giovedì 16 luglio 2009

La torta del 3 di Paola Lazzari



Credo abbiate capito che a volte prendo a pretesto una ricetta per fare quattro chiacchiere con voi, per sorridere insieme, per ricordare...Questa volta però, la ricetta c'è e ... che ricetta!Paola è una delle persone più deliziose che abbia mai incontrato nel web, la sua gentilezza e disponibilità è direttamente proporzionale alla sua abilità in cucina. Il gusto delle sue preparazioni unito alle decorazioni sempre raffinatissime e mai eccessive, fa la differenza. Non c'è nient' altro da dire se non che, mai come nel caso di Paola, l'abusata frase" la classe non è acqua", calzi proprio a pennello!Questa sublime torta di ricotta mi ha conquistato subito, ho letto per bene la ricetta e non avuto indugi. L'unico dubbio che si è affacciato alla mia mente è stato chiedermi perché mai si affermi che il 3 sia il numero perfetto. Avete una vostra spiegazione? Mi piacerebbe conoscerla... io ho trovato la mia, mentre riducevo a crema la ricotta con lo zucchero, aggiungevo le uova... E' noto che il numero 3 un po' per tutti i popoli sia l'unione del maschile e del femminile. Se non ricordo male per gli antichi rappresentava il Sole e la Terra che insieme generano la Natura. Insomma, il simbolo dell'unione di due Entità che riconducono all'Unità.Be', provate a fare la torta di Paola e poi mi saprete dire, dopo averla assaggiata, se vi ha riconciliato col sole, con la terra, con la natura e non vi ha fatto capire la ragione per la quale il 3 è il numero perfetto!

Torta del tre di Paola Lazzari
Ingredienti:
  • 3 hg di ricotta di pecora
  • 3 hg di zucchero
  • 3 uova
  • 3 hg di farina tipo"00"
  • 3 cucchiai di burro morbido
  • 3 cucchiai di latte
  • 3 cucchiai di succo di limone
  • 3 cucchiaini di lievito
  • Scorza di limone e vaniglia
  • Cioccolato fondente (100 g)


In un mixer lavorare la ricotta con lo zucchero fino ad ottenere una crema liscia, priva di granuli, unire il burro morbido e quindi le uova intere, uno alla volta.Aggiungere gli aromi, il succo di limone, ed il latte. Azionare ancora il mixer per qualche secondo ed infine unire la farina mescolata al lievito, lavorando il tutto brevemente. Versare l'impasto in una teglia (diametro 24cm) imburrata ed infarinata e cospargere la superficie di cioccolato fondente in pezzi, facendoli affondare leggermente. Cuocere in forno a 180°C per circa 45 minuti. Spolverizzare con cacao e zucchero a velo.


P.S. Le foto, insieme alla ricetta, mi sono state gentilmente concesse da Paola Lazzari e sono coperte da copyright.Vi consiglio di ammirare le sue creazioni anche QUI La mia torta è finita nelle nostre 3 bocche voraci nel giro di 3 minuti... neppure 3 secondi di tempo per fotografare! :D


Edit del 1 Giugno 2013
Questa torta è finita sul sito di Repubblica.it grazie a lei, a riprova del fatto che le ricette semplice e buone, senza tanti arzigogoli hanno sempre successo.  Da circa tre anni Paola Lazzari scrive su Ammodomio nel suo spazio Interno Otto dove troverete l'elenco di tutti i suoi post.
Questa ricetta della Torta del tre è edita nella sua raccolta di ricette e storie (acquistabile on line cliccando qui sul titolo)  "DOLCI (E) STORIE DI MAREMMA".


Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Copyright 2009-2013© Ornella Ammodomio - All Rights Reserved



31 commenti:

  1. Ma da te non c'è caldo??? Tutte che accendono il forno oggi?!

    La torta, comunque, è davvero invitante!

    Barbara

    RispondiElimina
  2. Barbara, c'è caldo eccome! Il forno però io l'accendo lo stesso... la sera si può fare benissimo... E' molto più semplice aver pronta una cosa fatta al forno che non stare ore impalate ai fornelli... ;D

    RispondiElimina
  3. 3 volte buona, 3 volte bella, 3 volte brava!
    Complimenti anche per le foto, ma ti stai dando alla pazza gioia o sbaglio?

    RispondiElimina
  4. wow buonissima questa torta!!!

    RispondiElimina
  5. Veramente una bella ricetta dalla foto sembra molto soffice, e sicuramnete avrà un buon profumo!Ho trascritto la ricetta deve essere deliziosa!

    RispondiElimina
  6. @Sara, le foto sono di Paola Lazzari...
    @ Frderica e Manuela, è davvero moooooooolto buona, soffice, dolce al punto giusto, leggerissima... va giù che è un piacere...

