lunedì 3 agosto 2009

Pepata di cozze tarantine nel Guiness dei primati


Le cozze tarantine dal 1 Agosto entrano di diritto nel Guinness dei primati!

Non le belle ragazze della città pugliese - a Taranto infatti, non è un'offesa , è un complimento definire "cozza" una donna - ma i famosissimi molluschi dal sapore unico cucinati all'impepata da 150 "cozzari", coordinati dallo chef Vito Norvedi del prestigioso ristorante Al Gambero.

Con una Pepata di cozze di ben 3692 kg, la città dei due mari ha battuto di ben una tonnellata il Guinness Word Record che apparteneva ormai da anni alla città francese di St-Pierre-sur- Mer.

Me ne ha dato oggi notizia Tiziana, una carissima amica - dotata di grande talento culinario- del Forum di Cucina Italiana, che ha partecipato con entusiasmo allo storico evento e mi ha inviato queste bellissime foto.

Allora, come si prepara una Pepata da record?

(

Le cozze prima di tutto devono essere ben lavate e private dei residui di filamenti e successivamente si mettono a soffriggere insieme all'olio caldo con aglio e pochissimi pomodorini.
Si copre il tegame, si lasciano aprire le valva ai molluschi e si aggiunge pepe abbondante e prezzemolo tritato. Tutto qui!




Queste sono le due enormi padelle usate per battere il record: una da 250 kg e l'altra da 1000 kg



Ecco il piatto da 3692 kg pronto per essere gustato...


... da uno dei Team degustazione preposti "all'uopo". Che sacrificio, poveracci... :))


Infine, 4 belle "cozze allattimate" tarantine, tra le quali la nostra Tiziana ( la seconda da destra), che hanno partecipato all'evento.

Ah, come al solito dimenticavo le dosi degli Ingredienti:

  • 3 tonnellate (circa)di cozze tarantine
  • 300 kg di pomodorini
  • 280 litri di olio extravergine d'oliva pugliese
  • 750 teste di aglio
  • prezzemolo q.b.
  • pepe q.b.
Se volete replicare a casa vostra la celeberrima Pepata Tarantina... fate da voi le debite proporzioni! eheheheheh... Ricordate però che la vera Pepata Tarantina-Cozze 'a puppetedde- non prevede l'aggiunta di pomodorini né di vino bianco.

Grazie Tiziana per il bel reportage fotografico e complimenti affettuosissimi per la vittoria!


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano forum o altro, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941e successive modifiche.

Copyright © OrnellaAmmodomio All Rights Reserved.






5 commenti:

  1. Ornella che spettacolo! Io adoro le cozze! Quanto vorrei fare indigestione tuffandomi in quella padella !!! Un abbraccio Laura

    RispondiElimina
  2. mecojiones!!!! e che bel reportage!!!! io me le mangerei tutte, da sola...
    complimenti!
    ale

    RispondiElimina
  3. Mammamia le cozze tarantine!!
    Per 3 tonnellate di cozze quanto pepe avranno mai utilizzato?

    RispondiElimina
  4. Ciao,non so se già siete al corrente e vi interessa;noi a Napoli dopo averle aperte le facciamo aprire,ci aggiungiamo del pepe e le mangiamo e le accompagniamo con limone fresco.LISA

    RispondiElimina
  5. Si si, anch'io ne avrei mangiate un bel po', pure crude col limone come dice Lisa o "arracanate", oppure alla "poppitiella", al gratin, in soté, ripiene.... mmmhhh...
    @Lydia, quanto pepe? Lo chiedi a me??? Lo sai io vado a occhio!ahahahah...
    Grazie ancora a Tiziana, per le bellissime immagini che mi ha inviato.
    W LE COZZE!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...