mercoledì 5 agosto 2009

Bocconotti martinesi


Quella della cucina e del buon cibo non è una mia recente mania da food blogger, anche perché diciamoci la verità, in questa categoria mi ci ritrovo per caso e certamente ne sono una rappresentante un po' anomala.

E' forse per un retaggio atavico delle popolazioni meridionali che mi porto nel DNA, quello di identificare un luogo non solo per le sue caratteristiche geografiche, le bellezze paesaggistiche, per i beni culturali ed architettonici ma anche per il buon cibo, che per me Martina Franca è un luogo simbolo di buona cucina e cibi genuini!



Cittadina pugliese in provincia di Taranto nota ai più per i trulli, caratteristiche costruzioni dal tetto conico e per il Festival della valle d'Itria ( apprezzato dai melomani di tutto il mondo), è un posto dove i profumi della gastronomia locale si sentono in ogni stradina.


Non vi snocciolerò il rosario di tutte le bontà martinesi... vi parlerò soltanto del Bocconotto.

Questo dolcetto di per sé semplicissimo- pasta frolla, crema pasticcera, amarena sciroppata- a Martina Franca assume un gusto del tutto particolare che è difficile definire... certo è che chiunque vada in questa splendida cittadina pugliese, non può non tornare a casa portando con sé la "guantiera" di bocconotti acquistata in qualche nota pasticceria locale.

La ricetta? Ovviamente segretissima, non c'è verso di farsela dare e allora bisogna procedere per tentativi... Questo è il risultato migliore che sono riuscita ad ottenere dopo diversi esperimenti e mi sembra che sia fino ad oggi il più azzeccato.




Ingredienti per 4 Bocconotti (vi avanzerà un po' di frolla):

Per la frolla (atipica)

  • 300 gr di farina 00
  • 50 gr di burro
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine d'oliva
  • 1 uovo intero + 1 tuorlo
  • 5 cucchiai colmi di zucchero Zefiro
  • 1 cucchiaino colmo di lievito per dolci
  • 1 bustina di vanillina
Per la crema

  • 400 ml di latte
  • 3 tuorli d'uovo
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 2 cucchiai rasi di farina
  • 1 cucchiaino di frumina
  • buccia di limone intera ( che va eliminata a fine cottura)
  • 4 amarene sciroppate
  • zucchero a velo q.b. per decorare
Ho impastato come di consueto la frolla con cui ho foderato fino al bordo esterno 4 stampini di alluminio monoporzione di quelli usa e getta. Li ho messi in frigo a riposare insieme al resto della pasta frolla divisa in 4 palline avvolte nella pellicola. Nel frattempo ho preparato la crema, montando i tuorli con lo zucchero, aggiungendo la farina e la frumina setacciate, il latte a poco a poco e la buccia di limone, mettendo a cucere a calore moderato, rimescolando sempre. Ne è venuta una crema morbida e mi è sembrata quella giusta per farcire un dolce che deve poi cuocere in forno. La prossima volta proverò questa crema di Paoletta opportunamente ridotta nelle quantità e sostituendo alla vaniglia la buccia di limone... bisogna sempre sperimentare sennò non c'è gusto! Giusto Paolé? ihihihihihih...

Ho riempito ben bene i gusci di frolla con la crema, ho messo un'amarena per ciascuno ed ho coperto con l'altra pasta frolla, precedentemente stesa sottile col materello e l'ho incollata" al guscio con pochissimo bianco d'uovo, infine ho infornato a 180° per circa 20 minuti. Ho sformato i Bocconotti tagliando il contenitore di alluminio per non correre il rischio di rovinarli, li ho fatti raffreddare su una gratella e sploverati con abbondante zucchero a velo.

Ah, scusate... dimenticavo due passaggi:
1) quando farcite i gusci con la crema compattatela bene, sbattendo le formine sul piano di lavoro;
2) quando sigillate la copertura fate uno o due piccoli buchetti per evitare l'effetto "vulcano";
(sinceramente io non li ho fatti e non mi è successo nulla... però ho letto che si fa, quindi regolatevi voi...)

p.s. Vi metto qui un video sulle origini di Martina Franca, se siete interessati potrete trovarne altri.




