnia", ti va di partecipare?
    http://nocimoscate.blogspot.com/2009/10/la-nascita-del-bloge-la-nuova-raccolta.html

    Ciao,Castagna

    RispondiElimina
  2. Ornella ,accordo la tua promessa,penso che anch'io dovro' dare un'occhiatina agli armadi.Facciamo una gara ?si fa per dire,l'ottimismo è una buona cura,bacioni Lisa

    RispondiElimina
  3. E' da tempo che ho fatto questa promessa e l'ho mantenuta ... lasciando parecchio indietro i forum di cucina, occupandomi con moderazione del mio blog e occupandomi con più dedizione alla casa e non solo alla panza dei miei Orsi.
    Nulla di particolare, mi sono un pò ridimensionata e se ne avrò l'occasione, andrò a vedere il film.
    Baciottoni
    Mandi mandi

    RispondiElimina
  4. Ottimo proposito, Ornella. Devo ancora andare a vedere il film. Non lo perderò...in effetti la foodblogmania a volte mette a rischio l'armonia famigliare e ti distoglie dalle mille altre cose che facevi abitualmente, e dalle mille altre che potresti fare..Intanto per cominciare, sono andata ieri da Feltrinelli e mi son comprata una torre di libri! poi mi obbligo a star molto meno sul pc. E meno ancora ci starò prossimamente!!
    Ma "le donne di Genova, odiano stirare..ma fan ben..." :)
    Ciao
    Patrizia

    RispondiElimina
  5. leggo con piacere che non sono la sola ad esere stata travolta dall'essere una foddblogger e aver trascurato un paio di cosette a casa. Riguardo al film, avevo letto in giro che non sia poi così eccezionale...Forse, sarebbe meglio constatarlo di persona. Ok un bacio. E cominciamo lunedì.....

    RispondiElimina
  6. Sister tutte cose vere! Anch'io a forza di stare al PC e cucinare dolci che non dovrei mangiare, ho trascurato cose più importanti (tipo il pranzo di oggi, inesistente...)Come dicevo su CI, mi son detta da sola a voce alta "che disastro di casalinga" e Simone: "Brava nonna che te lo dici da sola"...

    RispondiElimina
  7. Ah Ornella, intanto grazie per il link.... E poi, come to capisco! A voltemi dico macchimmeloffafa'? Pero' la mia scusa ufficiale e' che non ho la TV e quindi prendo il blog come il mio passatempo serale.

    E mentre ti scrivo mi sono appena persa per le strade di NY alla ricerca della Sullivan Street Bakery (quella del pane senza impastare, ti dice qualcosa??), che nonostante il nome non e' in Sullivan Street!
    però il pane e' delizioso, e poi ho adocchiato un libricino niente male....
    La blog dipendenza colpisce ancora.... C'e' chi va da Abercrombie&Fitch e c'e' chi va alla ricerca dei bagels originali .....

    RispondiElimina
  8. ahhhh....ma allora sono in ottima compagnia!!quasi quasi mi ero spaventata da questa pc-dipendenza,credevo fosse un nuovo sintomo di pre-menopausa,una sorta di fuga dai problemi e.....dai panni da stirare!!!!!
    mi tranquillizzi,devo solo tornare un po' alle origini e ascoltare meno questo canto delle sirene che attrae e distrae dagli impegni quotidiani!!!!!!
    si,si....da lunedì!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Cara Ornella, non so come ringraziarti. Sei, come al solito, una persona squisita!
    Ti abbraccio forte e ti auguro uno splendido fine settimana, ricco di casa e di famiglia:))))

    RispondiElimina
  10. Io ho appena iniziato il libro!! Stupendo!!

    RispondiElimina
  11. @si lisa, vediamo a chi fa prima!!!ahahah
    @Castagna, ti ho lasciato il mio commento!
    @MamyRos, tu sei sempre avanti.. saggia come pochi, bravissima!!!
    @Patty, sisì bisogna darsi una regolata, sennò son guai! aahahah...
    @Alessandra, il film è divertente ma certo non da oscar...però fa riflettere, ci sono alcuni spunti interessanti sui rapporti di coppia in epoche diverse,solo accenni però, che si colgono tra salse, budini e cipolle!;))) Quello che mi è piaciuto di più è l'invidiabile, giulivo modo di sffrontare la vita di Giulia Childe,personaggio un po' sopra le righe, ma così "leggero"...
    @Sister, che saggezza Simone ahahahahah...
    @Sara, io mi dò una calmata... è necessario!!!!
    @Dauly, aver compagni al duol scema la pena...eheheh..
    @Tinuccia, sei tu he fai delle cose strepitose, come non segnalarle?
    @Eli, buona lettura!;))

    RispondiElimina
  12. mi sa che julia child impazzerà tra noi foodbloggers per un bel pò. Una vera e propria scoperta che ci divertirà tantissimo.
    Felice di aver scoperto il tuo blog.
    sciopina

    RispondiElimina
  13. Cara Ornella, sicuramente andremo a vedere il film, anche perché, da quel che ho letto, la filosofia di Julia Child è un po' anche la mia. Le focaccine sono meravigliose, goduriose, burrosissime... e grazie per aver messo il procedimento e l'esecuzione passo passo, che trovo sempre gradito. Grazie quindi per la ricetta e le foto passo passo. Un bacione.