    RispondiElimina
  7. veramente delicatissima questa torta e complimenti a questa collaborazione che ha regalato a voi le fette di torta e a noi le foto per farci venire voglia di mangiarla!un saluto

    RispondiElimina
  8. Caty, Paola è una persona meravigliosa... proprio come le sue torte! mi ha fatto un grandissimo regalo e spero che possiate apprezzarlo anche voi!

    RispondiElimina
  9. Ornella quante meraviglie!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. che meraviglia poi di una semplicità e facile da fare , buono!

    RispondiElimina
  11. SUPERBA,COME VOI.MA hg sta per etto grammi?Salutissimi LISA.

    RispondiElimina
  12. E' vero, Paola è straordinaria, e non solo per la sua grande generosità :)

    RispondiElimina
  13. ooppss...non avevo letto la didascalia sotto alla foto, allora complimenti a Paola per le foto e per la ricetta.
    pero' ornella, ti stai lo stesso dando alla pazza gioia con il nuovo giocattolino, no?

    RispondiElimina
  14. Una sciccheria!!!!!!!!!!!
    Bella, buona e sopratutto semplice!!!!!!!!
    Ciao buon fine settimana

    RispondiElimina
  15. Bella questa torta, condivido in pieno il tuo pensiero, Paola è una persona deliziosa! Domani a Trieste piove.. quindi si potrebbe accendere il forno.. credo... Bè, grazie e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  16. Vi ringrazio tutte, siete state gentilissi e ringrazio anche chi non è riuscito a lasciare il suo commento... Buona notte

    RispondiElimina
  17. Oggi l'ho fatta e ne è rimasta già meno di metà! L'ho trovata molto delicata e davvero gustosa, anche se purtroppo non ho trovato la ricotta di pecora. Grazie

    RispondiElimina
  18. Michela, sono contenta che ti sia piaciuta!! Le ricette di Paola Lazzari sono una garanzia Grazie, per avermelo comunicato. Ciao ed a presto.

    RispondiElimina
  19. Grazie della bella ricetta, volevo anche chiederti se posso trovare delle altre ricette di Paola Lazzari, le sue creazioni sono dei capolavori che gradirei riprodurre per uso familiare.
    Complimenti per il tuo bel sito.
    Ciao
    Angela

    RispondiElimina
  20. Angela, grazie dei complimenti anche a nome di Paola. Non ha ancora un suo blog ma solo l'album con le foto delle sue magnifiche creazioni. Ha però in programma una piccola pubblicazione, appena ne avrò notizia lo comunicherò.
    Un saluto affettusissimo,
    Ornella

    RispondiElimina
  21. ho appena fatto la tua torta .....esagerata!!!
    grazie per le belle ricette che condividi con chi ti legge e complimenti per la semplicità del blog e la naturalezza delle immagini.
    ciao monica

    RispondiElimina
  22. Grazie Monica!!! Ci hai fatto un bel complimento nel sottolineare la semplicità di Ammodomio !! E' la cosa a cui teniamo di più!

    RispondiElimina
  23. io ho provato a fare la torta, ho avuto delle difficoltà, il cioccolato non è "affondato" e la pasta no è cotta bene anche se ho seguito tutte le indicazioni, come mai?
    Carmelina

    RispondiElimina
  24. Carmelina, è evidente che l'impasto non ti è venuto della giusta consistenza. Secondo me può dipendere da vari fattori:dal tipo di ricotta in primis.. E' difficile sbagliare con le ricette di Paola... Riprova! :)

    RispondiElimina
  25. Ragazze, siete mitiche! Semplici, brave e pure simpatiche!!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucia, ti ci metti pure tu? ;) Baci <3

      Elimina
  26. Grazie Lucia, ma non esageriamo !

    RispondiElimina
  27. Grazie a me?Grazie a voi!E grazie a Paola.Le ricette quelle "vere",quelle che riescono sempre,quelle complete (non quelle che cerchi di riproporre e guarda caso....chissà perchè manca sempre qualcosa,mannaggia i pescetti ^_^) vanno sostenute,proposte,fatte circolare ovviamente con le dovute attribuzioni,provenienza e riconoscimenti.Altrimenti che senso ha il lavoro che facciamo?Che senso ha scrivere come me di cibo?Ho lavorato abbastanza dietro le quinte per ..ehm..riconoscere a naso la verità "culinaria"^_^
    Sono logorroica,lo so.Ma scrivo per mestiere.Dateme 'na pagina bianca e siete rovinate !
    Un abbraccio
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monica, i commenti come i tuoi e dei lettori che provano le nostre ricette ci danno la carica per continuare sulla stessa strada.
      Un abbraccio

      Elimina
    2. Mi associo a quanto detto da Ornella.Un caro saluto e auguri per il tuo lavoro!

      Elimina
  28. l'ho postata oggi da me e ovviamente ti ho linkato!
    buona giornata
    Alice

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...