N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano forum o altro, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941e successive modifiche.

Copyright © OrnellaAmmodomio All Rights Reserved

23 commenti:

  1. wow io penso che siano veramente squisiti!!!

    RispondiElimina
  2. giuro che ci ho provato ad avere un approccio serio alla ricetta: ho studiato sulle dosi della frolla, mi sono imposta di interrogarmi sulla percentuale dei grassi, sul riposo in frigo, pure sul diametro dello stampino. Ma alla fine, sulla "fudbloggher" ha prevalso la cuoca golosa et compulsiva e zac!, furtivo copia incolla e in archivio di corsa, fra le cose da fare subitissimo, appena si torna dalle ferie.
    Martinafranca è un sogno, ci sono appena stati i miei suoceri e non la smettono più di decantarne le meraviglie
    Buona giornata

    ale

    RispondiElimina
  3. Ho una passione "smodata" per i Bocconotti. Ho letto molto in proposito perchè avevo in mente di rifarli ma devo dire che la tua ricetta mi convince particolarmente. Non posso che farti i complimenti e condividerti in futuro eventuali miei sfaceli in cucina :-P Buona giornata ed alla prox

    RispondiElimina
  4. PS
    L'avevo scritto ma nel copia ed incolla l'avevo dimenticato. Faccio sempre la crema di Paoletta con la buccia di due limoni grattuggiati. E'spettacolare :-)

    RispondiElimina
  5. Sono golosissimi questi bocconotti...me li ero quasi scordati e ora mi è riesplosa una voglia incredibile di rifarli!

    RispondiElimina
  6. A prima impatto ho pensato guardando la foto ecco è alberbello poi ho letto martina ...ottimi questi dolcetti !

    RispondiElimina
  7. Ma di quel cuoricino cremoso ne vogliamo parlare? Forse sarebbe meglio tuffarcisi su direttamente:D

    RispondiElimina
  8. Ciao;è veramente sorprendente cosa si può apprendere dal tuo blog.Oltretutto questo è il mio dolce preferito,devo per forza cercare di provare ,sperando di cavarmela anche se ho molti dubbi.Brava ancora,LISA.

    RispondiElimina
  9. Allora, vi rispondo cumulativamente, sennò mi perdo.;)
    Il Bocconotto martinese è veramente particolare, diverso da quello napoletano e dal famoso pasticciotto leccese. Non saprei spiegarvi il motivo, se la consistenza della c.d. frolla oppure il sapore di limone...
    Comunque, in genere nella frolla tendo a metterci meno burro e sempre un po' di lievito, ai miei non piace troppo consistente...viene buona ugualmente.
    Di Martina Franca che dirvi? E' un luogo magico come tutta la valle d'itria, Alberobello, Locorotondo.
    A Martina c'è uno splendido Palazzo Ducale... beh ho capito, forse è meglio che vi aggiunga sotto il post i link di alcuni filmati, così potrete vedere da voi!
    Grazie a tutti,
    Ornella

    RispondiElimina
  10. ok li guardo e decido di farli in qualche nottata, ma mi dici che me ne faccio di 4? come minimo di tocca quadruplicare la dose anche solo per farne assaggiare 1 alla sola famiglia....
    ciao enrica

    RispondiElimina
  11. Enrica, hai ragione!!! Mi "tengo" sempre con le dosi per sperimentare, non si sa mai! :))

    RispondiElimina
  12. Non ho mai mangiato i bocconotti, ma mi hai fatto venire una gran voglia :)
    Buona serata.

    RispondiElimina
  13. Wooooowww ornella, che bontà!!!!
    Anch'io aumenterò le dosi: quattro bocconotti basterebbero appena per me!!!!
    Eh eh eh
    Licia

    RispondiElimina
  14. Un po' di frolla avanza quindi se riuscite a farne di più, meglio... Con gli avanzi io ho fatto biscottini con pinoli...