    RispondiElimina
  14. Ragazzuole... ho fatto le brioche di Julia!!!!
    Approfittando nella segregazione forzata di questo sabato pomeriggio(data da un terribile raffreddore!) mi sono messa all'opera... che dire?
    Il procedimento è piuttosto semplice, diciamo che il lavoro pesante lo fà l'impastatrice.
    Ma il risultato... fenomenale!! Un pasta favolosa da lavorare, elastica e morbida.
    Sono venute sofficissime e squisite! Grazie, grazie e ancora grazie per la ricetta!
    Sperando che questo raffreddore stanotte mi faccia dormire... cosa che dubito fortemente...domani sarà una belllissima colazione.
    chiara

    RispondiElimina
  15. La Ricetta e le foto passo passo, sono tutto merito di Tinuccia!
    @Chiara sono contensiima che tu le abbia trovate fantastiche, con Tinuccia si va proprio sul sicuro! Bravissiama anche a te!!!!

    RispondiElimina
  16. Ciao! :)
    Io ho visto il film qualche giorno fa..è davvero bello e sembra quasi che ti inietti una dose di passione culinaria :)))
    ...e ti dirò che sto pensando seriamente di acquistare i volumi della Child :)

    RispondiElimina
  17. Ciao cara, sono un ragazzo di 24 anni quasi 25 mi piace cucinare anche a me molto, be il film io lo visto al cinema e stasera me lo sono riguardato in dvd, lo trovato ancora piu divertente, non sapevo he qualcuno avesse scritto un blog con le ricette di jullia be le provero qualcuna grazie ciao baci :)

    RispondiElimina
  18. Ciao! Qualcuno ha provato a fare la ricetta di quella bella carne rosolata, inaffiata con il vino rosso e rosolata per 2 ore e mezza al forno?Come si chiama la ricetta? chi la sa'?
    Ho voglia di farla grazie a tutti.
    Nik

    RispondiElimina
  19. Nicola, io non l'ho fatto, ma l'ho visto in giro... Te lo cerco ed appena lo trovo ti metto qui il link!
    Ciao e grazie a te.

    RispondiElimina
  20. Nico, ti riferisci a questa?
    http://www.cavolettodibruxelles.it/2010/05/julia-childs-boeuf-bourguignon

    'Spetta che ti metto pure un altro link E' venuta voglia anche a me di provarla!!!!!! :DDDDD

    RispondiElimina
  21. Eccoti l'altro link con la ricetta e le foto di tutti i passaggi!!!!!
    http://www.lacucinadimarble.it/rec.php?id=520

    RispondiElimina
  22. L'ho appena finito di vedere: è grandioso. E la voce di Meryl in lingua originale è divertentissima!

    RispondiElimina
  23. Io adoro questo film lo vedo spesso, ma visto che tu sei un'esperta del film e di Julia Child, ti volevo chiedere una cosa. Nel film preparano un floating island e a me sembrava una piatto salato pensavo ci fosse un formaggio filante. o almeno così sembra, ma da quello che ho trovato sul web è un dessert! Mi sai aiutare e mi sai dare la ricetta? Grazie

    RispondiElimina
  24. @Pepe, non sono un'esperta di Julia Child.. Il film l'ho trovato gradevole e divertente, meglio certo di tante porcherie che ci vengono propinate sl cinema o in TV, Non sarà da Oscar, ma mi ha permesso di conoscere meglio un personaggio poco noto in Italia, tanto che i suoi libri non sono mai stati tradotti in italiano. E' un vero peccato, perché la Child da vera appassionata di cucina, non scrive solo le ricette ma le "descrive", le racconta in ogni dettaglio. L'Ile flottante è un dessert francese classico fatto con le chiare d'uovo cotte nel latte. Non l'ho mai preparato, anche se, mai dire mai!!!!
    Graze a te e benvenuta tra noi! :)))

    RispondiElimina
  25. Grazie mille!Infatti ho letto che è un dolce francese fatto con le chiare d'uovo, probabilmente o ho capito male io o il film è poco veritiero! Anche io sto cercando di far partire un foodblog, degno di tale nome e al più presto tenterò un boeuf bourguignon...speriamo bene!! il vostro è bellissimo!

    RispondiElimina
  26. Amo questo film e l'ho già guardato almeno 20 volte...è da molto che voglio fare queste brioches...passate da noi...un blog appena alle prime armi!!!elisa

    RispondiElimina
  27. Ma volendo sapere cos'è quel piatto filante che diceva ChefPepe?? Io ho entrambi i libri di julia ma questa cosa è impossibile da sapere tranne se non faccio anche io tutte le ricette ;)

    RispondiElimina
  28. @Brucilla, l'ho già detto più sopra rispondendo a chef Pepe... E' un dessert francese:l'Ile flottante.
    Se vai sui blog "Una finestra di fronte" e "La Bottega del Nanni", ne troverai una loro versione. Ciao

    RispondiElimina
  29. Ho visto il film proprio qualche giorno fa! e ora me lo riguardo molto volentieri! :) ottima scelta questa di pubblicare un post al riguardo...ora mi metterò a scuriosare anche altre cose nel tuo blog! A presto! :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...