    RispondiElimina
  15. Ornella,
    io li ho fatti (con una ricetta simile che avevi passato su CI, se non ricordo male) tempo fa. Per essere buoni erano buoni, però...sono 'scoppiati' al centro e sembravano dei piccoli Vulcani! Non proprio presentabili, quindi.
    Mi sono ripromessa di rifarli, spero con maggior successo.
    Valeria

    RispondiElimina
  16. Valeria, sono proprio loro! Ho letto stamattina in un altro forum( su Gennarino) che alcuni forano la copertura prima di infornare... Io però non l'ho fatto, forse i miei non essendo perfettamente sigillati, non si sono gonfiati troppo. Non so...

    RispondiElimina
  17. Orella, sono in Puglia da 4 giorni e non entro praticamente più in messun paio di pantaloni...se vedi aggirarsi per Salento e Val d'Itria una tipa in larghi camicioni...sono io! Tra pasticciotti e crostate alla frutta, orecchiette e sagne, ciceri e trie, feise e friselle non so se riuscirò a sopravvivere!!Eh! eh! Che meraviglia, Ornella...qui è un incanto!
    E questi tuoi bocconotti me li rifaccio appena ritorno a casa, presa dalla nostalgia, lo so già, di queste luci magiche e di questa regione incantata! Un grande abbraccio
    Patrizia

    RispondiElimina
  18. Ma lo sai che io sono nata a Cisternino a 10 km da Martina.... te ne sei dimenticata nel citare i paesi vicini!!!!!
    che meraviglia questi boconottti per non parlare di tutte le altre specialità dolciarie della Puglia!!

    RispondiElimina
  19. Mi piace l'approccio culturale: cibo,territorio; e mi piace come organizzi il tuo blog così personale, ironico, divertente, non ci si annoia a leggere una tua ricetta, ma viene voglia di sperimentare.
    Ti saluto caramente, Angelapia

    RispondiElimina
  20. Oh mamma mamma! Se senti gemere smodatamente, non stare a chiederti da dove arrivi ;-) Kat

    RispondiElimina
  21. Ciao Ornella ci trasmetti l'amore che hai per la tua terra, i vostri piatti.....
    Questi bocconotti deliziosi, ma credo che preferisco la tua crema è più leggera e sicuramente buona!!!
    Grazie!!

    RispondiElimina
  22. " U BUCCHENOTTE" in dialetto Martinese
    di Giovanni Nardelli
    Jé nu dŏlce piccinnŭdde
    ma ci u vere quant’è finŭdde
    Sòpa sòpe jé bianche bianche
    a fióure na le manche
    Dŏlce dŏlce e teneridde
    ce n’affà du gnumeridde
    Chĕdda crēme fréšca fréšche
    ca ti fèsce alliccà le réscete
    E ce sté péure a ‘marène
    ce l’assagge, ahi! còme vēne
    Ce te ne mange jéune a regghiĕ
    tu te scirre da fatigghiẹ
    Tŭ sinte u vante di Martine
    e di paste sinte a reggine
    Vénene na mŏrre da fóre tĕrre
    e jinte i bar fascene a uĕrre
    Peccé a lu pajẹse u fórastire
    se vóle purtà du bucchenutte na uantire
    Ma cià brève i pasteccire
    chidde de jósce e chidde de jire quelli di oggi e quelli di ieri
    s’hanne prŏpete ‘mmurtalète
    ca pe néugguẹ l’hanne crijète
    Bucchenŏtte bucchenŏtte
    jẹ te sóne péure a nŏtte
    Ca te mange a vuluntà
    e pŏ me sénte a recrjà.

    RispondiElimina
  23. Ma questa è la mia cittadina!
    Anche se ormai sono trapiantata a Roma da 15 anni è a Martina che "torno a casa" :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...